a lambire rotte mai sapute

 

 

 

 

 

 

 

ruotano giardini bruciati in sguardi estinti

               nuotano spini  di ninfee nella pioggia che li nutre

 sui tetti ombre ossute dimenticate

                 a lambire rotte mai sapute di comete

esplose in grida  

 stelle

                                ricadermi sui capelli

 

guarda

          come sogna quella nuvola avvitandosi

    allo sguardo

                        o sopra una culla affamata

emersa sulle maree

                    sotto i segni del cielo che non ha braccia

volano bianche le nuove cicogne di Hiroshima

                    volano da allora intorno ai cieli spenti

a piangere

Annunci

10 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. massimobotturi
    Apr 01, 2012 @ 07:24:41

    un incanto malinconico, e quei versi finali così stridenti. Per fare spine di bellezza, occorri

    Mi piace

    Rispondi

  2. mauri53
    Apr 01, 2012 @ 08:42:44

    pervasa di malinconia come una vecchia foto color seppia

    Mi piace

    Rispondi

  3. theallamente
    Apr 01, 2012 @ 09:02:40

    esplosioni stellari – ignare del bene e del male – in cielo come in terra

    sarà quella umana l’unica consapevolezza?
    baci

    Mi piace

    Rispondi

  4. frantzisca
    Apr 01, 2012 @ 09:38:40

    Tremenda-mente dolorosa…e quei cieli spenti uccidono la speranza, perchè accendono la paura di altre Hiroshima,
    tu sempre bravissima

    Mi piace

    Rispondi

  5. rossella
    Apr 02, 2012 @ 03:36:40

    Ce ne vuole per far apparire il dolore cosmico leggero come nuvole e invece ha pesantezza di macigno. Occorre la tua bravura, Stupendo quel “guarda”, lo interpreto come un risvegliare le altrui coscenze

    Stupenda ventis! Un bacio

    Mi piace

    Rispondi

  6. ombreflessuose
    Apr 02, 2012 @ 07:44:29

    Sogno spesso stretta ad una nuvola, mi perdo sempre nella fatica
    della vita.
    Delizosa nella sua tristezza
    Mistral

    Mi piace

    Rispondi

  7. wolfghost
    Apr 02, 2012 @ 13:22:01

    Non avevo capito subito a cosa si riferisse la poesia, sono dovuto arrivare alle ultime righe. Un’ode davvero riuscita ad una citta’ sfortunata…

    http://www.wolfghost.com

    Mi piace

    Rispondi

  8. margotcroce
    Apr 02, 2012 @ 17:40:23

    il guaio è che l’uomo non impara mai niente dalle proprie azioni.. in questo è il più stupido degli animali.
    ripercorre gli stessi errori con una tenacia ottusa

    Mi piace

    Rispondi

  9. davedomus
    Apr 03, 2012 @ 13:31:35

    Quella nuvola sognante piangerà le mille anime svanite nel ciclo infinito della pioggia. Eppure esiste un cielo più in là della ferocia, dell’odio e della stupidità. Si vede quando è buio e si guarda su un tappeto nero tappezzato di fulgide fiammelle e di una perla rara come la Luna…

    Mi piace

    Rispondi

  10. omar.m
    Apr 04, 2012 @ 10:39:03

    Tra giardini bruciati e cieli spenti l’incubo si ripete
    ma siamo veramente intelligente come pensiamo? NAGGIA,non trovo la risposta
    Buona giornata,Omar

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: