Ornitopthera priamus ecuba

paul gauguin

Lava-Kilauea

Si dilatano vetri ad arco

scoprono ridendo sottili pensieri

sciaborda l’ombra nelle strane congiunzioni

astrali

si fa marea lunare vergine in settembre

per navigare

schizzi di luce sulla chiglia che orza a babordo

di un indefinibile percorso

-indefinibile come il sapore di un ricordo-

 

ecco una sfera galleggiare

forse immobile

forse

chissà

sospesa nel soffio dannoso di cui lungamente

sorridere

o tacere -che poi è lo stesso-

cercareceneri di un percorso svenduto al crocevia

fino all’inganno

lividi riesumati e taciuti

fino infondo

colonizzati dalla gigantesca ornithoptera hecuba
come isole sperdute della Polinesia
sorvolando mari e bufere risalire
ai paradisi perduti dove rombano eterni i vulcani.
Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. infranotturna
    Mar 25, 2013 @ 09:13:35

    fra il tropico del cancro e il tropico del capricorno
    la vergine cavalca nuove costellazioni di poesia – emergono dal mare…
    baci

    Mi piace

    Rispondi

  2. ombreflessuose
    Mar 25, 2013 @ 11:59:40

    Come la tua Farfalla, il tuo poetare mi ha conquistata
    Abbraccio
    Mistral

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: