7) a Istambul con amore-to Istanbul with love

Questo non sarà un post simile agli altri, vuole essere un omaggio a Istambul prima di proseguire il viaggio verso  sud perché se non bastano pochi giorni per scoprire 3000 anni di storia e raccontare tutto quello che si è visto o cercato di vedere ( che destreggiarsi fra orari, aperture-chiusure dei musei e dei monumenti non è affatto facile!)ma  bastano per innamorarsene perdutamente

.Quello che seguirà sarà un serie di  flash della memoria, senza nesso o  cronologia, intervallati solo da qualche proverbio-aforisma turco ( perché è risaputo i proverbi la dicono lunga sui popoli) e qualche mio piccolo pensiero,

una carezza, un’emozione in più, prima di salutare definitivamente la città.

istanbul-3

 

 

Fener-foto

 L’indifferenza è gemella della crudeltà

pasqua

L’avaro perde più di quanto il generoso dispensi

istanbul-e-come-un-tatuaggio-L-3uNx3K

Per amore della rosa si sopportano le spine

002899-11-Ciragan_Palace_East_Entrance

 

ist2

Dappertutto

Dappertutto

la gioia della vita s’intrufolava

nei buchi sguarniti

che l’ombra lasciava

Ventisqueras

1261818884_extras_ladillos_1_0

IMG_9956m2

istanbul-sultanahmet-camii-blue-mosque

DSC_7950-2wtsoxc1iwvecr5cvqemm8

UpkPfA5XLjjKLIAPJH0wbNp9Zzwu4vrnY7pG6VQaNNM=--

Bagliori notturni

La dama del fiume delle nuvole

dardeggia

snelle stelle con bianche dite

le squarciano il seno

a straboccare  luce d’argento.

Ventisqueras

grandbazaar15

1241383454

3979992621_c4fc124302_z

turchia_xafrv_T0
abyaxzsrmefdnvy_T0

E’ un periodo in cui non riesco a unire tutti gli interessi della mia anima e devo accontentarmi delle briciole che restano, questo era il post di saluto per Istambul della scorsa estate, non potendo fare di meglio  vi ringrazio della vostra pazienza e delle vostre attenzioni che non mi fate mai mancare nonostante la prolungata latitanza

un grande abbraccio molto affettuoso

Piesse:avevo incluso erroneamente una foto impropria, mi è stato fatto notare, ringrazio e mi scuso.

Questo inconveniente ha un solo nome :stanchezza, pertanto preferisco prendermi un periodo di riposo dal pubblicare per rispetto a me stessa e  e soprattutto a  voi miei carissimi ed affezionati amici e lettori.Non credo lascerò il web, ma non so ancora nei momenti liberi avrò la gioia di passare dai vostri blog e di rileggere i vostri commenti lasciati  qui senza risposta,

Vespero

Sopra cieli bruciati di riarsi pensieri

siede il canto di un usignolo

assiepando

l’attesa del buio.

Ventisqueras

Annunci

6) Istambul, Costantinopoli o Bisanzio? La città romantica-the romantic city

torre-leandro

Conosciuta come Torre di Leandro ( In turco Kiz Kulesi- Torre della ragazza-) così chiamata perché erroneamente associata al mito di Ero e Leandro che ebbe invece come scenario i vicini Dardanelli

cropped-istanbul-la-torre-di-leandro2si trova su un piccolo isolotto nell’ingresso  sud del Bosforo Üsküdar. ed è uno dei monumenti di Istambul così detti romantici   ( cliccare sull’immagine per ingrandirla, vale la pena 🙂 )

TR1207-045-Istanbul

Fu costruita in legno dall’imperatore Bizantino Alessio II nel 1110 per sbarrare l’ingresso del Bosforo con una catena di ferro tesa fra la torre stessa ed un’altra torre posta sulla spiaggia del quartiere di Manganae 

kiz-kulesi_MGZOOM

Fu poi oggetto di numerosi restauri da parte degli ottomani finché nel 1763 fu eretta in pietra, a vederla da lontano stagliarsi contro il cielo rosso del tramonto sembra veleggiare incontro ai paesi del paradiso perduto…forse è  traendo ispirazione da questa visione che ho scritto il testo che segue

                                                                   …che nella pancia si rompe      ( L’isola che c’è )
– Oggi è agosto –
più qua, più là
non so.
Tutto si è formato
ha preso pieno possesso
è ondulato e perverso
fino alla linea puntuta
e folle dove giunge lo sguardo
.Ora è sera-sera d’agosto-
di sopra di sotto
lo so.
Un argine s’adorna di cristallo
s’agita, s’increspa
una stella mi tocca la bocca
-la prima che è sorta-
Rapido, sapido
uno scintillare di spine mi sanguina
di niente
quel nulla che scende
contorto
dal ponte
e nella pancia si rompe.
Ventisqueras

Günbatımı

la dolcezza del paesaggio è tale  che si può essere presi alle volte da una sorta di stordimento, così la descrive Edmondo De Amicis:

istanbul-di-notte

 

“.Stanca quella successione interminabile di linee molli e di colori ridenti. E’ una monotonia di gentilezza e di grazia in cui tutto il pensiero si addormenta.

Bosph

Si vorrebbe veder scorgere tutt’a un tratto sopra una di quelle rive una roccia smisurata e deformata o stendersi un lunghissimo tratto di spiaggia deserta e triste, sparsa degli avanzi di un naufragio”

torre-di-galata_435927

 situata al centro di questo quartiere storico di origini genovese con strade piccole, buie, strette e magiche forse è  il punto culminante delle fortificazioni della grande Repubblica Marinara di Genova ed è la torre di Galata  ( he già, Romani, Veneziani, Genovesi, anche la Repubblica di Pisa, il Ducato di Amalfi, la Repubblica di Ancona, il Ducato di Gaeta ebbero colonie commerciali a Costantinopoli e parte sostanziosa nello sviluppo e nel commercio fra occidente ed oriente)
torre-di-galata_348473
Contemplare la torre nella notte, illuminata, è una vera meraviglia. E’ sopravvissuta a diversi terremoti e quando gli abitanti di Istanbul demolirono, nel XIX secolo, le mura genovesi, permisero che questa  torre  di favola rimanesse in piedi. E’ possibile prendere un thè per meno di un euro all’ottavo piano e, dall’alto, la vista a 360° della città è superlativa .
galata24
Chissà che non sia proprio la possibilità di rievocare un tempo lontano, nel quale la città era circondata da villaggi, amici o invasori, ponti e porti, a rendere questa parte di Istanbul così straordinariab29acec457d781b291f269c5b7ccc619. Dalla torre Galata i genovesi probabilmente osservavano questo misterioso popolo ottomano che viveva nella città con il porto più importante del mondo. Da una parte l’Europa, dall’altra l’Asia e nel centro Istambul

10_4

spesso i colori del cielo e del mare del Bosforo scintillano di tutte le sfumature dell’oro e allora la città che io amo definire” liquida” si trasforma in  liquido oro emergendo intatta dall’enorme crogiolo di una strega

002899-09-exterior-bosphorus-view-ciragan-palace-at-night

interessante farsi le due rive del Bosforo andando con un battello da una sponda all’altra con partenza da Besiktas fino al villaggio Anadolu Kavagi. Basterà acquistare un biglietto, confondersi con i turisti, e scoprire un’altra dimensione di Istanbul. Prima tappa, dopo aver superato il palazzo Ciragan (attualmente l’hotel più lussuoso della città)

Kalenderhane 3

e saremo ad Ortakoy con la Moschea Kalenderhane , una ex chiesa ortodossa convertita in moschea dagli Ottomani
Istanbul-weekend-voli-last-minute-600x449
Questo edificio rappresenta uno tra i pochi esempi ancora esistenti di chiesa bizantina con pianta a croce greca 
 fatih-sultan-mehmet-koprusuemozionante di notte il passaggio sotto il grande ponte inaugurato nel 1973
beylerbeyi_palace____istanbulturkey_Wallpaper_skymj1 beylerbeyi-vale beylerbeyi-sarayc4b1 beylerbeyi-sarayi-fotografi ????????????????
per raggiungere la riva asiatica a Beylerbeyi che può vantare uno dei palazzi ottomani più belli ed altre preziosità qui sopra documentate
Istanbul-219
                                 ringrazio per questa magica foto LucianoVettorato

Ho sognato della mia bella
m’è apparsa sopra i rami
passava sopra la luna
tra una nuvola e l’altra
andava e io la seguivo
mi fermavo e lei si fermava
la guardavo e lei mi guardava
e tutto è finito qui.

Nazim Hikmet

 

che cosa di più dolce per chiudere un post su” Istambul città romantica” di una Poesia d’amore scritta da un suo figlio?

Ventisqueras

5) Istambul, Bisanzio o Costantinopoli? Nel segno del Genio-In a sign of Genius

ponte_di_galata_copertinaIn una ” città liquida” come  amo definirla, cresciuta a dismisura sulle due sponde del Bosforo è innegabile che i collegamenti più importanti siano rappresentati dai ponti, questo è il ponte di  Galata così chiamato per la vicinanza dell’omonima torre, mentre nelle ore notturne si accende con le luci sgargianti dei locali che lo percorrono per tutta la sua lunghezza, 22658763 durante il giorno le canne dei pescatori si affacciano dal ponte e ti fanno il solletico sulla testa Tirano su i pesciolini che finiscono fritti nei ristoranti sul porto o direttamente scottati su barbecue improvvisati sul ponte. 

hhquesta veduta panoramica evidenzia la lunghezza e l’importanza dei ponti, sempre congestionati da un traffico che sembra impazzito,

b5fcac06aff6f9921f4ddc25e619bab4

tra suoni di clacson e stridore di gomme

 

sssss

ma nello splendore di visioni fiabesche si accetta tutto di buon grado!

P00

 

infrastrutture efficienti e modernissime

P01

come si conviene ad una megalopoli quale è Istambul

leonardo_bridge

ma l’autentica ” chicca” che ho trovato è quella che mi fa inorgoglire dell’appartenenza al popolo italico  nel nome di quello che è universalmente riconosciuto il più grande genio mai esistito al mondo Leonardo Da Vinci.Nel 1502 produsse un progetto per un ponte sul Corno d’oro della lunghezza di 240 metri e largo otto metri per incarico del sultano Bavezid II.

aforisma-pensiero-leonardo-da-vinci

Nel maggio 2006 è stato annunciato che il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan ed il sindaco di Istanbul, hanno deciso di realizzare il ponte progettato da Leonardo, a seguito di studi di pianificazione urbanistica e fattibilità avviati sin dal 1999. Così, dopo oltre cinque secoli, il progetto del genio rinascimentale troverà realizzazione nello stesso luogo e con lo stesso profilo progettuale e dimensioni che aveva in origine, sollevandosi dal filo delle acque sino ad un’altezza di 24 metri, come previsto negli schizzi di Leonardo

2025040124_87b64a6ff9ma ciò che più sorprende è che il ponte è stato realizzato in scala ridotta, ma perfettamente aderente al progetto di Leonardo, nella piccola cittadina di As in Norvegia, poco distante da Oslo, la sola differenza è che mentre l’originale era previsto in pietra, questo è un passaggio pedonale in legno che attraversa l’autostrada e-18

Leonardo Gold Horn Bridge//

Per cinquecento anni la bellezza e il simbolismo dell’aggraziato ponte di Leonardo da Vinci inteso a congiungere l’insenatura del Corno d’Oro in Istanbul (allora Constantinopoli),  era rimasto un oscuro, minuscolo disegno in un angolo di uno dei voluminosi quaderni di Leonardo, fino a quando , nel 1995, un artista norvegese contemporaneo, Vebiord Sand, vide il disegno a una mostra di opere d’ingegneria di Leonardo. Fu colpito dalla grazia e dall’eloquenza matematica della struttura. Al suo ritorno ad Oslo, fece la proposta di costruire il progetto al Ministero dei Trasporti pubblici norvegese che capirono immediatamente il suo significato artistico e storico e dettero il via al progetto.

DENMARK CLIMATE SUMMIT

qui è ripetuto in una suggestiva costruzione in ghiaccio ad Oslo

turchia_b97ny_T0

ed ora abbandoniamo questa parentesi storico-culturale per rituffarci nell’atmosfera dei grandi monumenti di Istambul, mi piace farlo inoltrandomi da quella che è chiamata La porta d’Oriente

MOSCHEA DI SULEYMANIYE

istanbulsulbosforo

Certo la moschea di Solimano è una delle più grandiose e famose dell’intero islam, giungendoci difronte mi sono sentita un moscerinooriginalforse anche l’edificio più bello, costruito fra il 1550/57  dall’architetto Sinan, anche lui come la sua creatura il più grande e il più famoso dell’islam

la-moschea-di-solimanoquasi contemporaneo di Michelangelo, Sinan nacque nel 1491 a Karaman da famiglia forse greca e certamente non musulmana. Addestrato nel corpo dei Giannizzeri e combattente in Austria, Baghdad, Corfù e Puglia, nel 1538 fu nominato dal sultano Suleiman architetto della Dimora della Felicità. Da allora, per cinquant’anni, progetto un numero infinito di edifici, molti dei quali ancora esistenti.

img_42721queste immagini pur così spettacolari forse neanche riescono a rendere a pieno le sue dimensioni

  Nell’atrio si ammirano 24 colonne di marmo bianco e granito rosa, che sorreggono 28 cupole e una fonte di purificazione a forma quadrata, nella quale i fedeli, prima di varcare la soglia della moschea devono lavarsi accuratamente mani, viso, denti, estremità inferiori

10-Moschea-di-Solimano-vista-da-ZeyrekGuardandolo dal Corno d’Oro,  da ancor più un’impressione di grande monumentalità. L’esterno corrisponde esattamente alle divisioni spaziali interne e all’insieme dei contrafforti, archi e volte necessari a produrle. Nei grandi timpani a est e a ovest è evidente l’influenza di Santa Sofia; ma, anche senza le aggiunte posteriori, Santa Sofia non esprimeva così chiaramente all’esterno la complessità, molto maggiore, delle sue divisioni interne.

 

10%20Istanbul%20Moschea%20di%20Solimano%20120

 

l’interno è un immenso salone rettangolare (m 57 x 60), col pavimento letteralmente ricoperto di tappeti in doppio strato (sotto quelli antichi, sopra altri di fabbricazione più recente

phoca_thumb_l_moschea-solimano Lo sguardo corre subito alla possente cupola alta 53 metri, ridiscende alle gallerie riservate alle personalità, risale alle cupole minori,

64086635

  si sofferma sulle quattro antiche colonne di porfido alte nove metri ricavate da un unico blocco che separano la navata centrale da quelle laterali.
134712548-media-c2de5de9-aa0e-4912-bbe7-6a6f8bedd650l’interno può ospitare fino a 5000 persone!
Istanbul - Moschea del Solimano - Interno-2wm
La luce che filtra dalle 136 finestre illumina il marmo, il porfido e le preziose maioliche di questo tempio estremamente armonioso. Appeso, si distende a ruota un gigantesco lampadario formato da centinaia di scodelline di vetro che un tempo venivano riempite di olio e acqua.
1110588-Sleymaniye_Mosque-Istanbulspostandosi da un lato all’altro dell’immensa sala si può avere l’impressione -confermata da questa immagine- che cambino i colori dell’insiememinimundus09//   dietro la moschea si trova un cimitero con i mausolei (türbe) del sultano Solimano e della sua favorita Rosellana. La türbe del sultano è una costruzione ottagonale, probabilmente anch’essa opera di Sinan, circondata da un colonnato con maioliche e finestre multicolori. La cupola è sostenuta da otto colonne di porfido ed è ornata a profusione di smeraldi e cristalli di rocca ( tanto per non farsi mancare proprio nulla 🙂 )
Solimano e Rosellana
Le ossa sono amiche fragili
lentamente cedono al tempo nei grandi sepolcri chiari
ma il tempo non discioglie nell’occhio di un Dio in fiore
il ricordo degli amanti
e nemmeno questa lacrima che è acre di terra
dimentica i colori eterni del mare di Bisanzio
Ventisqueras
mg_4685ed ancora uno sguardo da lontano a questa magnifica città per ringraziarvi di avermi ancora seguito nelle mie ” variazioni sul tema”

Ventisqueras

4) Istambul, Costantinopoli o Bisanzio? Il corno d’oro-The golden horn

1Tremila anni di storia ci  scorrono davanti, il Corno d’oro è il lungo fiordo che divide in due la città d’ Istambul

acde611763b87365f14dadf50602202d

Nei tempi antichi l’entrata in questa lingua di mare era impedita da una grossa catena che veniva tirata da Costantinopoli fino alla torre di Galata.

DSC_0195

Solo 3 volte nella sua storia navi nemiche riuscirono a eludere l’ostacolo: ad esempio durante l’assedio di Galata che portò alla caduta di Costantinopoli nel 1453.

Fuori-dalla-MOschea-Nuova

ma la modernità avanza tra le onde di un canale dove il traffico si adegua a quello delle strade.

03-moschea-di-solimano

Risalendo il Corno d’Oro – Verso Nord scorrono vecchi cantieri ottomanni, il quartiere ebraico. A Eminonu, scalo marittimo nei pressi del Bazar Egiziano si comincia ad annusare il Bosforo

651-istanbul

le rutilanti visioni notturne così intense e colorate mettono addosso uno strano smarrimento come se la testa pressata fra passato e presente restasse indecisa quale via scegliere

Istanbul-di-notte

ma poi si capisce che non c’è niente da scegliere ma solo da attingere a piene mani da ogni scorcio, da ogni visione che stupefacente si sussegue e ti fa sentire ogni volta diversamente felice

stretto-del-bosforo_388040 1762_900x600_2_img_1302022300_bazar_istanbul1

Piercing e tatuaggi, turban o veli neri. Negozi griffati o griglie di pannocchie tutto in un piacevole caos che mi distrae dal preciso percorso che mi ero prefissa

4_2

Il gran Bazar

et voilà! si passeggia in mezzo a mucchi e a torri di broccati di Bagdad, tappeti di Caramania,

173093897_d418b04245_z

sete di Brussa, mussoline del Bengala, scialli di Madras, in questo gigantesco labirinto di strade si allineano da cinque a seimila negozi!  oltre che ristoranti, Moschee, stazioni di polizia,  banche…

5890641818_f504c81508_o

cuscini arabescati d’oro, vaporosi veli di seta in cui il chermisino, il blu, il verde il giallo si avvicinano e s’intrecciano con armonia e ardimento, tappeti con intessuti versetti del corano, caffettani di velluto rosso contornati d’ermellino e coperti di stelle, ampi calzoni rosa e viola che richiamano  gli harem e le odalische profumate

viaggio-istanbul-consigli-gran-bazar_3051-890x593devo confessare che passando di fronte a vetrine come questa ( il turchese è una delle mie pietre preferite), ho dovuto tenere a bada il feroce istinto di assaltare il negozio ha ha ha!

istanbul_uu6mb_T0

e ancora intenta a scrutare le lampade multicolori certa che ne sarebbe uscito il Genio di Aladino anche senza strofinarla e che magari mi avrebbe permesso di avere tutti quei gioielli di turchese senza assaltare il negozio 🙂 hi hi hi

 P1040608

il profumo delle spezie esposte in bella mostra stordisce e insieme allieta il girovagare piacevolmete senza una meta precisa

09Istanbul 047

lasciandosi trasportare dalla marea della folla che vociando in diverse lingue  contribuisce a fare una piacevole confusione nei pensieri

 

thA1CCTCXM

L’aria sa di narghilè come dello strato bruciato dell’ultimo kebab al baracchino del porto. Istanbul dal mare è l’eco della preghiera del muezzin che sale alta e si fonde con la radio dei vaporetti.

grandbazaar29

 

img_3189_T0

 

Piccole perle di luce ( Ricordi)

prendo appunti sulla punta delle dita
per stendere tra le finestre dei sottotetti
il bisbiglio delle stelle che gocciano di luce
la melodia dei ricordi che batte  tasti silenziosi
 il vento  passa sulle soglie addormentate
a elemosinare piccole perle innaffiate
dalla malinconia dei giorni asciutti
dietro le trasparenze dei vetri.
    Ventisqueras

Detesto non solo le celle della prigione, ma anche quelle dell’arte, dove si sta in pochi o da soli, sono per la chiarezza senza ombre del sole allo zenit, che non nasconde nulla del bene e del male. Se la poesia regge a questa gran luce, allora è vera poesia.

NAZIM HIKMET
D4D_3468B

 

Istanbul città liquida se ce n’è una, 35 chilometri che un tempo erano la trafficata quotidianità di mercanti e conquistatori: oggi una passerella lungo villaggi di pescatori, moschee, porticcioli invasi da stuoli di turisti  curiosi.

come non cedere all’invito di lasciarsi ammaliare dalla sensualissima danza del ventre?

istambul1-1024x1024

per salutarvi in questo post che vorrei definire di tematiche “leggere” qualche immagine che definirei “curiosa”

viaggi_istanbul_cosa_visitare_turchia_3437-890x593

🙂

turchia_adhk9_T560 he he he buon riposo!

IMG_4083

questo micetto è da bacio! grazie dell’attenzione, un grande abbraccio

Ventisqueras

 

 

3) Istambul, Costantinopoli o Bisanzio? La spiritualità-the spirituality

cosa-vedere-a-istanbul-600x450bluemosque10532410-Sleymaniye_Mosque-Istanbule riprendiamo a camminare per le strade di questa immensa città che, unica al mondo poggia le sue fondamenta su due diversi continenti: Europa ed Asia qui si osservano, si confrontano attingono l’una dall’altra i diversi aspetti, le diverse tradizioni e culture. Purtroppo spesso capita che questi progressi faticosamente conquistati vengano nuovamente posti in discussione, come sta succedendo in questo momento in Turchia,  un nuovo aspirante dittatore vuole regredire ritornando ai secoli bui del fondamentalismo, Confido sulla  freschezza di idee della sua bella gioventù e sul movimento studentesco che uniti globalmente al grande popolo virtuale di Internet possano sconfiggere questo attentato alla loro Libertà di espressione e di cultura 

bluemosque1

 Senz’altro uno dei più eccelsi monumenti di Istambul è la Moschea blu: il nome le viene dal colore dei mosaici e dei decori che prevalgono al suo interno 

moschea-blu_cb6q4_T0

 

Fu fatta costruire dal sultano Ahmed I tra il 1609 e il 1617 da Mehmet Aga un cristiano nato in Europa, Poco prima l’impero aveva subito una sconfitta disastrosa

bluemosque17 e forse il giovane sovrano ( aveva solo 19 anni)  voleva placare Dio e farsi perdonare le clamorose dissolutezze,   decise  quindi di costruire la Ahmediye Cami  meglio conosciuta come Moschea blu o Moschea azzurra

 

 

interno_moscheablub

gli Ulama protestarono quando si decise di costruirla perché veniva finanziata dal tesoro di stato e non come era consuetudine, dal bottino di guerra

CUPOLA-MOSCHEA%20RUSTEM%20PASA%201420R

 

turchia_5gny1_T0

uno degli spettacoli più grandiosi ed affascinanti di questa moschea si può osservare nel periodo del Ramadam, con l’accensione delle miriadi di fiaccole votive

PENTAX DIGITAL CAMERA

Il Sufi, la danza del Cosmo, praticata dai Dervisci da me già osservata nel deserto del Sahara ( in quell’occasione scrissi il testo che ripresento, acquista qui un ulteriore fascinoso mistero). Suggestiva e magica la spiegazione che ne viene esaustivamente data nello splendido video

Derviscio

T’immagino gli occhi d’un mare tempestoso
Derviscio intravisto tra una fase lunare e l’altra,
gettata al ghibli la tua veste bianca
hai chiuso il messale
dove celavi le tue domande oscure
ora
tentennano maledizioni rosse
sul rosso del tuo fez

declinavi rosari spinosi di meditazioni sommesse
a colmare la notte intera
roteando roteando
poi ti si è tutto annebbiato, qua e là svaporato
neve e calce nelle ossa, gelo sulla bocca
s’allunga l’ombra sul tuo nudo pensiero
mentre il ghibli senza sosta sconvolge ogni mistero
perché dagli Dei non è consentito di certezze
nient’altro che una sola:
la vita

roteando
roteando, roteando

la vita, il mistero più grande lascia spazio
all’eternità.

Ventisqueras

cistern2

 credo che la parte più curiosa della citta sia quella sotterranea, rappresentata dalle Cisterne. Sorte numerose nel periodo bizantino per sopperire alla mancanza d’acqua in caso d’assedio, questi enormi serbatoi, spesso realizzati con materiali di recupero, sono una vera scoperta. La più famosa è la Yarebatan Sarayi la Cisterna Basilicacistern3

una sala di 140 metri di lunghezza per 70 di larghezza, coperta da un soffitto a volte sorretto da 336 colonne. Una passerella permette di raggiungerne il fondo,

cistern17

dove si trovano due blocchi di marmo con un bassorilievo della Medusa.

06021_holy_savior_of_chora_church_constantinople_istanbul_1040x700

un favoloso ciclo di mosaici e affreschi del XIV sec. decora gli interni della Chiesa di San Salvatore in Chora , cioè “fuori le mura”, cosi chiamata perché sorgeva all’esterno delle mura erette da Costantino.

img_54d180025

Trasformata in museo è, dopo Aya Sofya, il più rappresentativo dei monumenti bizantini di Istanbul.

253_324_chora

Tra i pannelli più pregevoli della chiesa, nota anche come Kariye Müzesi, spiccano quelli della navata centrale, restaurati tra il 1948 e il 1959 a opera della Byzantine Society of America, raffiguranti Cristo e l’Assunzione della Vergine.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mentre l’affresco più spettacolare è senz’altro quello del Giudizio Universale che decora il parecclesion, la cappella che ospita le tombe dei Eondaton della chiesa.

ramadan

001_saint-serge-et-bacchus_theredlist

ed ecco una serie di chiese a stigmatizzare la vastità delle diverse religioni che convivono pacificamente in Istambul:sopra quella cristiana di San Sergio e Bacco,( Kukuc Aya) Sosya Cami o Piccola santa Sofia, costruita in onore dei due martiri che furono soldati romani cristiani di alto grado e che morirono per non abiurare la loro fede

Agia_Triada_Greek_Orthodox_Church,_İstanbul( Santa Trinità) Hagia Triada, costruita nel 1880 è considerato il più grande santuario greco-ortodosso ancora in uso da parte di una piccola comunità che conta circa 150 fedeli

OLYMPUS DIGITAL CAMERAHagia Eirene  ( Santa Irene, in turco Aya Irinii)  fu probabilmente ricostruita in un sito precristiano, è stata infatti la prima chiesa in Costantinopoli, voluta dall’Imperatore Costantino ( e in seguito restaurata da Giustiniano) dedicata alla Pace di Dio, è una delle tre da lui volute con attributi divini : Hagia Sophia -la saggezza, Hagia Dynamus- la forza

Pammakaristos

 

Theokotokos Pammacaristos ( Beata Madre di Dio) chiesa greco-ortodossa in seguito divenuta moschea e nota come Fetyia camii,  oggi in parte museo

partriarchate_constantinople

Cristus Rex, cristiano-armena, situata in incantevole posizione panoramica fa parte delle 35 chiese del Patriarcato armeno di Istambul e dintorni

 

istanbul_moschea_blu_416150-17795362

           Meditazione

Aria d’acqua tuona il cielo cupo
passano rombando code di comete

avvolte in aghi di ghiaccio
straziano carni che sanguinano
altrove, dove l’universo è puro

S’imbianca il silenzio negli scavi d’ombra
-nidificano le case-

ed ognuno  è solo
solo con la sua morte
nell’univocità dell’infinito

 

Ventisqueras

 

 

 

2 ) Istambul, Costantinopoli o Bisanzio? La Fiaba-the fairy tale

 

188278937

                            

                                                  Bisanzio

In lancinante fiorire d’anima

uno stuolo turrito di sogni e di pensieri in tondo

mi colma gli occhi fino all’orlo

cadendo da una fitta gola di stelle muoiono le parole sulla pelle

stanno strette alla vita

che corre e scorre infinita e finita

Ventisqueras

 

medium_7574046808-634x396nel primo post su Istambul vi ho narrato delle sue origini romanico-storiche, delle guerre, delle dinastie che si sono succedute fra sconfitte e vittorie

istanbul-bazaar-lamp-shopin questo post che ho intitolato ” La fiaba” vi dirò la sua visione ottomano-bizantina, quella degli harem, delle odalische e sultani, degli eunuchi e delle moschee blu, di quel lato fiabesco, appunto e romantico che vive in ogni angolo nascosto della immensa megalopoli e che ti assale e la ridimensiona , servendola su un piatto d’argento cesellato alla tua portata di essere umanobazar-135302_Lmi sono perdutamente innamorata di queste lampade nel Gran Bazar, avrei voluto acquistarle tutte ( qui riaffiora il mio essere eterna bambina, Peter Pan al femminile, he he, chissà se volessi forse potrei anche volare)…dove le avrei messe? non so, forse nella mia stanza…mhhh troppe, sì, allora in giardino a far concorrenza alla luna o alle luccioline di maggio

gun-batimi

contro il cielo rosso del tramonto e le snelle guglie dei minareti i grandi stormi delle oche selvatiche provenienti da Eliath e dirette a nord migrano con certezza assoluta cecrando la loro meta come ogni anno, io amo moltissimo le oche, mi sembra di averne già parlato in un post sull’Alaska

турция-11questo straordinario video costruito sulle note colme della malinconica bellezza del violino di Ahu Saglam grande musicista e autore turco, sembra inneggiare alla loro libertà e splendore che completa l’incanto della natura dei luoghi sorvolati…(poi che un esercito di cacciatori giunti da ogni parte di Europa ne interrompe il volo con la stolta idea di cacciarle…beh è solo un fatto che mi strazia l’anima…)

Palazzo Topkapi ( letteralmente ” La porta del cannone”)

untitled

  costruito in posizione strategico-panoramica a  Punta Serraglio

mappa-grande-resize

    il palazzo fu arem e residenza dei Sultani ottomani

istanbul-palazzo-topkapi-01

stupisce ad ogni angolo per la preziosità leziosa di ogni suo particolare

Image00001-1024x680

il maestoso ingresso al grande palazzo prelude a magiche visioni

harem_flower

 

                                                     Odalisca 

 

Sono andata cercando catene.

-Pesanti catene per te.-

Sono andata cercando
l’amore molto felice 
che non ha catene –per me-

ti ho cercato al mercato degli schiavi

non ti ho trovato.

Sono allora andata a vendermi
al mercato degli schiavi
con un fiore rosso fra i capelli

mi hai trovata.

Con catene di fiori mi hai liberata.

                              Ventisqueras

 

 

istanbulcosavedereTopkapi

 

immaginavo un frusciare di vesti di seta

topkapi23

giovani voci far fiorire risate …ma chissà quante storie di gelosie ed anche di morti misteriose ad intrecciarsi

harem

in questi ambienti ovattati e sfarzosi

 

images9Z5T7VN2

dove immensi tesori sono ancora custoditi gelosamente

The Topkapi Emerald Dagger from the Topkapi Museum in Istanbul, Turkey

Istanbul3

 

 

 

80069116

architettura grandiosa e contemporaneamente intimistica nei preziosi particolari

topkapi_palace__istanbul_shuttestock_-_copy

Topkapi-Palace-harem-majolica-blue-windows

 

chissà quali occhi bellissimi si sono affacciati da queste finestre

 

P1050662 a malincuore si lasciano alle spalle visioni magiche e sogni, ora persi in mezzo ai fiori

 

Ventisqueras

si dice che anche il pavimento dell’inferno sia lastricato di buone intenzioni….sì, sì, questo vale anche per me! Vorrei trascorrere più tempo sul blog, ma per ora non mi è ancora possibile, per farmi scusare solo un pochino posto un altro dei miei piccoli pensieri-emozione sulla splendida ISTAMBUL,

grazie a tutti, vi voglio bene

It is said that even the floor of hell is paved with good intentions. … Yes, Yes, this is also true for me! I would like to spend more time on the blog, but for now I don’t is still possible for me to excuse just a wee bit post another of my small thoughts-emotion on the beautiful Istanbul
 
UN PARTICOLARE GRAZIE ANCHE A SAN GOOGLE TRADUTTORE HE HE!!!!! POSSO IMMAGINARE CHE SIA QUESTO…LA FANTASIA NON HA LIMITI 🙂 OLE’
images331

 

 

 

 

1 ) Istambul, Costantinopoli, o Bisanzio? Incontro di civiltà alla porta dell’Oriente-Meeting of civilizations at the door of the East

Aivazovsky-Veduta-di-Costantinopoli-al-chiaro-di-luna-1846

 

Canto alla luna d’Oriente

Canto alla luna d’Oriente,

un diadema pone d’ argento liquido sul capo dei minareti

flauti silenziosi nella mia mano

a lei

che gira caleidoscopi di gridi e bagliori supremi dal cielo,

a lei m’inchino,

da sempre va  illuminando di fragilità il mio cammino.

Ventisqueras

 

                                                            Costantinopoli

Una città con tre nomi, già questo la dice lunga sull’immenso patrimonio culturale e storico della magnifica città sul Bosforo. Arrivare di notte con una grande luna sospesa come una lampada votiva a vegliare sulle snelle guglie dei minareti è stato come entrare direttamente in un sogno, arretrando di secoli.

6583798645_c7c8e8df5f_z

certo, per me italiana il motivo principale è il ricercare le origini dell’ Impero di Oriente, con la grande civiltà Romana ormai sulla via della disgregazione, sì, ma ancora così potente da spalancare  nuovi orizzonti e con  l’imperatore Costantino il Grande  a forgiarle questo nome nuovo  e a portare  al popolo romano la luce riconosciuta del Cristianesimo ,  non un caso se si pensa che il Cristo è proprio dall’Oriente che proviene

L'imperatore Costantino IX, 1034-42, Istanbul, Santa Sofia

Flavio Valerio Aurelio Costantino,(Flavius Valerius Constantinu; Naissus, 27 febbraio 274Nicomedia, 22 maggio 337), conosciuto anche come Costantino il Grande o Costantino I  l’uomo che “rifondò” l’impero romano determinando con le sue scelte una svolta fondamentale per l’umanità.

13510939444873

Intelligente, lungimirante, tenace. Ma anche spietato, calcolatore, opportunista. Di tanti protagonisti delle umane vicende, si sa, non si possono fare che ritratti a chiaroscuro… e l’imperatore Costantino non fa eccezione. Con una precisazione, tuttavia: e cioè che nessuno, probabilmente, ha meritato il titolo di “Grande” come lui. Per le sue scelte epocali, per la sua visione politica, per le sue innovazioni determinanti. «A parte Cristo, Buddha e il profeta Maometto – ha scritto lo storico John Julius Norwich -, Costantino può legittimamente aspirare a essere considerato l’uomo più influente di tutta la storia». Davvero non poca cosa.

Fu proprio Costantino, con il celebre “editto” del 313, a concedere libertà di culto ai cristiani, che stavano ormai diventando maggioranza nell’impero

arco_costantino

lungo la Via dei Fori Imperiali si incontra l’Arco di Costantino, il più grande e meglio conservato di Roma, fatto innalzare da questo imperatore nel 312-315 dopo la vittoria su Massenzio.

sant'elena

Flavia Giulia Elena (latino: Flavia Iulia Helena; Elenopoli, 248 circa – Treviri, 329) è stata augusta dell’Impero romano, concubina (o forse moglie) dell’imperatore Costanzo Cloro e madre dell’imperatore Costantino I a lei si deve la conversione di Costantino al Cattolicesimo

. I cattolici la venerano come sant’Elena Imperatrice

santa%20elena

La tradizione narra che Elena, salita sul Golgota per purificare quel sacro luogo dagli edifici pagani fatti costruire dai romani, scoprì la vera Croce di Cristo, perché il cadavere di un uomo messo a giacere su di essa ritornò miracolosamente in vita.

aaaaaaa205_251_hagiasophia

Santa Sofia  nel nome richiamo alla Sapienza è il monumento più importante e famoso anche se non il più bello di Istambul, voluto da Costantino, gioiello non solo dell’età giustinianea ma di tutta l’architettura bizantina

aaaaaaaaa06_252_hagiasophia

fu chiesa per 916 anni, moschea per altri 482, sconsacrata per ordine di Ataturk, oggi è  museo

208_255_hagia_sophia

 

una delle testimonianze più importanti nella storia dell’umanità, al suo cospetto si sente sulle spalle tutto il peso dei secoli e della storia, non esiste nessun edificio bizantino che sia grande neppure la metà di questo

aaaaaaaaa204_250_hagiasophia

  né fu mai imitata fino al XVI secolo, quando furono costruite le moschee ottomane, perché considerata un’opera miracolosa, condotta a termine soltanto grazie all’intervento divino.

147

La sua storia è complessa: eretta in onore della Santa Sapienza (Hagia Sophia in greco e Aya Sofya in turco) dall’imperatore Costantino, ingrandita da Costanzo II, andò completamente distrutta nell’incendio del 404.

foto-2-1

Ricostruita da Teodosio II bruciò di nuovo durante la rivolta di Nika nel gennaio del 532, assieme ad altre chiese, alle terme, a parte del palazzo imperiale.

215_263_hagiasophia  L’imperatore Giustiniano ne decise la ricostruzione, ma con dimensioni e bellezza tali da superare il tempio di Salomone. Fu eretta in cinque anni e mezzo, vi lavorarono diecimila operai, e costò 180 quintali d’oro.

aaaaaaaaa211_259_hagia_sophia

Il 27 dicembre 537 Giustiniano in gran pompa, circondato dai dignitari di stato, si recò alla cattedrale su un carro tirato da magnifici cavalli.

Costantinopoli come una visione[1]

Ricevuto dal patriarca Nesso, assistette alla cerimonia di consacrazione e a un tratto, levate le braccia al cielo, gridò: “Gloria a Dio che mi ha giudicato degno di terminare quest’opera. Ti ho superato, Salomone!”.

capodanno-a-istanbul-cosa-fare-e-vedere_e2dbaf18ce44a736bd6c15a690fdf34a  

All’imperatore Teodosio II (408-450) si deve la cinta muraria più ampia che chiudeva la città fondata verso il 660 a.C. da coloni dori di Megara.

costantinopoli

Dopo aver acquistato subito notevole importanza commerciale e industriale, Bisanzio cade alla fine del secolo VI sotto la dominazione persiana. Dopo diverse vicissitudini  durante le lotte dei Diadochi (secolo IV) torna ad essere indipendente, e diventa alleata fedele e rimunerata dei Romani

904842-theodosian_city_wall-Istanbul

le possenti mura costruite dall’Imperatore Teodosio furono  un baluardo quasi insormontabile  e rappresentano  una magnifica attrazione militare storica

image009

questa è una ricostruzione dell’Ippodromo di cui fu fatto a gara nei diversi secoli per ingrandirlo ed abbellirlo, e non solo per mero divertimento, le gare di bighe alla Ben Hur che vi si svolgevano talvolta avevano destini infausti per gli Imperatori che venivano rimossi dal trono per aver perso la corsa,,,ha, ha, ha, ma ci pensate se anche i nostri politici potessero avere un destino simile?

istanbul5555

    Purtroppo, molte antiche statue, dal valore inestimabile e scolpite da celebri artisti del passato, sono andate perdute. I principali responsabili della dispersione di questo tesoro furono i soldati della IV Crociata, che misero al sacco Costantinopoli nel 1204

estambul6222

Vicino al limite settentrionale dell’Ippodromo, si trova una meravigliosa opera in pietra, denominata fontana dell’Imperatore Guglielmo. Nel 1901, il sovrano tedesco fece una visita di stato a Abdul Hamit II e donò la fontana al sultano e al suo popolo, in segno di fratellanza.

02

 nel 323, è conquistata  da Costantino, che la munisce di

un acquedotto,  la sua costruzione fu iniziata da Costantino e fu terminata, nel 378 d.C., dall’imperatore Valente, per questo chiamato acquedotto di Valente.

766662-roman_aqueduct-Istanbul

Il tratto sopraelevato, di cui attualmente restano circa 800 metri, era lungo più di un chilometro. Costantino ampliò anche le mura e ne fece la splendida capitale dell’impero (330), chiamandola ‘Nuova Roma, figlia maggiore e diletta dell’antica’

estambul9

questo obelisco egizio, fu eretto in onore di Costantino nel parco dell’Ippodromo

 I soldati della quarta Crociata l’occupano nel 1203 ( allora si chiamava Bisanzio) e vi fondano l’impero latino di Costantinopoli (1204-1261): primo imperatore Baldovino di Fiandra.

DSCF2045

Ricuperata dall’imperatore bizantino Michele VIII Paleologo, è conquistata nel 1453 da Maometto II. Resta, col nome di Istanbul, capitale dell’impero ottomano fino al 1923. La repubblica turca fissa ad Ankara la nuova capitale

bosforo-istanbul-1-135215_L

ed ora con questa immagine emblematica di un battello che si allontana nel Bosforo, romanticamente inseguito da centinaia di gabbiani, vi saluto per questa prima visione di Istambul che ho voluto raccontarvi, ho cercato di trasmettervi tutto l’entusiasmo  e l’interesse da me provato per questo luogo davvero eccezionalmente carico di atmosfere e profumi sperando anche in piccola parte di esservi riuscita.

Ventisqueras

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: