e vai a capire perché…

Dall’altra parte del cielo continui ad abitare in fiato dolce d’isola
disfatto in un bicchiere di rugiada del mattino
lecco, invece, qualcosa d’asciutto
oltre l’andirivieni scellerato dei tacchi a spillo in ticchettare disinibito
sotto gli occhi semichiusi sbavati al rimmel

che non li ho struccati

Ho sonno.

Ecco,
ti disperdo, come le spore bianche umbrellate dei pioppi a giugno
in neve presunta mi svegli allergie di amarti troppo

tu dici:
parole
mentre strasbatti la porta inclinata sopra un sorriso ebete

il perché non si sa

e io a maledirti, sotto al filodendro stracolmo di radici scoperte
come il sangue che mi cola verde
sopra
sotto
a fianco
e poi chissà.
Ma
dall’altra parte del cielo mi continui ad abitare
e ti bevo, succhiandoti in scelte varie

e vai a capire perché.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. roberto
    Lug 01, 2012 @ 06:34:47

    Sapessi
    l’altra metà del cielo
    si è fatta mela
    spaccata
    colpo d’ascia
    sul picciolo
    Stavo a guardare

    con occhi stanchi
    poichè le parti bianche
    son divenute buie
    ……………………….voglio
    ………………………………..ti amo
    …………………………………………sempre
    rimettere le parti ancora insieme
    io
    ….tu
    …….che nello stesso stagno
    abbiamo condiviso le zanzare
    l’altra metà del rospo………….io
    …………………………………………. tu la rana.

    Ro.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: