D’un tratto molto so…

  Rispettare e amare gli alberi fonti inesauribili di Bellezza e di Vita

meraviglia%20della%20natura%20182

Pioppi

Di calde lune
       segretamente  sale la notte
              poggiandosi sulla tua nuda spalla.
 Dormo
    nella tua terra di brucianti aromi
            frusciando uno stormire di pioppi
                                             in lontananza
Ventisqueras
pioppi
                                                    Per la morte della mia betulla
Bianca corteccia
dolcemente accarezzata dal nero
ti sei vestita d’oro
                     ieri eri verde
sussurravi al cielo
folli uccelli piegavano
gli esili tuoi rami,
cantavi con loro
0ra
sei china, esausta
ti specchi
nel mio spirito rosso.
Ventisqueras
PRATO0104
ARBRES

Arbres, vous êtes la source de vie

Inexplorables, vos multiples

talents Puisent dans un au-delà et de savoir inégalé.

Vous êtes les grands chercheurs de la Terre

Vos racines sont les maitres du sentier Fouillant

au plus profond l’eau qui s’y morfond.

Vous êtes la sagesse du temps qui coule

Et qui avance sans faire reculer la matière…

…Mais qui fait prendre la conscience

là où La pensée humaine ne peut alors y accéder.

Arbres, vous êtes la source de vie

Celle que jadis nos ancêtres ont trouvé en vous

Le passage menant à la sérénité de votre bien-être.

De vos pointes branchues, le ciel est à votre portée

Vous êtes d’une force contre les déchainements.

Quand le soir vient, les étoiles

dansent en rythme Avec le froissement de vos feuilles

qui s’entrechoquent Dans la délicatesse de vos mouvements

en béatitude. Arbres, vous êtes la source principale de l’histoire de la vie…

Paul Andrews

G@ël LOAËC-P@ul Andrews (Blog 3)

Alberi.

Alberi, siete la sorgente di vita Inesplorabile, i vostri molteplici talenti Attingono in uno aldilà e di sapere ineguagliato. Siete i grandi ricercatori della Terra le Vostre radici sono i padroni del sentiero che Perquisisce a più profondo l’acqua che si si annoia. Siete la saggezza del tempo che colo E che avanzo senza fare arretrare la materia… …Ma che fa prendere la coscienza là dove Il pensiero umano non può accedere allora ci. Alberi, siete la sorgente di vita Quella che un tempo i nostri antenati hanno trovato in voi Il passaggio che conduce alla serenità dal vostro benessere. Dei vostri punte branchues, il cielo è alla vostra portata Voi siete di una forza contro gli scatenamenti. Quando la sera viene, le stelle danzano in ritmo Con la sgualcitura dei vostri fogli che si scontrano Nella delicatezza dei vostri movimenti in beatitudine. Alberi, siete la sorgente principale della storia della vita…

Paul Andrews Scrive il 09/07/2013. La traduzione mi è stata fornita gentilmenye dallo stesso

autore che ancora ringrazio

 

 

 

 

 

Albero-di-kaki

sorpresa, onorata e commossa ho ricevuto dall’ eccellente Poeta in lingua francese, di Brest, questo magnifico testo ispirato ai miei versi,  l’albero che ho a lui dedicato ha nei suoi frutti  dolci e succosi il sapore della vita che ritrovo nei suoi versi

Grazie Gaeltree-house-cool-nature-architecture3

incendio2
mai vorrei vedere questo scenario che non sia voluto dal ciclo spontaneo della natura, ma da negligenza o da mani assassine dell’uomo
084503371-7d1d94e8-e3c3-4444-82f9-a1b4d5246980

Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà.

Bernard de Clairvaux

cannibal-tree-oregon

Gli alberi sono liriche che la terra scrive sul cielo. Noi li abbattiamo e li trasformiamo in carta per potervi registrare, invece, la nostra vuotaggine.

Kahlil Gibran

Viale%20con%20Cipressi

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardâr.

Giosuè Carducci

3032400-lg

È per l’uomo come per l’albero. Quanto più egli vuole elevarsi in alto e verso la luce, con tanto più forza le sue radici tendono verso terra, in basso, verso le tenebre, l’abisso.

Friedrich Nietzsche

3699550-md

Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra per parlare al cielo in ascolto.

Rabindranath Tagore

details

Foglia appena nata
Nell’aria spasimante
involontaria rivolta
dell’uomo presente
alla sua fragilità.
  Giuseppe Ungaretti

…e io, se fossi un albero, che albero sarei? certo assomiglierei a questo

142526233-1206a5ac-83fc-4290-a1e0-4baad04901f1

Il risveglio degli alberi di vetro

 D’un tratto, molto so degli alberi di vetro
scolpiti silenziosi nell’oro del mattino

in preda a sogni immensi attendono
lo scuotersi dei rami a un dolce pigolare

Ventisqueras

e voi che mi leggete, avete mai pensato a quale albero potreste assomigliare?…io vi penso così

ENTRY ID: 134119

Annunci

66 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. einfachtilda
    Lug 08, 2013 @ 22:52:49

    Das sind so wunderschöne Fotos!!!

    Mi piace

    Rispondi

  2. davedomus
    Lug 08, 2013 @ 23:09:12

    Cresce l’albero notturno
    nutrito da raggi di Luna.
    Ha spalancato le immense mani
    e le dita ha coperto con chiome di nuvole.
    Sto qui
    (con grilli e cicale)
    e appendo alle foglie
    i miei fragili sogni.

    Buona notte (con grilli e cicale)!

    Mi piace

    Rispondi

  3. ludmillarte
    Lug 08, 2013 @ 23:45:28

    “Amo gli alberi. Sono come noi. Radici per terra e testa verso il cielo.” (Erri De Luca)
    molto belli i tuoi versi ed anche la foto su come ci immagini 😉 potrei rispecchiarmici; anche nella prima immagine. mi incuriosisce piacevolmente quella che hai scelto per te. buona notte Ventis

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 12, 2013 @ 09:21:20

      beh, io ho gettato l’esca a voi decifrare cosa pesca ( riferito alla foto degli alberi di brina)
      sono lieta che ti sia riconosciuta nell’albero che ho scelto per voi, l’ho fatto con amore e tu l’hai sentito
      passa una serena giornata Ludi

      Mi piace

      Rispondi

      • ludmillarte
        Lug 12, 2013 @ 19:05:11

        potrebbe, e sottolineo potrebbe, voler dire che al di là dell’apparanza gelida e quasi monocolore seppur affascinante, ospiti un tesoro fragile, colorato, caldo e prezioso che sa emettere dolci suoni oltreché volare. un abbraccio

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 14, 2013 @ 22:49:46

        che dolcissima visione mi ha dato! se è questo che tu vedi lasciamola così 🙂
        grazie infinite
        passa una notte serena

        Mi piace

  4. gelsobianco
    Lug 09, 2013 @ 05:13:48

    Sono incantata!
    E con questi alberi e questa Poesia mi metto a dormire, Ven cara!
    Grazie!
    Ritorno.
    Secondo te a che albero assomiglio io?
    Sei preziosa, amica mia.
    gb

    E non voglio pensare a
    “Si sta
    come d’autunno
    sugli alberi
    le foglie.”

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 09, 2013 @ 09:26:56

      non spintoniamo…io l’avevo chiesto a te che albero ti sentivi di essere, poi avevo generalizzato unendovi tutti in un albero bello come se l’avesse raccontato Sheherazade, ma va beh, faccio un eccezione poi però mi devi dire che ne pensi

      Mi piace

      Rispondi

      • gelsobianco
        Lug 10, 2013 @ 00:15:27

        Ven, il melograno!
        Che meraviglia!
        Ho alcuni miei haiku sui melograni che non so dove siano finiti… spero nel pc vecchio… Li voglio recuperare…
        Ti sorrido
        gb
        Io mi sento una betulla anche!

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 14, 2013 @ 22:55:02

        il melograno è uno degli alberi che più amo, ed anche i suoi meravigliosi frutti, ne ho in giardino ed è un piacere vedere quando si spicchiano il rubino dei chicchi far festa sui rami…per non dire della dolcezza che mi fanno le molte varietà di pennuti quando il cibo nell’inverno comincia a scarseggiare e se vanno a cibare, le betulle sono snelle ed eleganti, ne ho un gruppetto in fondo al giardino roccioso , ma quando una è morta ho temuto che anche le altre volessero seguirla

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 14, 2013 @ 22:56:54

        piesse

        li hai trovati gli haiku? io non ho pazienza nel contare non ne ho mai scritti ed invidio un poco chi lo fa 🙂

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 17, 2013 @ 08:03:42

        ma tu gli haiku dove li vai a seminare? io senso appunto che tu li semini e poi da qualche parte bevono spuntare perché io non ne vedo …o devo andarmi a ricercare tutte le” strane conversazioni” fin qui avute? he no, he?!! mi ci vorrebbe un secolo, dai cerca gli haiku e mettili nell’ultimo post sit vous plait, così li commento

        bacino mattutino velenosino ha ha ha

        Mi piace

  5. gelsobianco
    Lug 09, 2013 @ 05:20:02

    Tu non sai: ci sono betulle anche di notte

    levano le loro radici, e tu non crederesti mai

    che di notte gli alberi camminano o diventano

    sogni. Pensa che in un albero c’è un violino d’amore.

    Pensa che un albero canta e ride.

    Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi

    diventa vita. Te l’ho già detto: i poeti non si redimono,

    vanno lasciati volare tra gli alberi

    come usignoli pronti a morire.

    (Alda Merini)

    Mi piace

    Rispondi

    • gelsobianco
      Lug 10, 2013 @ 00:16:39

      Io credo che, in ogni albero, ci sia uno strumento!

      Mi piace

      Rispondi

      • ventisqueras
        Lug 14, 2013 @ 22:58:34

        a volte anche un’intera orchestra!

        Mi piace

      • gelsobianco
        Lug 15, 2013 @ 01:45:24

        Sì. Può essere!
        Ogni albero però predilige uno strumento, secondo me.
        Abbiamo l’orchestra in un bosco!
        “E il pino
        ha un suono, e il mirto
        altro suono, e il ginepro
        altro ancóra, stromenti
        diversi
        sotto innumerevoli dita.”

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 15, 2013 @ 05:22:28

        E immersi
        noi siam nello spirto
        silvestre,
        d’arborea vita viventi;
        e il tuo volto ebro
        è molle di pioggia
        come una foglia,
        e le tue chiome
        auliscono come
        le chiare ginestre,
        o creatura terrestre
        che hai nome
        Ermione.

        questo testo, penso tu lo sappia, è stato scritto nella pineta fra Viareggio e Torre del Lago Puccini,( lì Il Vate possedeva ” La Versiliana) la mia dolce madrina ( ora è fra gli angeli) vi aveva una villetta , ricordo da bambina passeggiando nel settembre col sottobosco che era tutto un tappeto di ciclamini, lei, che amava molto questo testo me lo declamava sempre,( e io sempre a chiedere chi era questo e quello…) sì che lo imparai a memoria e quando andai alle elementari gli insegnanti si stupivano di questo…è lungotto, he!! hahahah, quanti bei ricordi mi hai riportato alla mente

        Mi piace

      • gelsobianco
        Lug 16, 2013 @ 02:19:03

        Abbiamo veramente qualcosa in comune, Ven.:-)
        La pineta fra Viareggio e Torre del Lago Puccini è nel mio cuore.
        Io, poi, ho questa poesia con la dedica dell’autore!
        Non posso svelare qui come mai… per ovvie ragioni di privacy.

        Gli haihu miei sono sempre sul vecchio pc…
        Devo trovare qualcuno che riesca a recuperarli.
        Sono pasticciona, come te, mia cara!
        Ti sorrido.

        Mi piace

      • ventisqueras.wordpress.com
        Lug 16, 2013 @ 08:35:27

        acci cara! che cosa preziosissima che possiedi ( non tanto per il valore venale, cui credi, non presto nessuna attenzione) ma per possedere qualcosa del personaggio davvero unico che focalizzò per innumerevoli motivi l’attenzione letteraria di tutto un secolo
        beh, certo che le coincidenze si assommano, he?! dovremo aspettardi qualche altra sorpresa, credo
        in quanto a pasticci non credo potrai battermi ha ha ha
        passa una giornata serena
        Ven

        Mi piace

      • gelsobianco
        Lug 17, 2013 @ 01:08:19

        “del personaggio davvero unico” io ho molto di più che una sua dedica ad una sua poesia, Ven!
        beh… questa privacy…

        aspettiamo qualcosa d’altro in comune! ne sono certa!
        🙂

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 17, 2013 @ 01:14:39

        he, tu non puoi permetterti di stuzzicare così impunentemente la mia curiosità—prima o poi ti farò il terzo grado…
        vediamo se abbiamo anche questo in comune, ho una grande passione per tentare risolvere i “gialli” e gli enigmi…e spesso ci riesco pure ( per questo ho parlato del terzo grado hi hi)

        Mi piace

      • gelsobianco
        Lug 17, 2013 @ 01:43:10

        anche a me piace risolvere i “gialli”, Ven.
        **mi piace anche stuzzicare la tua curiosità perchè sento che tu sei curiosa come me, molto, molto curiosa.**
        dico però solo e sempre la verità.
        non invento qualcosa per stuzzicarti di più.

        oh, che bello, essere curiose tanto tutte e due!

        un abbraccio
        cerco di andare a letto presto questa sera.
        ho visto che hai pubblicato un altro bellissimo post.
        verrò presto da te.

        io ti ho postato un mio haiku improvvisato da qualche parte. era per te!:-)

        Mi piace

      • gelsobianco
        Lug 17, 2013 @ 01:44:57

        …è per te anche ora quel mio haiku improvvisato, nulla di eccezionale.

        Mi piace

      • ventisqueras
        Lug 17, 2013 @ 07:59:39

        oh, la Verità, cara…davvero tu sai cosa sia? io no…cioè, intendiamo questo non deve intendersi come se ti dessi della bugiarda, beninteso, ma se tu mi stuzzichi, io rintuzzo gli attacchi!!! quello che può essere verità per te non può esserlo per me e viceversa, tante sono le sfumature che impediscono a questa parola così abusata di esprimersi in pieno…a tale proposito ricordo di avere nei miei cosiddetti “quaderni” un testo che ho intitolato -che dire della Verità senza mentire?- mi sa che vado a ricercarlo e ci faccio un post…che ne dici?

        Mi piace

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 22:57:45

      la Merini…la Meriniiii!!!!!

      Mi piace

      Rispondi

  6. ventisqueras
    Lug 09, 2013 @ 09:34:22

    stamane non riesco ad essere seria, ho voglia di scherzare, meglio ritirarmi in buon ordine e ripassare quando la Poesia avrà ripreso il sopravvento sulla pazzia
    intanto a chi passa da queste parti rose, le belle rose donate dal magico sax di Kenny G. che a me donano sempre tanta serenità

    a più tardi

    Mi piace

    Rispondi

  7. frantzisca
    Lug 09, 2013 @ 09:48:40

    cara Lady ricordi il mio albero? http://frantzisca.wordpress.com/2009/12/03/un-amico-verde/ sai quanta importanza hanno per me questi amici, compagni di percorso, muti-che-parlano ad ognuno di noi in modo diverso e suggeriscono versi come quelli che hai scritto toccanti, emozionanti…un po’ tutti i poeti si esprimono attraverso di loro…e chissà perchè è quasi sempre canto di dolore…come il famoso melograno “dai bei vermigli fior”

    conosci questa?

    C’è un albero dentro di me
    trapiantato al sole
    le sue foglie oscillano come pesci di fuoco
    le sue foglie cantano come usignoli

    è un pezzo già che i viaggiatori sono discesi
    dai razzi sul pianeta ch’è in me
    parlano una lingua che ho udito in sogno
    non ordini non vanterie non preghiere

    in me c’è una strada bianca
    le formiche passano coi semi di grano
    i camion passano col chiasso delle feste
    ma il carro funebre – è proibito – non può passare

    in me il tempo rimane
    come una rosa rossa odorosa
    che oggi sia venerdì domani sabato
    che il più di me sia passato che resto il meno
    me ne infischio
    Nazim Hikmet

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:08:26

      sì, cara amica, l’ho anche inserita nel piccolo schedario che tengo degli amici poeti, così ogni tanto rileggo le mie preferite..e sai che cosa ti dico? che molte di esse non hanno proprio niente da invidiare a quelle dei Grandi,
      benché abbia letto molto di Hikmet non conoscevo questa splendida Poesia che mi hai donato
      volevo chiederti una cosa, nel post che ha seguito questo, quello della luna, volevo inserire anche tue foto che ho prelevato da Flickr, ma pur provando in ogni maniera non sono riuscita ad ingrandirle, venivano formato francobollo e avrebbero sfigurato difronte alle altre che ho inserito, vorrei farlo in altro post ( tanto sai, io e la luna abbiamo un filo diretto, he he,) sai che non ho molta dimestichezza con le varie cose di internet, magari tu puoi dirmi come fare ad ingrandirle
      un abbraccio Frantzi cara

      Mi piace

      Rispondi

      • frantzisca
        Lug 15, 2013 @ 19:05:17

        dovresti andare col mouse sui bordi angolari a destra sino a,che non ti compare la doppia freccetta, allora trascini, e quando hai raggiunto la dimensione desiderata lasci il pulsante, esci dalla foto e fai un clik, io faccio così…poi non so se dipende anche dal p.c.oppure che flickr applica il copyright, non saprei…
        Un abbraccio My Lady

        Mi piace

      • ventisqueras.wordpress.com
        Lug 16, 2013 @ 08:30:15

        grazie cara Frantzi, seguirò attentamente quello che mi hai detto…e incrociamo le dita…ha ha, sono molto vulnerabile in questo campo
        passa una giornata serena

        Mi piace

  8. sileno
    Lug 09, 2013 @ 10:51:20

    Che raccolta meravigliosa di versi ed immagini hai realizzato!
    Che albero potrei essere?
    Probabilmente un faggio o una conifera.
    Ciao

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:17:10

      innanzi tutto ti ringrazio, poi per la scelta dell’albero sai che io avrei pensato per te proprio quelli che hai scelto?
      la quercia , saggezza
      l’abete, la bellezza e la forza, e quel suo abitare territori in altitudine
      mi fa molto piacere la tua presenza nella mia casa
      augurandoti una notte serena ti saluto

      Mi piace

      Rispondi

  9. albafucens
    Lug 09, 2013 @ 15:12:00

    bellissimo, sono incantata dalle parole e immagini che hai tessuto così meravigliosamente, elegantemente, preziosamente, in ognuno di noi credo cresca un magnifico albero, l’albero dei nostri desideri, propositi, riflessioni, l’albero della vita… e ad alimentarlo, tenerlo vivo, siamo noi…

    un abbraccio

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:21:35

      l’eleganza ti appartiene ed anche le splendide parole che hai scelto per onorare questi miei pensieri ne sono cariche
      davvero sono lieta di avere amici speciali come voi lo siete
      passa una notte serena

      Mi piace

      Rispondi

  10. massimobotturi
    Lug 09, 2013 @ 21:12:03

    ecco, giusto, l’albero della vita

    Mi piace

    Rispondi

  11. giselzitrone
    Lug 09, 2013 @ 22:56:08

    So schöne Bilder wunderbar,und deine Worte so schön,Ich kännte gut in dem Bauhaus lieben das wäre schön,da kann man gut Träumen.Lieber Gruß und eine gute Nacht.Gislinde

    Mi piace

    Rispondi

  12. Gaël LOAËC/Paul ANDREWS (Blog 3)
    Lug 09, 2013 @ 23:27:37

    Ventisqueras,
    tes mots à propos des arbres sont si beaux alors grand merci…bien à toi

    voiçi mes mots que ton article m’a inspiré…

    Arbres.

    Arbres, vous êtes la source de vie
    Inexplorables, vos multiples talents
    Puisent dans un au-delà et de savoir inégalé.
    Vous êtes les grands chercheurs de la Terre
    Vos racines sont les maitres du sentier
    Fouillant au plus profond l’eau qui s’y morfond.
    Vous êtes la sagesse du temps qui coule
    Et qui avance sans faire reculer la matière…
    …Mais qui fait prendre la conscience là où
    La pensée humaine ne peut alors y accéder.
    Arbres, vous êtes la source de vie
    Celle que jadis nos ancêtres ont trouvé en vous
    Le passage menant à la sérénité de votre bien-être.
    De vos pointes branchues, le ciel est à votre portée
    Vous êtes d’une force contre les déchainements.
    Quand le soir vient, les étoiles dansent en rythme
    Avec le froissement de vos feuilles qui s’entrechoquent
    Dans la délicatesse de vos mouvements en béatitude.
    Arbres, vous êtes la source principale de l’histoire de la vie…

    Paul Andrews
    Écrit le 09/07/2013.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:29:28

      scusami, avevo poco tempo ed il mio ringraziamento per il bellissimo omaggio di cui mi hai onorato l’ho inserito direttamente nella Homa insieme ai tuoi versi così intensi e profondi, come ben sai dalle mie visite al tuo blog apprezzo moltissimo la tua poetica

      Vous êtes les grands chercheurs de la Terre
      Vos racines sont les maitres du sentier
      Fouillant au plus profond l’eau qui s’y morfond.
      Vous êtes la sagesse du temps qui coule
      Et qui avance sans faire reculer la matière…

      che meraviglia!!!!!

      Mi piace

      Rispondi

  13. Gaël LOAËC/Paul ANDREWS (Blog 3)
    Lug 10, 2013 @ 09:49:33

    Merci Ventisqueras d’avoir ajouté mes mots mis en commentaire à ton si bel article
    j’en suis grandement touché cher ami d’Italie
    bonne journée en ce beau mercredi ensoleillé
    j’ai essayé de faire traduire mon texte par le logiciel Reverso
    voiçi ce que cela donne :

    Alberi.

    Alberi, siete la sorgente di vita
    Inesplorabile, i vostri molteplici talenti
    Attingono in uno aldilà e di sapere ineguagliato.
    Siete i grandi ricercatori della Terra le
    Vostre radici sono i padroni del sentiero che
    Perquisisce a più profondo l’acqua che si si annoia.
    Siete la saggezza del tempo che colo
    E che avanzo senza fare arretrare la materia…
    …Ma che fa prendere la coscienza là dove
    Il pensiero umano non può accedere allora ci.
    Alberi, siete la sorgente di vita
    Quella che un tempo i nostri antenati hanno trovato in voi
    Il passaggio che conduce alla serenità dal vostro benessere.
    Dei vostri punte branchues, il cielo è alla vostra portata
    Voi siete di una forza contro gli scatenamenti.
    Quando la sera viene, le stelle danzano in ritmo
    Con lo sgualcitura dei vostri fogli che si scontrano
    Nella delicatezza dei vostri movimenti in beatitudine.
    Alberi, siete la sorgente principale della storia della vita…

    Paul Andrews
    Scrive il 09/07/2013.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:34:47

      anche questo è stato un pensiero veramente gentile, avrei voluto tradurre io, ma temevo di male interpretare qualche sfumatura del tuo pensiero e così avevo scelto di lasciare la versione originale
      anche nella versione italiana i versi sono rimasti intatti nella loro bellezza
      a presto leggerti amico, passa una notte serena
      Ven

      Mi piace

      Rispondi

  14. AlexG
    Lug 10, 2013 @ 12:33:16

    magnifico post 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  15. giselzitrone
    Lug 10, 2013 @ 13:43:25

    Danke dir lieb wünsche dir noch einen schönen Sommertag.Lieber Gruß Gislinde

    Mi piace

    Rispondi

  16. Denise
    Lug 10, 2013 @ 15:35:51

    Ma chère Ventis, j’imagine l’arbre des quatre saisons. Blanc et brillant en hiver, de petites feuilles vert tendre au printemps qui invitent les oiseaux à construire leur nid entouré de jolies fleurs et l’été, avec ses grandes branches, il nous offrirait l’ombre et la fraîcheur.
    Un arbre c’est précieux et nous devons en prendre soin.

    “Lire un livre sous un arbre en double le plaisir. On ne sait plus si on tourne les pages ou si on feuillette l’arbre.”
    Jean Chalon

    Ton billet est magnifique, plein de douceur et de reconnaissance envers la nature.
    La vidéo est superbe. Un grand merci pour tout chère amie.
    Bisous

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:43:04

      mia cara Denise, le immagini che tu mi offri con le tue foto magnifiche sono un inno stesso alla bellezza e alla magia della natura, la tua anima sensibile ne sceglie le inquadrature più belle e le ferma negli occhi, posso ben capire il tuo amore per gli alberi del mio post
      sei una amicizia veramente preziosa e cara
      grazie, un abbraccio affettuoso

      Mi piace

      Rispondi

  17. wolfghost
    Lug 11, 2013 @ 13:53:46

    Oddio… no, non mi vedo molto come l’ultimo albero… anche se, pensandoci, in effetti un po’ contorti lo siamo tutti 🙂
    Che bel regalo che ti ha fatto la tua amica! 😀 Guarda… io arrivo a considerare gli alberi quasi al pari degli animali (nota: di cui noi facciamo parte, anche se cerchiamo di far finta di essere una specie “al di fuori”), quando perciò vedo “massacri” di boschi e foreste, mi rendo conto di quanto deleterio sia l’uomo per l’ambiente.

    http://www.wolfghost.com

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:49:17

      hahahaha, sempre simpatiche le battute del Lupo. e certo che siamo contorti…ma uffi, io l’albero l’avevo scelto per la bellezza delle foglie, non per il contorcimento dei rami 🙂
      tutto quello che dici è profondamente vero, e troppe sono le persone che ritengono la natura e gli animali solo totalmente a loro disposizione senza rispettarne le esigenze, per non parlare dell’amore a loro dovuto, queste persone si credono di vivere in eterno, e non c’è modo di convincerli che non è così
      passa una notte serena, amico, un saluto anche al tuo zoo domestico

      Mi piace

      Rispondi

  18. dadirri7
    Lug 11, 2013 @ 23:57:51

    fantastic post, so very beautiful! although i cannot read all the italian and french i have the feeling … thank you 🙂

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:56:06

      sarebbe bello che tutti potessimo comprenderci, il mondo sarebbe senz’altro più umanamente vivibile, ma già il cercare di farloè qualcosa di splendido, le immagini, poi trasmettono emozioni come le parole, e tu sei una maga in questo
      grazie , notte felice

      It would be nice that everyone could understand, the world would be more humanely livable, but already the hunt of venue being something gorgeous, the pictures, then transmit emotions as the words, and thou art a sorceress in this
      Thanks, happy night

      Mi piace

      Rispondi

  19. ombreflessuose
    Lug 12, 2013 @ 08:21:45

    ” Alberi !
    Frecce voi foste
    dall’ azzurro cadute?
    Che tremendi guerrieri vi scagliarono?
    Sono state le stelle?
    Vengon le vostre musiche dall’anima degli uccelli,
    dagli occhi di Dio,
    dalla passione perfetta.
    Alberi !
    Conosceranno le vostre rozze radici
    il mio cuore nella terra? ”
    F. Garcia Lorca

    L’ ulivo è il mio albero preferito
    Grazie mille, per questa passeggiata tra gli alberi
    Abbracci
    Mistral

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 14, 2013 @ 23:59:48

      dolce Mistral, mi porti in dono rime di uno degli autori che più amo! Grazie
      un ulivo? penso tu sia una persona riflessiva ed equilibrata, con mille sfaccettature, perché le foglie dell’ulivo sono cangianti ed hanno mille sfumature dal grigio all’argento…le hai mai viste al chiaro di lune?
      passa una notte serena
      Ven

      Mi piace

      Rispondi

  20. Pandora
    Lug 13, 2013 @ 12:24:16

    Se entri in un bosco con il giusto rispetto del silenzio e ti metti in ascolto, grandi magie potrai cogliere da quei rami che si sporgono e si estendono verso il cielo. Grovigli di emozioni e di comunicazioni sommesse come infiniti fili di energia che corrono in ogni dove…sta lì il segreto dell’universo, anche.
    Gli alberi capaci di grandi abbracci.
    Ma la tamerice, così piccola, apparentemente fragile, ti regala stupore da quanto sia capace di resistere alle impetuose tempeste del vento invernale, i suoi sottili rami si piegano e ne assecondano la forza senza opporre resistenza: si lascia andare libera a cogliere e ad essere attraversata da qualsiasi burrasca e ne esce più forte e più intensa di prima.
    E la sua bellezza a maggio esplode in una fioritura vaporosa di cipria rosata.
    Sono tanti gli alberi in cui mi riconosco, ma adesso è la Tamerice il mio albero.
    Grazie Ven per il tuo bellissimo post
    mi iscrivo e tornerò a leggerti
    Pan

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Lug 15, 2013 @ 00:07:45

      Mi hai lasciato un commento favoloso! Credo che il tuo amore per la natura e per gli alberi sia ben evidenziato! Splendida la scelta del tamerici pianta frangiflutti, qui sul nostro litorale ce ne sono moltissime a difesa dell’entroterra, e c’è un posto in particolare cui nel momento della loro incredibile e generosa fioritura, non dimentico mai di andare: Bocca di Magra, proprio su, in cima , in cima, quando il fiume si abbraccia con l’azzurro del mare e quei colori sembrano un immenso quadro di Monet…
      verrò a conoscerti meglio, intanto ricevi il mio saluto e l’augurio di una notte serena in Poesia
      Ven

      Mi piace

      Rispondi

  21. ventisqueras.wordpress.com
    Lug 16, 2013 @ 09:16:29

    PER PANDORA
    semi leggi ti avverto che non riesco ad entrare nel tuo blog, avrei molto piacere nel conoscerti meglio grazie
    Ventis

    Mi piace

    Rispondi

  22. Pellegrina
    Ago 01, 2013 @ 21:00:31

    Non penso di assomigliarci, ma l’albero che amo di più è quello della canfora. Per via di Totoro, ovviamente.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: