La terra c’inseguirà per assorbirci

Del mio sangue rapido chi mi dirà…

In un inquieto andare distillerò i miei passi

ingorda di vita, con sillabe di luna sulla guancia a pressare

contro a una meta sconosciuta  dilatarsi nella strada.

E del mare e del silenzio che ne faremo…

Ci fotteremo, vedi?…

muove il rosso là dove la sera s’appoggia alle colline d’oro

fissare questa manciata di bellezza allora,

prima di alzarci e andare

ovunque andare, col peso di portare dietro se stessi

le ore della partenza sempre di piombo

a svellere le ossa, immersi nella terra che c’inseguirà

per assorbirci.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ventisqueras
    Lug 21, 2012 @ 20:17:39

    ringrazio per i graditi commenti e per le presenze
    un abbraccio in Poesia
    Ventis

    Mi piace

    Rispondi

  2. roberto
    Lug 22, 2012 @ 06:45:29

    Sotto le ciglia
    nascono i pensieri
    crescono a grappoli
    si fanno timorosi
    camminano brancolando
    e barcollando svegliano
    occhi sopiti invano
    bussano ancorate
    sulle ossa mia distratte
    sulla carcassa petto
    che ogni tanto, a letto
    mi tambura

    the rosp… 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  3. massimobotturi
    Lug 22, 2012 @ 12:37:22

    hai dilatato, ed esaltato Ungaretti
    col tuo personalissimo stile

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: