2 ) Di vento e di fuoco- Panarea- Eolie-Messina- L’isola dei” vip”-Of wind and fire-Panarea-the Isle of “vip”-

 

non sempre è lo Stromboli con le sue bocche infuocate a tingere di rosso il mare e il cielo di Panarea,

panorami-27

sicilia_hkmyu_T0

ma questi tramonti che lasciano stupore e bellezza negli occhi

4

in tempi  lontanissimi era conosciuta anche con il nome di Euomumos ” di buon nome, onorato” ma aggiungendoci “ex euomumos cheiros”  cioè alla mano sinistra.  per un eufemismo il significato positivo va a farsi benedire in qualcosa ancora di  “malevolo” ( ne avevo già parlato nel primo post ) ma in barba a tutti i cattivi auspici noi osserviamola alla luce dei nostri giorni

Isole_Eolie

lato nord-est dell’isola, sulla spiaggia della Calcara è tuttora possibile scorgere fumarole di vapori che si levano dalle fessure fra le rocce (dai suggestivi colori tipicamente giallastri ) ultime tracce di attività vulcanica con temperature fino ai 100 °C. In alcuni punti fra i ciottoli in riva al mare, per effetto di queste sorgenti di calore, l’acqua ribolle fino ad essere ustionante.

panarea-lisca-bianca---Copia

Il condotto principale dell’originario complesso vulcanico è situato all’incirca nel tratto di mare compreso

untitledhujki

tra lo scoglio detto La Nave e lo scoglio Cacatu.

6-eolie

Sempre dal mare, sulla costa occidentale (Cala Bianca )

2-foto-unite-vulcano-850-jpg

sono invece visibili i resti di un camino vulcanico secondario dalla forma di grosso imbuto. davvero impressionante

untitledmjnjhb

L’altezza di quello che resta del cono vulcanico è di 421 m. e presenta resti di crateri laterali formatisi nel tempo.

cd30006

Collassata in mare nella parte occidentale e settentrionale, con il risultato di pendii scoscesi inabitabili.

Panarea-ChiesaDiSanPietro-map-medium

La parte restante dell’isola, quella orientale e meridionale, ha parti pianeggianti. viste dall’alto le case cubiche sembrano tanti dadolini lanciati  sui pendii in un gioco senza fine alla bellezza

panarea2

 

33857361

pecorini

ci abbassiamo per scoprire le abitazioni caratteristiche ristrutturate e progettate dai migliori architetti, elegantissime e lussuose che hanno fatto definire Panarea ” l’isola dei vip”

mkm

foto14

in estate è presa d’assalto dai turisti ed è tra le isole più frequentate  ( per questo a me piace in primavera ed autunno 🙂 )

panarea-bouganville_0

il rigorosamente bianco dei muri fa un grande contrasto con il viola-rosa delle boungavillee che qui crescono rigogliose

panarea-sushi-bar

la vista che si gode da queste ampie terrazze è sublime

sicilia_njmnj_T0

con l’azzurro del mare che sembra voglia entrare fino in casa

Slider_Panarea_Terrazza_Con_Bougainvillea-1920x750

di viola morde la bungavillea sui muri

d’azzurro il mare la sogna

il bianco della calce dona purezza

e langue fra le braccia della ninfa

Ventisqueras

vista sul porto di panarea

queste visioni trasportano in un mondo mitologico, dove si aspetta di veder spuntare qualche sirena tra le onde o sua maestà Nettuno in persona mentre Eolo che abita da queste parti spira col più dolce dei suoi zeffiri, poverino la leggenda lo incolpa che in un giorno d’ira abbia soffiato così forte da distaccare addirittura la Sicilia dal continente…ma voi ci credete? io no 🙂 !

                                             qualcosa di blupana_125_jpg_pagespeed_ce_fsz84Zo-rw

 

Scala_coeli

Panarea_(1)

panarea-bar

come in molte isole greche al bianco assoluto della calce viene abbinato un luminosissimo tocco di blu,

untitled

che può avere diverse risoluzioni tutte piacevolissime

 

16732903_isola-di-panarea-il-villaggio-preistorico-0

infondo anche se meno “vip”questo”apino” blu è un mezzo di trasporto molto in auge sull’isola, al porto fa servizio per i bagagli dei turisti

lipari-leona

mentre un gatto sornione si mimetizza col muro per rimanere indisturbato a crogiolarsi al sole

12 Panarea

e s’inerpica agilmente sulle strette stradicciole dell’isola 🙂

72eca240-4656-4b89-817a-e10b12ea43d7

gli abitanti stabili sono circa 200 dopo l’emorragia di emigranti che hanno cercato fortuna nelle Americhe ed in Australia verso la fine dell’800, il più alto numero di abitanti circa 1000 si era avuto nel periodo in cui finite le incursioni dei vari conquistatori,  etruschi e romani cui seguirono normanni ed  a metà del 1500 gli arabi incominciarono a insidiare le isole (ne resta traccia nella toponomastica isolana nella baia e relativa contrada di Drautto, dal nome del pirata Dragut. Per le scorrerie della pirateria arabo-turca l’isola rimase pressoché disabitata, gli abitanti infatti non superavano il centinaio. Verso la fine del XVII sec.i contadini di Lipari ripresero a coltivarla (senza portarvici però donne e bambini, per via del pericolo delle scorrerie piratesche).

Panarea-Chiesa_di_San_Pietro_(2)

i pochi rimasti sono molto devoti, in particolare di San Pietro, patrono dell’isola e cui è dedicata questa chiesa,

247438_667610_la_statua__12009929_display

in suo onore il 29 di giugno si tengono suggestivi e grandi festeggiamenti: il Santo viene portato in processione a spalla fino alla marina,

San_Pietro_in_trionfo_per_le_vie_di_Panarea_per_la_festa_del_29_giugno dove viene issato sopra una barca e prosegue via  mare seguita da un codazzo di barche, questo per intercedere ( lui stesso pescatore non solo di anime ) la protezione per i molti pescatori dell’isola

vergini_c7q4j_T0

vi ho raccontato molte cose de quest’isola benedetta ed ora dobbiamo lasciarla…ma non con unaluce così bella! non in pieno giorno

tramonto-vicino-a-panarea

lasciamo che con i suoi colori violetti e rosati avanzi la sera

hotel-lisca-bianca

mentre dietro l’isolotto di Dattilo si nasconde il sole

panarea_yfrxx_T0

le lampade si accendano sulle terrazze dei vip a mare

tramonto-g

e il sole si appresti definivamente ad abbracciare la Notte sua trepida amante

1146700_422370887879415_1245386004_n

un’ultima festa di lumini da lontano…

co_34_941-705_resize

e poi il sogno dove si rincorreranno nelle praterie sottomarine gli anemoni di mare e le attinie fra i coralli, questo  si che è un dolcissimo saluto per da divina Panarea

Ventisqueras

 

 

 

Lipari-di pomice e ossidiana -Eolie. Sicilia- Le isole del fuoco-The islands on fire)

B4101e

si stagliano all’orizzonte le isole del fuoco, nella magia di un azzurro incredibile sembrano sorgere da lontanissimi orizzonti ricchi di storia e di leggende, questa volta parlerò di Lipari l’isola dell’ossidiana, Lipàra la grassa, la fruttifera, o Meligenie, nome che sembra far riferimento dal  greco alla parola miele, tutti questi appellativi la dicono lunga sull’opulenza e bellezza della stessa,

       Lipari

A ciglio del dirupo, scivoloso si calava in mare
il bianco della pomice suicida per amore
nel verdazzurro
che
a nulla si può paragonare.
Posi  a fronte la luna,
alta,
sul trono suo lucente ed immortale
 il nero d’ossidiana -ricchezza nei secoli passati
 ma desti nella mente- si tornò  ad esaltare.
Vergine Lipari
alla bocca bagnata del tuo canto
fra spruzzi di stelle e d’onde
 ti ho vista come Venere di madreperla
immota sui flutti spuntare,
 che non si muovevano più
se non da sogni.

Le Eolie da sempre al centro delle principali rotte commerciali del Mediterraneo,

colonie-salina

vicine allo stretto di Messina, bellissime, fertili, ricche, ma costellate di crateri attivi e da manifestazioni vulcaniche che  da sempre le hanno rese temibili, hanno attratto e respinto l’uomo, che ha avvolto quegli scogli neri in un ‘aura di mistero e di mito, in un misto di esaltazione e paura.

rp-lipari


Lipari fu interrottamente abitata dal 3500 a.C. ai nostri giorni e vide il succedersi delle civiltà con periodi di splendore ed altri di profonda decadenza e povertà; da tutti indicata come la capitale delle Eolie, è in pratica, l’unica vera cittadina esistente dell’intero arcipelago, appare a chi vi arriva adagiata in un ampio golfo naturale con un promontorio nel centr0

eolie1

gli abitanti erano agricoltori, pastori, commercianti che lavoravano e decoravano la ceramica,  affilavano sapientemente la selce.

222876.I vulcani delle isole vomitavano colate di pomice ed ossidiana questa era   il più prezioso dei  minerali, serviva a costruire affilatissimi utensili per ogni uso

matrepola-vulcano

ed era scambio di merci con navigatori che venivano da molto lontano

lipari_7

 L’ossidiana, durissima roccia vulcanica vetrosa, nera e  rilucente, non era prodotta da tutti i vulcani. pertanto molto ricercata e preziosa, nella foto ossidiana e pomice  ( nero e bianco che potrebbero essere scelti  emblematicamente come colori guida dell’isola) residui di quelli che dovevano essere stati eventi terrificanti e che poi furono per millenni alla base della floridità e ricchezza delle isole Eolie.

Lipari-Suicidio-Albergatore

…………………………………….costituito da un potente zoccolo di roccia riolitica il  famoso e antichissimo Castello,  luogo di difesa dove gli abitanti si rifugiavano durante gli innumerevoli assalti che la bella isola dovette subire nella sua millenaria storia da parte di flotte belligeranti, o da parte dei temutissimi  pirati saraceni

lipari2-1024x768

Si narra che le isole Eolie nell’antichita’fossero deserte, ma che un certo Liparo, figlio del re Auson, venuto in discordia con i fratelli e disponendo di navi e soldati, sarebbe fuggito verso l’isola che da lui prese il nome, quando egli era ormai vecchio,  giunse a Lipari con altri compagni,  fra  i quali Eolo, figlio d’Ippote che avrebbe sposato la figlia di Liparo.

..

scorfano-lipari

………………………………………….

 Lipari_Sizilien_Hafen

Quando gli arabi iniziarono la loro penetrazione in Sicilia, anche le Eolie furono oggetto di incursioni  piratesche che raggiunsero il culmine nel 836, le isole vennero distrutte e depretate, la popolazione venne in gra parte uccisa o ridotta in schiavitu’, per oltre tre secoli non si ebbero  piu notizie storiche provenienti dalle isole dell’arcipelago, bisognera’ aspettare la conquista normanna della Sicilia  perche’vi torni una vita civile ed organizzata.
63332_chiesa_di_san_bartolomeo_fuori_le_mura_isola_di_lipari
l’antichissima chiesa di San Bartolomeo
immersione-eolie
faraglioni_g
panorama mozzafiato con i celeberrimi faraglioni
lipari1
Diodoro Siculo  raccontò degli onidi, che, scampati a una sfortunata spedizione a Lilibeo si sarebbero fermati a Lipari, trovandovi circa 500 superstiti discendenti della stirpe di Eolo, i quali avrebbero aderito all’invito di quest’ultimi di stabilirsi nell’arcipelago per cercare di contrastare le scorribande degli etruschi; anche in questo caso gli scavi stratigrafici effettuati sulla Rocca di Lipari hanno avvalorato il racconto leggendario, provocando l’arrivo di genti elleniche in quel periodo storico.
lipari01

Col passare dei secoli il limite tra miti, leggende e storia diviene sempre più chiaro e netto, luoghi, emozioni, itinerari tramandati da storici, scrittori e visitatori diventarono sempre più precisi e riconoscibili e in tantissimi casi perfettamente ripercorribili.

7526351818_0dfe0cc32a_o

le Terme di San Calogero, dove è stato scoperto l’impianto termale più antico del mondo, costituito da un insieme di canalizzazioni con annessa caldaia, risalenti al XVII Secolo A.C., durante la Civiltà Eoliana.

6881260

Alcune leggende narrano di soldati romani moribondi per le gravi ferite di guerra, miracolosamente guariti con le acque termali,

DSCF8144

oppure di assassini il cui corpo viene gettato nei crateri dei vulcani attivi delle Eolie, affinché la loro anima raggiunga direttamente gli inferi.

hot-1

Un’altra leggenda riguarda la vita di San Calogero, originario dell’Asia Minore, il quale, giunto a Lipari, per mettere in fuga i diavoli annidati nella località fa sgorgare miracolosamente quelle sorgenti benefiche, a conforto dei sofferenti.

hotel-lipari-DSC00397-kireus

Forse si tratta solo di leggende, ma l’analisi chimica delle acque, effettuata anche di recente, ha classificato le stesse fra quelle ipertermali salso-solfato-bicarbonato-sodiche, sgorganti ad una temperatura di circa 60°, in grado di curare artriti, dermatiti, psoriasi, acne, erpete, crosta lattea, scabbia, sicosi, diatesi foruncolare.

stella-marina-stromboli

lipari-vallemuria1

..al momento di lasciare questi luoghi carichi di bellezza estasiante, lo stacco è sempre troppo rapido…si vorrebbe poterli salutare lentamente, ma anche lentamente fa sempre troppo male…

parto domani mattina e non potevo farlo senza salutarvi, so con certezza di lasciarvi in buona compagnia durante la mia assenza di circa un mese, spero di potere in seguito riprendere regolarmente la mia presenza sul sito.

ancora un grazie dal profondo dell’anima per voi tutti che mi siete cari , a chi va e a chi resta auguro sereni giorni d’agosto

goodbye, love, love

Ventisqueras

Vista_Vulcano_da_Lipari

eolie_lipari

Alicudi, l’isola viola delle donne che volano -Eolie, Sicilia- Le isole del fuoco-The islands of fire

alicudi-e-filicudi

Piccolo eremo arcobaleno Alicudi , conosciuta anche con il nome greco di Ericussa

img_1440

è a causa della grande quantità di eriche che fioriscono sui suoi verdi costoni, che è chiamata ancheIsola viola

222092_162670407127517_896966_n

arrivando all’alba o al tramonto dal mare sembra di andare incontro” all’isola che non c’è” e forse di potervi incontrare anche Peter Pan e con lui l’eterna giovinezza

Alicudi_2045-07-27-12-2833

Alicudi è una delle isole più piccole dell’arcipelago, certo la meno popolata,  nel dopoguerra era abitata da oltre 600 persone, in buona parte ora emigrate in Australia, principalmente a Melbourne. alicudi-3 Rimangono un centinaio di irriducibili abitanti, stretti nei minuscoli e pittoreschi paesini dalle caratteristiche case cubiche perlopiù imbiancate a calce

DSC_0022_Vertigo_1024x685

che spuntano fra le scalinate di pietra e i fichi d’india

alicudi-5

raggiungibili con ripide scalinate di pietra,

alicudi_2

tra i pochi abitanti si conta qualche comunità di tedeschi , rifugiati nella località più alta e remota dell’isola, denominata Montagna,

1654935

per fuggire dalle fatue lusinghe della società consumistica.( come dar loro torto? )

alicudi-eolie1

Quando spazza i cieli delle isole di fuoco
il vento Apeliotes
in ampli giri su Alicudi si sofferma
spazzando greggi di soffici cirri
 sorride
sulla bocca  della sera
soffia in orditi lucenti fra il viola dell’erica
e il porpora prezioso dei tramonti
sfilacciando in rose e stracci di corallo
a ricamare l’occidente.
5195321
Soffia, impazza, ramazza su scope cavalcate
dalle donne volanti che non si sa
 siano streghe o fate
nel vortice del loro radioso delirio
turgido e nero il mare
va emergendo in stelle di trasognati sguardi
a illanguidire gli occhi.
        Ventisquers
                                                          L’ isola delle donne che volano

Fu una finta o un fungo

o fu la voglia di volare

dove volare era un sogno

andare oltre quelle mura

chiuse in un lago\terra

e voglia di volare

Pane o cornuta segale effetto lsd,

o droghe già tagliate

effetto solo a donne non amate

o a donne strette dentro quattro mura

Ma se le donne volano,

perché gli uomini non volano con loro?

E’ lo stesso pane, segale cornuta e grano eppure…

ci vuole pure amore per volare

Roby il rospo

Perché gli uomini diventano animali

quando Amore non è più con loro

perché a volte sono le donne

che non sanno insegnare anche a loro

a volare…

Ventis

alicudibazzina
una delle leggende strabilianti che si raccontano  su quest’isola è quella  delle donne volanti che la notte spiccano il volo dal balcone dopo aver bevuto  acqua nella quale vengono messe  strane bacche nere ( sembra che sia un fungo allucinogeno che  durante qualche anno si è insinuato nella segale con cui nell’isola panificavano) essa così  si trasformava in” segale cornuta”, definita così per due protuberanze nere che spuntavano sulla sommità, è scientificamente provato che questo produce forti dosi di LSD e se ne riproduca quindi una collettiva forma di allucinazione.  Oltre le donne che volano anche gli uomini hanno reazioni psichiche e   si trasformano in animali, questo documentario sull’isola ne parla  ed io l’ho trovato interessantissimo, volete  ascoltarlo anche voi?
 
alicudi-1alicudi_3
               qui le parole si perdono nella preziosità dei dettagli
22320610
E’ difficile dire della gente che abita qui se si tratti di pescatori o agricoltori, operatori turistici, muratori, falegnami, fabbri, cuochi, camerieri o commercianti: ad Alicudi sei tutto e niente, consapevole del fatto che si tratta di un’isola dove non è ancora arrivata la ruota
alicudi23
                        l’unico mezzo di trasporto è l’asino,
alicudi-a
che poverino si sobbarca carichi e carichi da trasportare per le ripide scalinate
alicudi-9
esso comunque viene trattato con molta  attenzione, curato e lavato sulla spiaggia con acqua e sapone.
filicudi_(82)
 Il motivo per cui le abitazioni sono state costruite in luoghi tanto scomodi è facilmente comprensibile se si ricordano le frequenti incursioni di barbari e pirati delle quali sono state oggetto per millenni le rotte del Tirreno
4201277
 ne è un esempio il Timpone delle femmine, una località di Alicudi quasi inaccessibile, dove venivano rinchiuse le donne dell’isola durante le incursioni di predoni e corsari.
erica_web
28437017
ogni scorcio, ogni anfratto, ogni luogo  è talmente irreale che sembra scaturire da una magia o da un sogno
hotel-ad-alicudi
credo che se potessi scegliere un luogo dove potessi abitare senza preoccupazioni di dover lavorare per vivere,
Alicudi_Island_with_harbour_by_2BubyInTheUniverse
su questo ci farei certo un pensierino…
phoca_thumb_l_before%20the%20sunset%20alicudi%20vista%20da%20filicudi
purtroppo  anche il più bello dei sogni all’alba svanisce
Alicudi_4
…o è il sottile velo del tramonto a portarmi lontano

P1040252
 capitò che durante un viaggio  di ritorno da Lipari in un giorno di tempesta qualche anno dopo , veleggiando verso Cefalù, abbassate le ali dell’aliscafo per mare troppo agitato, si presentò all’orizzonte una tromba marina, non ne avevo mai viste e quella specie di imbuto-vortice velocissimo e sempre variabile suscitò in me interesse ma anche un certo timore, ricordo  che  evocai, non so quanto seriamente le parole magiche  imparate da un   tagliatore di trombe marine di Alicudi, uno di quelli che ancora  conosceva la formula magica per distruggerle ( o meglio ” per tagliarle” come diceva lui)  Con la potenza del Padre e con la potenza del Figlio, tagliati manica generale ( mi aveva però anche avvertito che non andava fatto perché si commetteva peccato, forse per non interferire con le forze dell’occulto? mah…non credendo né l’una né l’altra cosa ho tentato he he )  non ci crederete! il vortice nero si allontanò nel mare fino a scomparire…l’avrò tagliata io la tromba marina…e quindi dovrò scontare il peccato?!!? ha ha  ha
…ma che stranissimo e affascinante mondo è questo!
erica%20cinerea

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: