Il Golfo dei Poeti 2- Lerici, San Terenzo- Liguria- Gulf Poets

tramonto_infuocato_banchina960x480

quando penso a Lerici è sempre così  se socchiudo gli occhi che lo vedo, e lo sento dentro come un sogno, con bagliori di sole del tramonto fra le mille vele all’ormeggio

preferita15

e col profumo dei mille limoni che anche nel pieno dell’inverno fioriscono e maturano nel dolce clima del Golfo dei Poeti

limone_O4

provo una solenne invidia per questi alberelli carichi di bellissimi frutti, quando io sono costretta a far fare avanti e indietro dalla mia serra e non riescono mai così belli 😦

SP_009_tellaro

suggestiva e grandiosa visione della costa della Riviera Ligure di Levante con i borghi di Lerici, San Terenzo e Tellaro e sullo sfondo le Alpi Apuane innevate, sul mare una festa di vele

qui dove i Poeti hanno la loro casa non poteva mancare un pensiero per un Grande, proprio a Lerici gli è stata dedicata una stele.Non perdetevi questo meraviglioso video che oltre alla suggestione della voce, della musica e delle parole di Fabrizio De André dona immagini incantevoli dei luoghi che vi sto raccontando

Don’t miss this wonderful video that apart from the suggestiveness of the voice, music and words of  Fabrizio De André gives enchanting visuals of the places that I’m telling
                                                I borghi:
Lerici
10500
in contrapposizione a quanto appena dichiarato sul clima questa rarissima immagine di Lerici sotto la neve, affascinante non trovate?

Liguria%20-%20Golfo%20dei%20Poeti%20-%20Lerici

Lerici esisteva  come paese indipendente già nel Medioevo: borgo di pescatori e marinai, era dedito anche ai traffici del vino e dell’olio,  il suo primo nome fu Portiolo (probabilmente significava “porto dell’olio” oppure piccolo porto)

lerici-ilpiaseo-20

secondo la leggenda, vi approdò il monaco  scozzese Terenzio che intendeva recarsi a Roma in pellegrinaggio. Poco lontano il monaco fu assassinato dai briganti e i paesi della zona si contesero il diritto di trattenere la salma. Per pianare la questione fu deciso di deporlo sopra un carro trainato da buoi e, laddove i buoi si fossero fermati esausti, lì sarebbe stato seppellito Terenzio: ciò avvenne in corrispondenza dell’attuale paese di San Terenzo ai Monti in provincia di Massa.

Lo scoglio Ferale, visto da Schiara

Diversi toponimi della zona ricordano il tempo delle Crociate: in particolare la tomba del crociato e lo scoglio di Orlando (che, secondo la leggenda, fu spezzato in due  con la spada dalla furia del cavaliere)

castello santerenzo illuninato              immagini luminose del golfo in festa

gall_1372845119-era-fuo-20130703_115150

con il castello di Lerici che sembra una grande mongolfiera aliena pronta a  librarsi nel cielo

case_01

bellissimi esempi delle cosiddette “case torri” che dato il poco spazio lasciato dall’orografia della zona stretta fra il  mare e i monti, dovevano supplire all’esigenza di spazio crescendo in altezza

53774932

nel contempo lasciando libero sfogo alla creatività e alla fantasia di ogni proprietario, con colori e ornamenti veramente originali ed affascinanti che rispecchiano le diverse personalità degli abitanti

87788-800x535-500x334

trovano spazio fra le case magnifici esempi di antiche chiese

DSC03661

illeggiadrite dalle fantasiose cupole dei battisteri e dei  campanili

The Pinnacle List

o ammiccanti fra spazi di cieli e mare

3502950109_343f2af9bc

        San Terenzo

………………………..

..

VILLA-SHELLEY-59

Lerici e San Terenzo ormai non si distinguono più, una fila in interrotta di case fa schiera sul lungomare, costeggiando quella che viene chiamata ” Passeggiata dei due castelli” che iniziando  dal Castello di Lerici, termina al lato opposto del golfo col castello di San Terenzo

VILLA-SHELLEY-4

un tempo  quella che fu l’ultima dimora del grande Poeta inglese Percy Bysshe Shelley dove abitò con la propria famiglia, biancheggiava isolata in mezzo ad un boschetto di pini

VILLA-SHELLEY-13

la sontuosa villa Magni ospitò Henry James, David Herbert Lawrence, Lord Byron amici di Shelley agli inizi dell’ottocento

200px-Portrait_of_Percy_Bysshe_Shelley_by_Curran,_1819

L’8 luglio 1822, Shelley annega in una tempesta improvvisa mentre a bordo della sua nuova goletta, l'”Ariel“, naviga proprio verso San Terenzo

È forse che in qualche più lucente sfera
ci separiamo dagli amici che qui troviamo?
O noi vediamo passare il Futuro
oltre il vetro affumicato del Presente?
O che cosa è che ci porta a comporre
uno con l’altro i frammenti di un sogno,
parte dei quali diventa vera, e parte
batte e ci trema in cuore ?

Percy Bysshe Shelley

cast_jpg_2007226231517_cast

il castello medioevale di San Terenzo che chiude il golfo

castello s terenzo

il tetro maniero contrasta con la solenne maestosità di un rosso tramonto

tours-lerici

Soffi rossi al tramonto

Le stelle cadono a dondolare sull’amaca nel limoneto

colmano la mia mente di rose, prima che il tempo

la colmi di terra.

La calce sui muri cela il sangue di mille e mille

vite assorbite dal nulla

nella profondità di questa infinita bellezza

che mi trastulla

stranamente è passata ridendo la Morte

ha lacerato la veste sugli scogli.

Tramonto-a-Lerici-Walter-B

 

limone1334063739

Ascoltami , i poeti laureati
si muovono soltanto fra le piante
dai nomi poco usati : bossi ligustri o acanti .
Io , per me , amo le strade che riescono agli erbosi
fossi dove in pozzanghere
mezzo seccate agguantano i ragazzi
qualche sparuta anguilla :
le viuzze che seguono I ciglioni ,
discendono tra I ciuffi delle canne
e mettono negli orti , tra gli alberi dei limoni

tratta da:

                         ” I limoni” di Eugenio Montale

e con  queste rime così intense e profumate che raggiungono di sole l’anima mia, vi saluto dall’amata terra ligure sperando di avervi fatto buona compagnia

Ventisqueras

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: