L’acqua di San Giovanni ( Solstizio d’estate )

iperico

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

preparai l’acqua profumata nella coppa di cristallo
sul balcone di corallo attraversato dai sette venti:

sette cuori di gelsomino, dieci petali di rosa
otto foglie di cedrina, cipria dorata di mariposa

attesi.

Sotto festoni di luna a foglie cantava il fiume
la sua canzone folle

avevi gli occhi pieni di ali, la bocca sui seni mi posavi.

Chi piange succo di limone?
Chi ride succo d’arancia?

Sotto festoni di luna bianca. s’assopì la notte
si fece stanca.

Chiusi gli occhi mentre in fila angeli e streghe
erano tutti passati, mi restarono impressi sui seni e sui fianchi
tutti gli aromi e i profumi
dell’acqua magica di San Giovanni.

Figlia del sole, occhi come il mare
Capelli colorati, la luna d’estate
Cantami il vento, che leggero soffia
Cantami il grano d’oro d’estate
Figlia del sole, in mezzo al campo
Muovendo la veste, muovendo i fianchi
Sembri un sogno, non riesco a prenderti
Mi incanta il seno nel vestito di lino
Nei campi rossi papaveri
Con il vento che li muove danzano
Danzano insieme a te
Che sei come un papavero
…Ti cerco ma dove sei tu
Figlia del sole, gioiello della vita
Leggera come la luce nella notte d’estate
Sembri un sogno, non riesco a prenderti
Mi incanta il seno nel vestito di lino
…Ti cerco ma dove sei tu
Papavero

Janas

Ho tradotto dalla lingua sarda ( perché quello sardo non è un dialetto, ma una vera e propria lingua) questo testo bellissimo inneggiante all’estate, al sole, all’amore non solo per gli amici di varie lingue che passano a salutarmi, ma anche per noi italiani che lo troviamo quasi del tutto incomprensibile

è molto particolare l’ etimologia del nome di questo complesso rock sardo le Janas infatti sono strutture sepolcrali preistoriche costituite da tombe scavate nelle grotte ritrovate in molti paesi mediterranei ( ne ho viste anche nelle isole Canarie) e in più è il nome dato alle fate del folckore sardo ” Se nella notte vi sentite chiamare tre volte non vi allarmate, sono le Janas che vi hanno scelto.

La notte delle streghe

In questa festa, secondo un’antica credenza il sole (fuoco) si sposa con la luna (acqua): da qui i riti e gli usi dei falò e della rugiada, presenti nella tradizione contadina e popolare. Non a caso gli attributi di S. Giovanni sono il fuoco e l’acqua, con cui battezzava, così agli antichi riti pagani si sono sovrapposti quelli del cristianesimo

ora si è aggiunto anche il consumismo a fare un mix fra tradizioni pop, ancestrali e i riti druidici importati nelle Americhe che hanno dato origine alla festa di halloween, a san Giovanni in Marignano si tiene appunto una di queste celebrazioni sponsorizzata dal comune di Rimini, con festeggiamenti molto suggestivi

nottedellestreghe-02

falò accesi nei campi la notte di S. Giovanni erano considerati, oltre che propiziatori anche purificatori e l’usanza di accenderli si riscontra in moltissime regioni europee e persino nell’africa del nord.

h445_ribes_rosso

Le erbe più note da raccogliere nella notte del 24 sono: l’iperico detto anche erba di S. Giovanni; l’artemisia chiamata anche assenzio volgare e dedicata a Diana-Artemide; la verbena protettiva anch’essa e il ribes rosso che allontana i malefici.

Verbena_SuperbenaDarkBlue

iperico

Con alcune delle piante sopra citate era possibile fare “l’acqua di San Giovanni”: si prendevano foglie e fiori di lavanda, iperico, mentuccia, ruta e rosmarino e si mettevano in un bacile colmo d’acqua che si lasciava per tutta la nottata fuori casa.
Alla mattina successiva le donne prendevano quest’acqua e si lavavano per aumentare la bellezza e preservarsi dalle malattie.

In alcune regioni, come ad esempio la mia Toscana questa acqua fungeva anche da filtro d’amore, si credeva che dopo essersi bagnate le labbra con l’acqua di San Giovanni ed avere pronunciato ad alta voce il nome dell’amato esso sarebbe stato vittima del sortilegio.

gelsomino-rampicante_O3

erica - fiori 1

Sfondo-fotografie-1920-1200-Fiori-Immagini-Rose-Bella-Fiori-Immagini-Ni790302

E molti sono i riti solstiziali che si svolgono in particolare a Stonehenge (Inghilterra), richiamando nel sito ancora carico di misteri migliaia di persone ogni anno.

stonehenge

Ancora oggi moderni gruppi neopagani e neodruidici celebrano il giorno di “Midsummer”, la Mezza estate cara a Shakespeare.

2

Annunci

Video

52 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Isa
    Giu 21, 2013 @ 16:04:56

    Che emozione questa poesia…il video inneggiante all’estate e tutto ciò che “parla” di San Giovanni…e quanti ricordi…ché sono nata a Roma proprio nel quartiere chiamato San Giovanni e tutti gli anni il 24 giugno si festeggiava tra il sacro e il profano questo Santo…la vigilia è, ed era chiamata la “notte delle streghe” e si mangiavano lumache nelle osterie mentre passavano i carri folcloristici e si facevano i fuochi e… arrivava il profumo della lavanda…ma tutto passa, l’importante è che il ricordo resti…
    ciao cara buon fine settimana all’insegna della “ritrovata” estate, Isa

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:15:21

      cara Isa è così bello quando con i propri piccoli pensieri si riesce e smoverne altri che stavano chiusi da qualche parte nei cassetti della memoria
      i tuoi ricordi sanno di pulito, di fresco, odorano di sapori genuini che si vanno perdendo nella fretta caotica del nostro vivere quotidiano, ma per fortuna c’è l’occhio della Poesia che fa rilucere pensieri come stelle
      passa una serena giornata nella tua bella Roma, caput mundi, amica

      Mi piace

      Rispondi

  2. Denise
    Giu 21, 2013 @ 18:35:13

    Ton poème est magnifique et la vidéo superbe tout comme ces merveilleuses fleurs, c’est tellement poétique et l’histoire de l’acqua di San Giovanni est bien intéressante.J’aime ton billet et puisque c’est le premier jour de l’été, je te le souhaite merveilleux.
    Belle soirée, Ventis et merci pour tous ces jolis mots.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:51:04

      mia cara Denise, è così bello avere le tue dolci parole fra i miei pensieri!
      mi piacerebbe sapere se a Ginevra avete qualche tradizione o qualche festa particolare che ricordi l’inizio dell’estate
      passa una domenica serena tra le tue belle rose
      un grande, amichevole abbraccio

      Ma chère Denise, c’est tellement agréable d’avoir vos mots doux entre mes pensées !
      Je voudrais savoir si vous avez aucune tradition à Genève ou n’importe quel parti donné que souvenirs de début de l’été
      passe un dimanche serein entre vos belles roses
      un câlin de grand, sympathique

      Mi piace

      Rispondi

      • Denise
        Giu 23, 2013 @ 12:28:16

        Ma chère Ventis, pour répondre à ta question, à Genève, nous n’avons pas de fêtes spéciales pour les premiers jours de l’été.
        Il existe au mois de juin un concours de la plus belle rose du Parc de la Roseraie. Ce parc est magnifique et le parfum des roses est remarquable.
        Avec la pluie que nous avons eu, je ne suis pas allée mais je t’envoie un lien à ce sujet. Il me semble que les résultats ne sont pas encore connu. Voici le lien :

        http://www.ville-geneve.ch/themes/environnement-urbain-espaces-verts/manifestations-evenements/concours-international-roses-nouvelles/

        Mes pensées bien chaleureuses 😉 et bon dimanche

        Mi piace

      • ventisqueras
        Giu 23, 2013 @ 21:46:04

        grazie del tuo cortese e sollecito interessamento, quando ci sono queste esposizioni-concorso sono sempre una grande gioia per gli occhi è vero, ma anche per i profumi, a Firenze c’è il concorso nazionale del le iris ( che come sai è il simbolo di Firenze) quando ci vado ritorno sempre stordita da tanta bellezza( me lo fa anche guardando il duomo d Firenze, si chiama sindrome di Stendhal, he he, sono una folle innamorata della bellezza!)
        passa una notte serena:-)

        Mi piace

  3. gelsobianco
    Giu 21, 2013 @ 23:42:50

    Io danzo!
    Lasciami danzare tutta la notte!
    Lascia che i profumi mi facciano l’amore.
    Io continuo a danzare

    Poi torno, Ven!
    Ti sorrido danzando.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:21:29

      danzare sotto le stelle nella prima notte dell’estate, quando il caldo vento del sud scompiglia i sogni
      danza anche la natura, sorridendo e frusciando, con le foglie degli alberi
      buona domenica, cara

      Mi piace

      Rispondi

      • gelsobianco
        Giu 23, 2013 @ 21:12:20

        E’ la mia infatti una danza insieme a tutta la natura, una danza che nasce profonda dalla parte più vera di me stessa.
        Il vento scompiglia i miei sogni ed il mio corpo.
        Tutto è sempre così inscindibile!
        “Sotto festoni di luna a foglie cantava il fiume
        la sua canzone folle
        avevi gli occhi pieni di ali, la bocca sui seni mi posavi.”

        Ven, tutto il tuo post è una meraviglia!
        I colori, i profumi, la luce e la magia del fuoco, la poesia, la musica…
        Tutto danza con me!

        A Midsummer Night’s Dream

        Buona serata, cara!
        Ti sorrido.
        gb

        Mi piace

      • ventisqueras
        Giu 23, 2013 @ 21:23:26

        acci a me!! sono imbranatissima col pc, non riesco a rilevare la tua mail, ha ha
        le foto che volevo mandarti te le metto qui, intanto, sono di sabato scorso, qui a Pisa c’era la LUMINARIA, che si svolge ogni anno per la festa di San Ranieri, il patrono, vengono a migliaia da ogni parte del mondo per vederla, e l’anno prossimo dovrebbe essere inclusa nel patrimonio mondiale dell’UNESCO, o guarda un po’




        Mi piace

      • gelsobianco
        Giu 23, 2013 @ 21:28:14

        Queste sono fotografie da guardare con occhi di bimba!
        Sì.
        Splendore che incanta!
        Stupore!
        Grazie, Ven!

        Io salvo tutto e, poi, riguardo!:-)

        Mi piace

    • gelsobianco
      Giu 23, 2013 @ 21:20:50

      Perdona se, oggi, non ho avuto tempo di guardare bene quel meraviglioso sito che mi hai indicato.
      Ho qualche problema serio in questo periodo! Purtroppo!

      Vengo qui, in “Casa Tua”, e tutto dimentico nel vento caldo…
      gb

      Mi piace

      Rispondi

      • ventisqueras
        Giu 23, 2013 @ 21:26:10

        mica scappa, sai! lo guarderai quando potrai
        cerca di essere forte, quando ci sono i problemi è il momento di far uscire tutta la grinta
        ti sono vicina con affetto

        Mi piace

      • gelsobianco
        Giu 23, 2013 @ 21:29:34

        Sento la tua partecipazione affettuosa!
        Mi dà coraggio!
        Ti abbraccio
        gb

        Mi piace

      • ventisqueras
        Giu 23, 2013 @ 21:53:33

        per augurarti la buonanotte ti invio una parte di un testo di Allen Ginberg ( autore totalmente nelle mie corde)
        CANZONE

        Il peso del mondo
        è amore.
        Sotto il fardello
        di solitudine
        sotto il fardello
        dell’insoddisfazione

        il peso,
        il peso che portiamo
        è amore.

        Chi può negarlo?
        In sogno
        ci tocca
        il corpo,
        nel pensiero
        costruisce
        un miracolo,
        nell’immaginazione
        s’angoscia
        fino a nascer
        nell’umano –

        s’affaccia dal cuore
        bruciando di purezza –
        poiché il fardello della vita
        è amore,

        Mi piace

      • gelsobianco
        Giu 23, 2013 @ 23:23:07

        …. Grazie, Ven! Dolce notte a te!:-)
        ma noi il peso lo portiamo
        stancamente,
        e dobbiam trovar riposo
        tra le braccia dell’amore
        infine,
        trovar riposo tra le braccia
        dell’amore.

        Non c’è riposo
        senza amore,
        né sonno
        senza sogni
        d’amore
        sia matto o gelido
        ossessionato dagli angeli
        o macchine,
        il desiderio finale
        è amore
        non può essere amaro
        non può negare,
        non può negarsi
        se negato:
        il peso è troppo

        deve dare
        senza nulla in cambio
        così come il pensiero
        si dà
        in solitudine
        con tutta la bravura
        del suo eccesso.

        I corpi caldi
        splendono insieme
        al buio
        la mano si muove
        verso il centro
        della carne,
        la pelle trema
        di felicità
        e l’anima viene
        gioiosa fino agli occhi

        sì, sì,
        questo è quel
        che volevo,
        ho sempre voluto,
        ho sempre voluto,
        tornare
        al corpo
        dove sono nato.

        Emozione pura!

        Mi piace

      • gelsobianco
        Giu 23, 2013 @ 23:33:07

        Allen Ginsberg è nelle mie corde, Ven, come nelle tue!

        Ho voluto postare anche gli altri versi per poter dare a tutti la emozione grande di tutto il testo!

        Grazie ancora!

        Un abbraccio
        gb

        “I corpi caldi
        splendono insieme
        al buio
        la mano si muove
        verso il centro
        della carne,
        la pelle trema
        di felicità
        e l’anima viene
        gioiosa fino agli occhi”

        E’ una meraviglia!

        *Difficilmente un atto d’amore viene “cantato” così… anche in Poesia!*

        Io mi incanto sempre!:-)

        Mi piace

      • ventisqueras
        Giu 27, 2013 @ 05:10:38

        hai fatto bene a completare il testo
        grazie

        Mi piace

  4. Principedellemosche
    Giu 22, 2013 @ 04:51:33

    Molto bello, complimenti mia cara Ventis. Moltissime cose che hai scritto, non le sapevo …… leggerti dinventa sempre pi piacevole. Buon fine settimana.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:24:12

      mi è di conforto sapere che i miei pensieri contribuiscono a trascorrere momenti sereni, credo che non ci sia niente di più bello per chi queste cose le fa con semplicità ed amore
      buona domenica anche a te , Principe
      🙂

      Mi piace

      Rispondi

  5. restlessjo
    Giu 22, 2013 @ 08:08:03

    Figlia del sole! Mille, mille grazie. 🙂
    I am running through your poppy fields.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:27:35

      è splendido sapere che per un istante sono riuscita a cancellare l’immagine del tuo cielo grigio, su in Inghilterra, ed anche fatta correre nel mio campo di rossi papaveri
      buona domenica amica di grandi immagini, io le adoro!

      It is wonderful to know that for a while I was able to erase the image of your gray sky, on in England, and is run in my field of red poppies
      good Sunday friends with great images, I love it!

      Mi piace

      Rispondi

  6. Gaël LOAËC/Paul ANDREWS (Blog 3)
    Giu 22, 2013 @ 08:16:34

    Des mots vraiment magnifiques qui fêtent si bien le soleil, l’été, la vie…!
    bien à toi Ventisqueras
    de Brest, je te salue

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 06:32:26

      Brest!
      ho ancora negli occhi la vista della città, magnifica dal ponte che attraversa la grande opera del canale che proviene da Nantes—abitate il una città magnifica, piena di immagini e vita
      vi ringrazio di essere passato con un sorriso fra i miei pensieri
      vi auguro una giornata serena

      J’ai toujours les yeux la vue sur la ville, magnifique du pont qui traverse la grande œuvre de la chaîne qui est originaire de Nantes—habité l’une ville magnifique, pleine de photos et de la vie
      Merci d’être passé avec un sourire comme mes pensées
      Je vous souhaite une bonne journée

      Mi piace

      Rispondi

  7. giselzitrone
    Giu 23, 2013 @ 08:10:28

    Wünsche dir einen schönen Sonntag lieber Ventis,die kräuter Kenne ich auch Beifürs und etliche aber nicht alle,man sagt ja für alles ist ein Kraut gewachsen,sehr schöner Bericht.Wünsche dir einen guten Sonntag Lieber Gruß Gislinde

    Mi piace

    Rispondi

  8. ombreflessuose
    Giu 23, 2013 @ 10:14:17

    Non oso dire nulla, è tutto un ricamo bello e ricercato
    Grazie mille, Ventis
    Happy summer
    Mistral

    Mi piace

    Rispondi

  9. White
    Giu 23, 2013 @ 12:57:02

    Wonderful blog and wonderful post!!!
    Un abrazo y feliz domingo!!
    W.

    Mi piace

    Rispondi

  10. sileno
    Giu 23, 2013 @ 15:32:56

    Ti auguro una felice e magica di san Giovanni.
    Molto suggestiva la “Figlia del Sole”, parole dolcissime come è dolcissima “Janas” che ho avuto il privilegio ed il piacere di conoscere.,

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 23, 2013 @ 22:07:51

      il mondo è piccolo eh!! ( riferito ai Janas)
      sì, sembra fatta a posta per celebrare questa ricorrenza, qui da noi ancora molto sentita nelle tradizioni che si sono conservate nei piccoli paesi
      Passa una notte serena, e grazie

      Mi piace

      Rispondi

  11. Iannozzi Giuseppe
    Giu 23, 2013 @ 17:12:07

    Se non avessi tradotto dal sardo, ti avrei sguinzagliato contro le mie caprette sarde. 😀
    Ammetto di non coscere questo gruppo, purtroppo con la musica sarda sono un po’ fermo ad alcuni nomi, primi fra tutti i Tazenda che adoro.

    Bacione e buona estate e grazie

    beppe

    Mi piace

    Rispondi

  12. frantzisca
    Giu 23, 2013 @ 19:33:39

    Ventis dalle meraviglie,
    da te c’è sempre qualcosa che mi sorprende prima la tua poesia, e poi le varie curiosità che proponi sempre interessanti, forse oggi ne ho una anch’io…
    il gruppo che ha inciso questo testo si è preso una licenza, non so se voluta, o per non conoscenza della lingua sarda chiamando il papavero “Rubia dormidera” in quanto la “dormidera” da cui si estrae il narcotico è gialla,
    quindi la rubia dormidera non esiste, in sardo i lemmi con cui si indica il papavero sono tantissimi e tutti di genere femminile nonostante le vocali finali indichino il maschile, questo perchè è sottintesa la parola “rosa” ritenendo il papavero simile a una rosa di campo.
    Un abbraccio.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 24, 2013 @ 22:27:27

      ara la mia Frantzi, innanzi tutto la mia gioia di averti qui, amica, poi il ringraziamento per le parole sempre gentili nei miei riguardi
      per la lingua sarda…o non sei tu l’esperta? posso dirti solo alcune riflessioni in proposito, gli otto componenti del complesso Janas sono tutti sardi-sardi addirittura dello stesso paese, Seneghe, e portano in giro le tradizioni della vostra bella terra, sinceramente neppure a me “dormidera” non era sembrata una parola sarda, pensavo al nome scientifico del papavero, come e perché lo abbiano inserito nel contesto andrebbe magari chiesto a loro, forse per assonanza o chessoio, comunque ho trovato interessante la tua spiegazione botanica
      passa una notte serena, spero ci risentiremo presto
      ti abbraccio con affetto
      Luna

      Mi piace

      Rispondi

      • frantzisca
        Giu 25, 2013 @ 06:43:58

        Mia Lady,
        io ti seguo sempre anche se non ho il tempo materiale per lasciare traccia.
        Ancora una precisazione, non credere che i sardi sappiano tutti la loro “Limba”, io ancora la sto studiando e mi accorgo che ho ancora molto da imparare ha così tante sfumature ed è così ricca…ma seguo un grande maestro che è Massimo Pittau una vera eccellenza nella materia. Per quanto riguarda dormidera o dromidera esiste in sardo “che fa addormentare” è il significato letterale, in italiano potremmo dire “soporifero”, penso che sia una contaminazione dell’occupazione spagnola…ma questo è un parere personale, e comunque il Pittau l’associa proprio al papavero giallo.
        Ciao Ventis,
        grazie per le tue sempre graditissime attenzioni, volevo regalarti una luna bellissima, ma questo sito non lo permette, rimpiango tanto la vecchia “casetta”

        Mi piace

      • ventisqueras
        Giu 25, 2013 @ 07:12:42

        nonèvdrononèverononè
        verooooo, SI PUO’ FARE voglio la luna della mia Frantzisca!! puoi farlo inviando il link, poi passo a recuperarlo io,
        lo sai, la tua limba, la tua regione, le vostre tradizioni amabilissime per me sono molto speciali, ed anche se non ci capirò senz’altro nulla cercherò di curiosare un pochetto da questo signore che nomini
        passa una giornata serena e ti ringrazio dell’attenzione, ma lo sai, mica m’importa che tu commenti, lasciami solo un sorriso e saprò che mi sei vicina

        con affetto LUna
        🙂

        Mi piace

  13. giselzitrone
    Giu 24, 2013 @ 08:45:39

    Wünsche eine gute neue Woche,hier ist keine Sonne in Köln nur Regen und Kalt.kein Sommerwetter.Lieber Gruß Gislinde

    Mi piace

    Rispondi

  14. wolfghost
    Giu 24, 2013 @ 08:50:14

    Devo dire che i tuoi post sono sempre molto interessanti, coniugando perfettamente le belle poesie con i racconti della tradizione che proponi 🙂 Quello delle fatine Janas in particolare è davvero simpatico! Starò attento a sentire se qualcuno mi chiama tre volte 😛

    http://www.wolfghost.com

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 24, 2013 @ 22:41:55

      naturalmente me lo dirai se le fatine Janas ti avranno scelto…ed io ne sarò tremendamente invidiosa!
      Il tuo apprezzamento mi gratifica sempre molto, sono anche io una piccola appassionata di quelle tante cose che rendono più preziosa la vita portandoci ad incontrare strade già percorse eppure sempre nuove ed attuali
      una notte serena per te, Lupo

      Mi piace

      Rispondi

  15. Plumes d Anges
    Giu 24, 2013 @ 09:52:29

    Comme j’aimerais parler et comprendre l’italien, c’est une si belle langue ! Les traducteurs “automatiques” sont vraiment très approximatifs !!! Belle fête de la saint Jean à toi Ventiqueras. brigitte

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 24, 2013 @ 22:46:33

      sto cercando anche io di riprendere un po’ l’uso della lingua francese, e lo scambio con blogger della tua lingua mi aiuta moltissimo, naturalmente, quando sono stanca come ora mi viene più facile scrivere in italiano, ma se avremo costanza, penso che riusciremo entrambe ad esprimerci più agevolmente
      ti ringrazio per le belle parole e l’attenzione e ti auguro una notte felice

      Mi piace

      Rispondi

  16. happysummersh
    Giu 24, 2013 @ 11:29:23

    Un post interessantissimo, che ho letto con molto piacere perché non savevo niente di queste tradizioni di origine così antiche, mi veniva in mente solo un verso “Tutta di verde mi voglio vestire, tutta di verde per Santo Giovanni”, chissà perché di verde.
    A proposito stasera vado a un piccolo ricevimento e ho comprato un completo verde smeraldo… però non ricordavo assolutamente che fosse la festa di S. giovanni! 😀

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 24, 2013 @ 22:52:24

      forse perché nelle erbe che si preparano per l’acqua di San Giovanni è il verde che prevale, e l’iperico che è proprio detto erba di San Giovanni ha delle foglie di un verde bellissimo anche se i suoi fiori sono gialli, le tradizioni popolari non andrebbero mai tralasciate, in esse c’è sempre quella saggezza che viene da una esperienza di secoli ed io ne sono innamoratissima.
      Ti ringrazio infinitamente per le belle espressioni che hai usato per il mio testo, per me la Poesia è come respirare ed i momenti più belli li passo quando qualcosa mi affascina e sento scorrermi dentro quell’emozione particolare che mi fa quasi sentire in trance
      passa una dolce notte cara

      Mi piace

      Rispondi

  17. happysummersh
    Giu 24, 2013 @ 11:42:51

    Naturalmente la tua poeisa è incantevole, Ventis, e se il testo dei Janas è un inno all’estate, i tuoi versi lo sono come e ancora di più, con quell’armonia, quell’andamento che ne fa quasi un canto corale.

    Mi piace

    Rispondi

  18. semprevento
    Giu 26, 2013 @ 05:17:14

    Mi sto perdendo delle belle cose!!!
    ma il lavoro e la stanchezza hanno la meglio su di me…
    10 minuti stamani per venirti a trovare….poi scappo di nuovo.

    Non ho tempo di leggere attentamente…ma tu sei un vento
    molto interessante….un pozzo di bellissime cose…
    guardo le fotografie…ma son tutte tue???
    sono veramente molto belle…anche quelle di Genova , alcune tolgono il fiato!

    Scappo , ciao bel vento!
    v

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Giu 27, 2013 @ 05:15:03

      ohh, mia cara la toscanaccia ventosa! lo sai che stavo per venire a cercarti pensando che ‘er tù vento avesse smesso di tirà? mi hai preceduta nonostante er tù daffà
      smakketa
      magari fossero tutte mie! e chi ce l’ha il tempo per andare ovunque? magariiiiiii..
      .le più belle le raccatto sul web
      passa una serena giornata di ponentino
      ;.)

      Mi piace

      Rispondi

  19. HansHB
    Gen 17, 2014 @ 09:55:14

    A great post!
    Well done!

    Mi piace

    Rispondi

  20. ventisqueras
    Mag 23, 2015 @ 11:35:07

    ne è passato di tempo he, per ringraziare sorry

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: