Spiragli feroci di biancospino-La primavera, Sandro Botticelli: i geni della pittura

00850290Con questo sguardo ieratico ci ammalia Flora, dalla tavola del Botticelli nel morbido sorriso che cela il mistero della Bellezza e del significato di questo quadro che è uno dei più belli in assoluto del Rinascimento e della pittura mondiale di tutti i tempi

 

 

Spiragli feroci di biancospino

L’antico del nuovo

è alle porte.

Si è impolverato di sole

il mattino, per farsi più lucente.

Il pesco, sciarpa sgargiante indossa

-sui rami che piansero, nudi.-

Più rotondi

si fanno i sorrisi delle rane,

che sporgono gli occhi

come periscopi vivi

i passi della primavera a indagare,

sull’argine calvo, fioriti.

Più chiari macinano i mulini,

con acque lucenti.

Anch’io, per non sentirmi da meno,

ho indossato un nuovo cuore,

l’altro che avevo,

si era tutto stinto e frantumato,

ora, colla d’amore l’ha rigenerato

di luce, l’antico del nuovo,

l’ha rivestito:

in spiragli feroci di biancospino

l’ha tutto profumato.

 

Ventisqueras

 

 

primavera Oh Grazia! Oh, Bellezza…Oh, perfezione! tuo è il nome nella Leggerezza che è Amore

 Aequari sibi non indignetur Apelles Sandrum: iam notum est nomen ubique suum « Non si sdegni Apelle di essere eguagliato a Sandro: già il suo nome è noto ovunque »

zefiro-cloride-botticelli

 

pochi anni dopo la sua esecuzione, la Primavera era collocata in un palazzo fiorentino di Lorenzo de’Medici Signore di Firenze, mentre oggi è una fra le maggiori attrattive della  Galleria degli Uffizi , il quadro contrariamente al solito, si legge da destra verso sinistra. L’opera inizia con Zefiro, vento primaverile, che insegue la ninfa Clori ( anche detta Cloride ) dalla cui bocca escono fiori di ogni specie, essa fecondata da Zefiro si trasforma in Flora

2_mujer_botticelli

Flora, dea della Primavera e dei fiori, che pur non essendo il personaggio principale da il nome al quadro.

il-ratto-di-proserpina-miti-e-leggende-sullar-L-wmLeRN

l’opera è definita da una linea incisa che assegna corporeità alle figure, le quali si legano ritmicamente, al di là dalle singole azioni che le separano.

b948fc8bad4949ba17fa55e2d43a9533

 

Un’armonia superba governa l’insieme dove ogni forma è condotta con estrema eleganza: basti osservare questi particolari di Flora che avanza spargendo fiori…

 

sandrobotticelli_primaveradetail2

 

La figura al centro è Venere, davanti ad un cespuglio di mirto (pianta a lei sacra) atteggiata in un gesto tra il saluto e la casta ritrosia, stende la mano verso le tre Grazie, in essa è raffigurata Simonetta Vespucci, ( ritratta anche nell’altro celeberrimo quadro del Botticelli La nascita di Venere ) fu  considerata la più bella donna del Rinascimento fiorentino

primaveraaaa

Simonetta Vespucci nonostante le sue sembianze siano stare rese immortali  dal Botticelli è poco conosciuta : l’anno di nascita !453, e quello di morte 1475, Si, perché la bellissima Simonetta morì ad appena 22 anni di tubercolosi. Una malattia che faceva strage in un’epoca in cui non esistevano cure per quel flagello. Gli scarsi dati biografici narrano che a 15 anni andò sposa a Marco Vespucci, lontano parente del grande navigatore, così prese dimora a Firenze,  frequentò la corte di Lorenzo il Magnifico, diventando la donna più ammirata della cerchia del Signore, grande mecenate delle Arti in Florenzia.

 

1332444185747_occhio

a lei il Signore di Firenze e Poeta dedicò queste celebri rime

O chiara stella, che coi raggi tuoi
togli alle tue vicine stelle il lume,
perché splendi assai più del tuo costume?
Perché con Febo ancor contender vuoi?
Forse i belli occhi, quali ha tolti a noi
Morte crudel, che omai troppo presume,
accolti hai in te: adorna del lor lume,
il suo bel carro a Febo chieder puoi.
O questa o nuova stella che tu sia,
che di splendor novello adorni il cielo,
chiamata esaudi, o nume, e voti nostri:
leva dello splendor tuo tanto via,
che agli occhi, che han d’eterno pianto zelo,
sanza altra offension lieta ti mostri.

                Lorenzo il Magnifico

 

Botticelli-Sandro-Primavera-dt1

 

Ammirata a tal punto che Giuliano De’Medici, fratello di Lorenzo, partecipò ad un pericoloso torneo cavalleresco solo per vincere il ritratto su tela della bella ragazza, dipinto dal Botticelli, e che recava sul retro la dicitura “La senza paragoni”. E’ stata anche cantata dal Poliziano e immortalata da Piero di Cosimo nel quadro Cleopatra.

cupido_fragmento_de_la_primavera_de_botticelli_241615_t0

Sopra di lei, il figlio di Venere Cupido, dio dell’amore che bendato sta per scoccare una freccia infuocata…ah, quanti guai combina questo dio, he he

                Chi nulla sa di questo…

 

Sotto un giovane susino esploso in chiarore
il cielo della primavera s’era fermato
ad indagare l’amore
una magia in crescendo, d’angeli un fiato
un pensoso domandare
avevano il sogno fra le mani dilatato

nuotava la luna tra spume bionde
nuda
con la sua lontana faccia gitana
muoveva
le sue lunghe, snelle gambe
che non vedevo, eppure sapevo…

vieni,
compiangiamo chi nulla sa di questo!

 

Ventisqueras

 

 

2142_sandro_botticelli_la_primavera_arte_renacimiento

Sulla sinistra le tre Grazie danzano una carola; antico ballo eseguito da più persone in cerchio. Considerate figure della mitologia greca, erano figlie di Zeus e Eurinome, Esiodo ne indica tre: Talia la prosperità, Eufrosine la gioia, Aglaia lo splendore. Personificavano la gioia e il benessere dati dalla natura, nonché l’Amore e la Bellezza e tutto ciò che dà la felicità.

Botticelli-primavera_crop_Simonetta

Queste figure hanno ispirato molti artisti, tra i quali i pittori Raffaello, Correggio, Tintoretto e Rubens. Nella letteratura, Ugo Foscolo, con il suo poema Le Grazie

 

ee12b16fa68f61de9192a8a80199cc45

 

 

La Primavera di Botticelli è stata analizzata a lungo da illustri studiosi per scoprirne i significati e sono emerse diverse ipotesi, le più plausibili sono quelle che evidenziano i legami con la filosofia neoplatonica. La Primavera si pone come rappresentazione della ciclicità universale della natura e come tempo perfetto di pace e serenità

th

Collegato a questo è anche il rapporto Primavera-giovinezza, evidenziato dagli stessi personaggi e dalla presenza delle tre Grazie. La giovinezza a cui si allude non è solo quella, più ovvia, dell’età giovanile, ma è una giovinezza di spirito, che per essere mantenuta va nutrita di Natura (il giardino pieno di fiori), Grazia e Virtù (Tre Grazie), uso della Ragione (Mercurio, simbolo della ragione e del buon consiglio), Amore (Cupido) e Bellezza (Venere).

 

botticelli-sandro-primavera-detail-of-the-orange-tree-c-1478Le nove figure dipinte sullo sfondo di un boschetto di aranci compiono, isolatamente o in gruppo, la propria azione, indifferenti a quanto stanno facendo i personaggi intorno

131351674_640

A sinistra Mercurio disperde le nuvole alzando il caduceo, un bastone di lauro o d’olivo sormontato da due ali e intrecciato con due serpi.

081

Zefiro fecondatore si unisce a Clori e denota la primavera come simbolo delle capacità generative della natura, che offre, insieme ai fiori e ai frutti la presenza di Cupido, il gonfiore dei ventri delle donne e Venere, al centro, introducono il collegamento fra natura ed erotismo.

 

2ee

Ma accanto a questo si è voluto pensare anche ad un significato religioso: nella Genesi il vento è inteso come materializzazione dello spirito di Dio nella creazione del Mondo, ed è l’alito vitale che Dio trasmette a tutti gli esseri viventi. Nella versione greca del Nuovo testamento inoltre il vento equivale anche all’anima dell’uomo, creatura simile a Dio. Soffiando nelle narici dell’uomo Dio dà vita a una creatura speciale, superiore a tutte le altre e quindi, secondo i neoplatonici, anch’essa “creativa” cioè in grado di creare mediante le attività artistiche. La fecondità fisica viene quindi paragonata alla fecondità intellettiva.

Botticelli%20Self%20P%201476%20BR

Sandro Filipepi detto il Botticelli nasce a Firenze nel 1445, quarto figlio del conciatore di pelli Alessandro di Mariano Filipepi, muore, all’età di 65 anni, nella sua Firenze, nel 1510, infermo e povero.( destino comune a molti Grandi dell’Arte! )

ed ecco infine, un autoritratto dell’autore di tutte queste meraviglie…meraviglie che fino da bambina tenevo nella mia cameretta come gigantografie al posto che i miei amici dedicavano ai poster di divi del cinema, sportivi e cantanti anche io amavo e amo tutto questo….ma il Botticelli di più  :-). Penso di avere appreso da Lui l’Amore per l’Arte e per la Bellezza, e con questo timido omaggio gliene rendo grazie.

   Ventisqueras

 

 

….

 

Annunci

70 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. M-R
    Mar 30, 2014 @ 09:51:30

    Molto molto interessante – grazie !! 🙂

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 08:41:43

      grazie a te, sei molto gentile, ed io molto lieta che posso colloquiare con te in italiano!
      passa una giornata serena

      Mi piace

      Rispondi

      • M-R
        Apr 01, 2014 @ 08:46:16

        Ora a Sydney è quasi la notte ! 🙂
        Devo ammetterlo – posso capisco bene la tua lingua, ma è cattivo il mio proprio italiano … Come puoi vedere …

        Mi piace

      • ventisqueras
        Apr 01, 2014 @ 08:51:23

        ciaoooo! mi fa molto piacere conoscere la tua nazionalità! sono stata una volta nella tua nazione, nel Queesland e due giorni a Sidney e ne sono rimasta entusiasta!
        il tuo italiano non è affatto male, credi!
        beh, certo che il fuso orario è molto diverso, quindi ti auguro una lieta serata
        a presto1
        🙂

        Mi piace

  2. Anonimo
    Mar 30, 2014 @ 09:55:36

    in questa splendida domenica di primavera il tuo magnifico post è un viatico per raccoglierla meglio negli occhi!
    Grazie
    Tommy

    Mi piace

    Rispondi

  3. Lignum Draco
    Mar 30, 2014 @ 11:34:25

    Interesting. Thanks.

    Mi piace

    Rispondi

  4. Maria-Lina
    Mar 30, 2014 @ 12:36:36

    Oh Ventis, que c’est beau!!! Tout est tellement magnifique, merci pour ce beau moment de douceur et de tendresse! Un abbraccio caloroso!!!

    Mi piace

    Rispondi

  5. massimobotturi
    Mar 30, 2014 @ 13:44:36

    non ce n’è mai abbastanza di bellezza,
    grazie

    Mi piace

    Rispondi

  6. YellowCable
    Mar 30, 2014 @ 13:50:50

    Beautiful works!!!! I love those details. The video excellently arranged the different parts of the paints and good choice of the accompany songs.

    Mi piace

    Rispondi

  7. Freawaru
    Mar 30, 2014 @ 16:12:28

    Non mi sono persa nemmeno il tuo post sul castello di Miramare e siccome conosco il posto (e tu hai descritto davvero tutto e con grande solerzia) se prima apprezzavo i tuoi post, ora ancora di più. Anche di questo tuo ultimo, tantissime cose io non le sapevo. Sei bravissima!!! Un forte abbraccio per te e che la settimana ti sia splendida!

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 08:55:26

      hola Frea,
      leggo con molto piacere che le mie emozioni concordino con le tue, questi post li preparo com molto amore e passione, e scrivendo rivedo i luoghi e mi tornano in mente tutti i particolari, sono molto curiosa e cerco sempre di conoscere tutto quello che posso sui luoghi che visito e su tutto quello che faccio
      grazie mille mia cara
      ti auguro un giorno sereno
      🙂

      Mi piace

      Rispondi

  8. poetella
    Mar 30, 2014 @ 17:04:28

    Ventissssssssssssssssssss!
    Che meraviglia!

    e poi…
    “vieni,
    compiangiamo chi nulla sa di questo!”

    ecco!

    Mi piace

    Rispondi

  9. katerchen
    Mar 30, 2014 @ 18:03:21

    der Frühling als Bild 😀
    LG vom katerchen

    Mi piace

    Rispondi

  10. Anonimo
    Mar 30, 2014 @ 18:12:51

    quale dolcissimo incanto!
    tu si che sai farmi volare, attraversando rarefatte atmosfere, queste immagini, l’indovinatissimo video, la musica quattrocentesca, le tue rime…quelle di Lorenzo
    ecco sono in pieno rinascimento e le rime del dolce stilnovo mi danzano come le figure della piena grazia ed armonia del Botticelli, davanti
    mai nessun secolo come questo!
    mai rime così preziose a raggiungere i sensi

    Donna me prega, – per ch’eo voglio dire
    d’un accidente – che sovente – è fero
    ed è sì altero – ch’è chiamato amore:
    sì chi lo nega – possa ‘l ver sentire!
    Ed a presente – conoscente – chero,
    perch’io no spero – ch’om di basso core
    a tal ragione porti canoscenza:
    ché senza – natural dimostramento
    non ho talento – di voler provare
    là dove posa, e chi lo fa creare,
    e qual sia sua vertute e sua potenza,
    l’essenza – poi e ciascun suo movimento,
    e ‘l piacimento – che ‘l fa dire amare,
    e s’omo per vederlo po’ mostrare.
    Guido Cavalcanti

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:03:06

      🙂 è vero! mai nessun secolo come questo! credo possa giustamente pensarsi come la primavera del mondo, un periodo idealizzato da artsti e Poeti straordinari, da mecenati come Lorenzo che erano intrisi nel cosmo della Poesia e della bellezza, di conseguenza fioriva tutto e la bella Fiorenza era la regina d’Europa!
      Il tuo preambolo mi ha molto toccata, e di conseguenza trasmesso dolcezza ed entusiasmo!
      🙂

      Mi piace

      Rispondi

  11. Anonimo
    Mar 30, 2014 @ 18:15:01

    Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
    fossimo presi per incantamento
    e messi in un vasel, ch’ad ogni vento
    4per mare andasse al voler vostro e mio;

    sì che fortuna od altro tempo rio
    non ci potesse dare impedimento,
    anzi, vivendo sempre in un talento,
    8di stare insieme crescesse ’l disio.

    E monna Vanna e monna Lagia poi
    con quella ch’è sul numer de le trenta
    11con noi ponesse il buono incantatore:

    e quivi ragionar sempre d’amore,
    e ciascuna di lor fosse contenta,
    14sì come i’ credo che saremmo noi.
    Dante Alighieri

    Mi piace

    Rispondi

  12. sileno
    Mar 30, 2014 @ 18:17:00

    Questo post mi ha creato delle fortissime emozioni alimentate anche dai tuoi strordinari versi. La Primavera DI Sandro Botticelli è sicuramente il quadro che più mi affascina assieme alla “Vocazione di san Matteo” del Caravaggio. L’ultima volta che ho visitato gli Uffizi, sono ritornato tre volte nella sala per ammirare lungamente la Primavera e in particolare l’incantevole Flora dal sorriso dolcissimo e gli occhi che ti leggono nel profondo dei sentimenti.
    Un abbraccio Ventis e grazie di cuore.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:11:46

      buona giornata Ermanno,
      creso che la simbiosi fra due esseri sconosciuti sia il vero mistero della conoscenza, da perfetti sconosciuti, amici di sensibilità al primo impatto ci stiamo man mano riconoscendo in ciò che entrambi amiamo!
      è una vera gioia per lo spirito!
      grazie caro amico, spero che sia sempre cos’!
      🙂

      Mi piace

      Rispondi

  13. Anonimo
    Mar 30, 2014 @ 18:22:49

    Nel vostro viso angelico amoroso
    vidi i begli occhi e la luce brunetta,
    che ‘nvece di saetta
    mise pe’ miei lo spirito vezzoso.
    Tanto venne in suo abito gentile
    quel novo spiritel ne la mia mente,
    che ‘l cor s’allegra de la sua venuta.
    Dipose giù l’aspetto signorile
    parlando a’ sensi tant’ umilemente
    ch’ogni mio spirit’ allora ‘l saluta.
    Or hanno le mie membra conosciuta
    di quel signore la sua gran dolcezza
    , e ‘l cor con allegrezza l’abraccia,
    po’ che ‘l fece virtuoso

    Lapo Gianni

    Ecco come la Bellezza può trasportare nella magia di un mondo colmo d’incontaminata purezza

    Mi piace

    Rispondi

  14. vever02
    Mar 30, 2014 @ 19:12:08

    Biglietto splendido, molto interessante.
    Bella fine di sera a te.

    Mi piace

    Rispondi

  15. finbarsgift
    Mar 30, 2014 @ 19:38:03

    hi ventis,
    sooooo lovely, his Pictures… and still looking sooooo fresh!

    have a pleasant eve
    greetings from
    lu

    Mi piace

    Rispondi

  16. Denise
    Mar 30, 2014 @ 20:48:56

    Mille mercis ma chère Ventis pour ce billet magnifique où tout n’est que douceur, grâce et tendresse. Merci également pour les détails des toiles. C’est superbe. Tes mots sont magnifiques ainsi que les autres et tout est intéressant.
    Je te souhaite une belle soirée et un bon début de semaine.
    Avec toute mon amitié, je t’embrasse fort!

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:16:23

      Cara amica Denise,
      anche a te mi lega una stessa identità di pensiero, ed è bello condividere le notre emozioni a mezzo di quello che ci è dato di trasmettere attraverso la percezione visiva
      spero che nella tua bella Ginevra sia una bella giornata di sole e t’immagino percorrerla con la tua macchina fotografica in cerca di angoli deliziosi da farco scoprire
      un grandissimo abbraccio molto affettuoso

      Mi piace

      Rispondi

  17. Martina Ramsauer
    Mar 30, 2014 @ 22:42:02

    Cara Ventis, mi ricordo benissimo quando abbiamo (con mio marito) visto La Primavera a Firenze e che siamo rimasti con bocche aperte! Essere piena di primavera anche in età avanzata e la mia grande speranza. E’ stato meraviglioso quardare questi stupendi quadri abbinate con le poesie e spiegazioni. Ti auguro una buona settimana con mille piccoli quadri positivi.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:21:27

      buon giorno Martina cara,
      le anime sensibili si riconoscono sempre, e sempre portano la primavera nel cuore, a qualsiasi età, perché la bellezza e la purezza dei sentimenti profumano, come tutti i fiori di questa stagione beneaugurante, è sempre un piacere sapere che spesso i tuoi passi mi hanno accompagnata negli stessi luoghi da me amati
      passa una giornata serena
      apresto!

      Mi piace

      Rispondi

  18. Helen Devries
    Mar 31, 2014 @ 03:49:34

    This was a superb explanation of the work….I struggled a little but got there in the end.
    When I was a child the custom of ‘MAYING’ was still current…you went out at dawn on May day to pick the flowers of the blackthorn…but dare not bring those flowers in to the house…they were a sign of death as were, by association, white lilac flowers.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:30:28

      Dear Helen buon giorno
      This tradition of Blackthorn flowers on the first of may I was unknown! How many things are learned, how many customs and traditions that always sink into some atavistic fear of the centuries that preceded us, fortunately there is the beauty that the great artists such as Botticelli know let us get to defeat time and fears
      Thank you for the great attention and sensitivity with which you follow me, are people like you that give me joy to continue this small, but exciting experience of blogs
      passes a happy day

      Mi piace

      Rispondi

  19. afinebinario
    Mar 31, 2014 @ 09:35:44

    Quanta bellezza e armonia in queste opere.
    Resto incantata a guardare le meraviglie del Botticelli, davvero un genio.
    Complimenti per la tua poesia, quella “colla d’amore” che unisce l’occhio al cuore.
    un bacione Ventis 🙂

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:32:34

      Ciao Affy,
      la Bellezza ci protegge e ci guida, e questi grandi geni ci colmeno il cuore di dolcezza, così che si trovano anche le giuste colle per riappiccicare i cocci!!!!
      grazie mille, un abbraccio affettuoso

      Mi piace

      Rispondi

  20. saragiroli
    Mar 31, 2014 @ 18:21:58

    adoro sandro!!

    Mi piace

    Rispondi

  21. restlessjo
    Mar 31, 2014 @ 22:33:00

    Such an exquisite work, Ventis! What a celebration of Spring you have made here! Bellissima, cara. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 01, 2014 @ 09:35:37

      eh, sì, solo lui con la bellezza delle sue figure può rappresentare l’armonia e l’eleganza della Primavera!
      Grazie mia cara passa una lieta giornata in compagnia delle scimmie di Hartpool, ha ha
      baio

      Mi piace

      Rispondi

  22. ladyfi
    Apr 01, 2014 @ 09:13:16

    Wonderful wonderful!

    Mi piace

    Rispondi

  23. ventisqueras
    Apr 01, 2014 @ 09:52:28

    mi scuso con gli amici sono molto impegnata e non so se riuscirò a prendermi tempo per passare a salutarvi nei vostri post
    spero in ogni modo di poterlo fare
    🙂

    Mi piace

    Rispondi

  24. anotherday2paradise
    Apr 01, 2014 @ 10:45:13

    Sandro’s paintings are so magnificent! There isn’t another artist who can compare for depicting the voluptuous woman. 🙂 Lovely post for Spring. xx

    Mi piace

    Rispondi

  25. HansHB
    Apr 01, 2014 @ 22:53:41

    A beautiful serie, wonderful to study every detail!

    Mi piace

    Rispondi

  26. Anonimo
    Apr 02, 2014 @ 06:45:56

    insuperabile per grazia e bellezza! un articolo ed un omaggio meravigliosi che solo tu con la tua poesia e dolcezza potevi esprimere a un così alto livello, ho guardato anche le altre dediche ” ai maestri di pittura che amo” una più bella dell’altra
    grazie amica Ventis
    a presto Mirella

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 02, 2014 @ 06:51:14

      wowwwwwwwwwww! che bello Mirella! ti ringrazio in diretta! sei davvero sempre squisitamente gentile con me! vedo che i nostri gusti sono molto simili!
      è già un po’ di tempo che non salgo alle cinque terre, ne sento molto la nostalgia, in questo periodo sono un vero incanto…vedrò di rimediare al più presto! passa un lieto giorno!
      🙂

      Mi piace

      Rispondi

  27. Seçil Zoral
    Apr 02, 2014 @ 12:00:54

    Merhaba benim güzel arkadaşım Ventis..
    ziyaretiniz ve şiir le ilgili güzel söylemleriniz için teşekkür ederim.
    ben size mutlu bir gün diliyorum…çok kucak dolusu sevgilerle 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  28. Il Principe
    Apr 02, 2014 @ 14:53:53

    Qualsiasi cosa tu scriva è interessante ………. per me. ma il dipinto col drappo rosso è stupendo.

    Mi piace

    Rispondi

  29. ventisqueras
    Apr 03, 2014 @ 09:19:12

    Buona giornata Giovanni,
    sei davvero gentile, ..
    in quanto al dipinto alludi forse a Mercurio? il drappo rosso ce l’ha pure Venere, per me sono assolutissimamente strepitosi entrambi!
    🙂

    Mi piace

    Rispondi

  30. liù
    Apr 03, 2014 @ 10:33:04

    Nel mio blog c’è posta per te!
    http://strangethelost.wordpress.com/2014/04/03/premio-dardos-ce-lho-2/
    Ciaooooooooooooooo

    Mi piace

    Rispondi

  31. Linda Arthur Tejera
    Apr 04, 2014 @ 04:18:10

    Beautiful and informative post. The video was excellent. I love this! Thank you! 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  32. Antonio Tomarchio
    Apr 04, 2014 @ 14:30:59

    Ho dei ringraziamenti per te, vieni a trovarmi http://antoniotomarchio.wordpress.com/2014/04/04/ancora-premi/

    Mi piace

    Rispondi

  33. ChgoJohn
    Apr 05, 2014 @ 17:53:12

    Botticelli’s works stand alone. Each is so beautiful. I’ve loved this painting when I’ve been to the Uffizi and look forward to seeing it again in May. Your detailed description of the piece, Ventis, is fascinating. Thank you so much for taking the time to compose and publish today’s post.

    Mi piace

    Rispondi

    • ventisqueras
      Apr 08, 2014 @ 07:11:04

      Oh, John che bello che sarete in Toscana a maggio! è un mese bellissimo per stare qui, e vi auguro un soggiorno meraviglioso!
      grazie per la sempre vostra gentile attenzione, felice giorno

      Oh, how nice that you John in Tuscany in may! is a beautiful month to stay here, and I wish you a wonderful stay!
      Thanks for your kind attention, always happy day

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: