Livorno – Calafuria – La cala dei pirati-Litorale di sogno fra Antignano e Quercianella-Dream coast and pirate cove

Da Livorno-Antignano fino al Romito e Castel Sonnino la litoranea è un vero sogno: panorami di ardite scogliere e macchia mediterranea si susseguono, improvviso il castello Del Boccale sembra sorgere la una fantasia di fiabaqui le correnti sono impetuose e spesso le grandi mareggiate ruggiscono rabbiose contro  gli scogli e l’armoniosa sagoma del castello appare e scompare fra gli spruzzi

la storia di questo imponente maniero ci giunge  dal buio dei secoli, sopra  i resti medioevali di una torre d’avvistamento della gloriosa Repubblica Marinara di Pisa, i Medici Signori  di Firenze ne ricostruirono le vestigia per proseguire le imponenti fortificazioni a protezione della città livornese a quei tempi sotto il loro dominio

Livorno non esisteva era solo una palude quando Pisa vi costruì  il suo secondo porto includendo le torri di avvistamento erette a contrastare la ferocia delle incursioni dei pirati Saraceni che infestavano  il “mare nostrum” assaltano,  razziando, uccidendo, facendo prigioniere giovani donne per i loro arem e giovani per farne schiavi e proseliti dell’Islam. Questo tratto di mare oltre che Calafuria si chiama  appunto anche ” Cala dei pirati”

i secoli passarono e un architetto livornese fu incaricato di fare   il progetto per inglobare quella torre in un castello, eravamo nel XIX sec. E’ privato e non visitabile

le scogliere sono un vero paradiso per i sub!

procedendo a Sud s’incontra la Torre d’avvistamento di Calafuria

nei pressi della quale si svolse il tragico epilogo dell’indimenticabile  film di Dino Risi ” Il sorpasso”  dopo Punta del Miglio e Calignaia tra le rocce in lontananza la sagoma di Castel Sonnino troneggia, inconfondibile

.La Cala del Leone è formata da falesie, molto comuni nel litorale livornese. Vi sono, verso nord, forti presenze dell’arenaria Macigno, in cui è ben evidente la serie di eventi torbiditici e, sul lato sud, separato dal Macigno da un contatto tettonico, un affioramento dell’unità ligure, formata da gabbro e, al di sopra, da una copertura sedimentaria di argilliti e argille  

l”insenatura  situata fra Calignaia e il promontorio Torre del Romito, dove sorge l’imponente castello  Il paesaggio e la natura suggestiva fanno sì che molti visitatori vi si avventurino, soprattutto in estate nonostante le difficoltà del parcheggio e dell’angusta strada per ragiungerla.

Antico, sono ubriacato dalla voce
ch’esce dalle tue bocche quando si schiudono
come verdi campane e si ributtano
indietro e si disciolgono.
La casa delle mie estati lontane,
t’era accanto, lo sai,
là nel paese dove il sole cuoce
e annuvolano l’aria le zanzare.

Eugenio Montale

Il cancello si affaccia sull’Aurelia, tra il curvone della cala del Leone e Quercianella. Dietro una strada sterrata, lunga qualche centinaio di metri.  Quelle quattro mura i livornesi le conoscono bene: sono un pezzo di storia, di panorama. Una certezza: alzi gli occhi e sai che sono lì, a vegliare il mare dall’alto, tra la rigogliosa macchia mediterranea spunta qualche fiore di cistus a illeggiadrire

Il Castel Sonnino – nato intorno a una torre medicea e diventato dimora, nell’Ottocento, del barone ministro Sidney Sonnino – 

Negli ultimi tempi i proprietari hanno aperto gratuitamente le porte alla Pro Loco di Quercianella, che sta organizzando una serie di visite guidate: gli incassi, coperte le spese, serviranno ad aiutare un centro per malati terminali e una scuola dell’infanzia.

e i lenti tramonti dorati

scavalcano i dirupi

lieta una preghiera fra i marosi

di grazie

s’innalza nella sera

Ventisqueras

Annunci

Un felice Natale dalla mia bellissima Toscana! A Merry Christmas from my beautiful Tuscany

 

Rassegna-presepi-Santa-Lucia-e1388758843777

Non sete, non molli tappeti,
ma come nei libri hanno detto
da quattromill’anni i profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Da quattromill’anni s’attese
a quest’ora su tutte le ore.
E’ nato, è nato il Signore!
E’ nato nel nostro paese.

Guido Gozzano

le dolci Poesie della tradizione della nostra infanzia. Il Natale, il Presepio e i canti di Natale fanno parte della nostra storia, del nostro essere, della dolcezza dei nostri ricordi di bambini credo che sia un nostro preciso dovere e diritto tramandarli alle future generazioni

siena

La bella Siena in tutto il suo splendore, la Piazza del Campo dove si corre il suo famosissimo Palio delle Contrade

med_mercato_natale

per festeggiare il Natalr ospita un mercatinoSiena-at-night2resized

Siena-Natale-2009ritaglio1le sue strade, e i suoi storici palazzi sono ancota più suggestivi addobbati di lici e colori

Montalcino-e-Firenze-0331

 

DSC_8741

 

Copyright-www.pgmedia.it

Lucca esiste un luogo straordinario unico al mondo, sopra un antichissimo anfiteatro Romano, in perfetta sequeza sono state costruide delle abitazioni, anche’esse molto antiche

39_eventi_luccaed anche qui si tiene un delizioso mercatino

noel_boules_guirlandes

mercatino-natale-pisaen, no! nella mia bella Pisa il mercatino di Natale non si può tenere nel Campo de miraoli, ovvio, si fa festa in Borgo

 

Albero di Natale di fronte al palazzo comunale

davanti al Palazzo Comunale

Gioco-del-Ponte-Pisa

sui lungarn

12313708_1004462379616644_7099946856788364813_n

e dai ponti

torre-di-pisa

e poi, ovvia una bella immagine della piazza illuminata ed è sempre Natale!

non poteva mancare la versione di Adeste Fideles nella versione di un grande cittadino pisano, Andrea Bocelli, in contrasto con la straordinaria vocalità di Enya la sua potenza di velluto, Frank Sinatra quando lo sentì cantare per la prima volta disse di lui ” Se Dio avesse una voce sarebbe questa!”

timthumb

 

Set_Film_N_Piombino_LI_www_bellezzedellatoscana_it_024 da Livorno ad augurarvi buon Natale un tre alberi di luce, l’Amerigo Vespucci, orgoglio della città e di tutta la marineria italiana

2523999-shopping651

 

pistoia

    Pistoia e le sue mille lanterne                                                albero_di_nataleed ancora dalla provincia di Pistoia  la sua rinomata stazione sciistica di L’Abetone : un albero di luci fra la neve

palle-di-natale

427835 Natale_2012_Prato-2ed ancora da Prato un’altra straordinaria coreografia, con antiche statue che fanno da sentinelle d’onore ad un elegantissimo e stilizzato albero di Natale

presepe-manarola-65

Natale al mare

Come uno schiaffo l’odore del mare

notte di stelle da un lontano Natale

Dove si è perso Gesù Bambino?

quello accanto al pane soffice vicino al camino…

 

 

L’odore del mare come uno schiaffo

stelle inquiete che andavano e venivano

in un girotondo senza fame né tempo

nella luna, nuotava una stella mattutina

la luna

quella infinita lievitava col pane vicino al camino

gialla, gialla, fatta di miele tutta da spalmare,

il cielo incoronato di rami d’abete era per il vento

duro come un muro,

la fiamma: un fuoco piccolo a ondeggiare

piccolo Presepe dal profumo di pane

di un lontano, troppo lontano Natale al mare.

Ventisqueras

natale-a-firenzedecxz

e per finire in bellezza una fra le città in assoluto più belle al mondo, per c

la quale ogni aggettivo superlativo  stato adoperato, cantata e amata dai più grandi artisti e Poeti Firenze

firenze_noel_2011

natale-firenze

Natale3

Casa Babbo Natale (foto Christian Maran)ed ora saliamo sulla slitta di babbo Natale che ci condurrà incontro al nuovo anno sperando che per tutti sia

Logo_International_Peace_Day_Worldun 2016 di Amore e di Pace

Ventisqueras

Nave Amerigo Vespucci, il veliero più bello del mondo-

Bankoboev_Ru_parusnik_na_zakate                    Amerigo Vespucci, nave scuola della Marina Militare Italiana

Pubblicai questa foto in   ” Notte di primavera all’Elba” suscitando moltissimo interesse, così ho pensato di dedicare  un  intero post a questo straordinario vascello

                          Il ritorno del marinaio

La prima cosa che vidi, furono i fiori

oltre i boschi che bruciavano il mondo,

poi, scarabei dorati, nelle dolci nottate di calde lune.

Di fronte alla mia nave, acqua australe

in solchi profondi, azzurri.

Frugava , il sole del Sud nei miei occhi il vento

riverberando il miele del ritorno.

Stelle in tasca, un brulicare festoso

( solo una manciata…)

di tutto il mio viaggiare furioso

a casa ho riportato.

( Ma non mi sono mai pentito

di essere partito e ritornato)

Ventisqueras

amerigo vespucci varo castellammare napoli                                Il veliero alla fonda in un giorno di tempesta con la bandiera al vento

marina il  vessillo della Marina Militare Italiana con al centro gli stemmi delle  quattro gloriose Repubbliche Marinare, partendo dall’alto il leone di San Marco per la Repubblica di Venezia,la Croce di San Giorgio per la Repubblica di Genova, una croce di Malta di origine bizantina è lo stemma della Repubblica di Amalfi,il quarto stemma è quello della    Repubblica Di Pisa,  che fu concesso alla città ghibellina ( cioè vicina all’Impero) dal Sacro Romano Imperatore Federico Barbarossa.   Successivamente  al centro fu inserita la croce, che stava a simboleggiare il popolo pisano,  fu concessa dal Papa Benedetto VII per aver liberato la Sardegna dal dominio Saraceno, nella conformazione finale sono state aggiunte per ogni braccio della croce tre sfere per un totale di 12 che rappresentano i dodici apostoli di Cristo

scusate se mi sono dilungata nella spiegazione sullo stemma pisano…ma come è noto io sono dichiaratamente di parte!!! 🙂

Le quattro città- stato sopra citate furono le principali Repubbliche Marinare italiane. Divennero potenze marittime e per secoli spadroneggiarono nel Mediterraneo, per questo in loro memoria e in memoria della loro potenza sono stati utilizzati i loro stemmi uniti insieme per creare il simbolo della Marina Italiana, ad indicare il fatto che l’Italia è da secoli un popolo di (grandi) navigatori, e che la nostra Marina è il risultato finale di una lunga storia e tradizione. La musica che accompagna il video è l’inno ufficiale della M.M. Italiana

215810057_002dd24084

la sede, in Livorno, dell’Accademia della Marina Militare Italiana, è l’istituto di formazione degli Ufficiali, sorta il 6 Novembre 1881 dalla fusione delle Scuole della Marina di Genova e di Napoli, ereditate con l’unità  d’Italia

Superata-soglia-4000-per-il-concorso-in-Accademia-Navale

una suggestiva immagine dell’interno dell’Accademia Militare Navale durante una cerimonia, sullo sfondo la grande alberatura dove i cadetti si addestrano al montaggio e allo smontaggio delle vele. Uno dei primi allievi, fu Manlio Garibaldi figlio minore dell’eroe dei due mondi.

vele_dettaglio3

dalla teoria alla pratica…

180356d1382910964-amerigo-vespucci-10447

i cadetti del pieno del loro addestramento sugli alberi della Vespucci

amerigovespuccijpg

ed ecco finalmente il nostro magnifico veliero a vele spiegate, quando la nave è completamente invelata la velocità raggiungibile è notevole, considerando anche il suo peso! Il record di velocità è di 14,6 nodi. E’ stato stabilito dall’ammiraglio Agostino Straulino, al comando di questa nave nella Campagna d’Istruzione del 1965 … “spremendo” gli Allievi del corso Kon-Tiki.

 

Amerigo_vespucci

La superficie totale delle vele è di circa 2.635 metri quadri. Sono di tela olona (tessuto di canapa) ed hanno lo spessore tra i 2 e 4 millimetri. Sono composte dall’unione, mediante cucitura, di più strisce chiamate ferzi.

palinuro

uno straodinario incontro ” al vertice” in alto mare la goletta Palinuro, altro gioiello e nave di addestramento della M M italiana incrocia la Vespucci, in gara di eleganza e di bellezza, un incontro che non potrò mai dimenticare! mi sembrava di essere tornata indietro nel tempo e trasportata in un istante in quel mondo romantico e magico della marineria a vela

plachetnica,%20more,%20zapad%20slnka%20166758

                                                                                     una visione fantastica di nave Palinuro

nave-scuola-amerigo-vespucci

            anche il cielo sembra mettercela tutta per onorare nave Vespucci  Regina del mare, ed ha inscenato una serie roboante di fuochi d’artificio!

DSC_0202 - Copia viaggi

        splendido particolare della prua,   i fregi sulla carena sono rivestiti in oro zecchino

P1210942

La polena raffigura il condottiero Amerigo Vespucci che ha dato nome  al continente Americano   ed è realizzata in bronzo dorato.

 L’uso di porre a prua una  polena affonda le sue radici nell’antichità, quando la navigazione era  esercitata per necessità e queste figure a volte misteriose o terrificanti, all’origine servivano per spaventare i nemici o per essere protetti dalle divinità
1091306689_f8e05fe666_z

fu varata nei cantieri di castellammare di Stabia nel 1928, ma entò in funzione effettiva nel 1931

4

non è a conoscenza di molti che la Vespucci avesse una nave gemella nella Cristoforo ColomboC ( qui  vediamo le due navi in una  rara foto dell’epoca) e che la stessa fu data come pagamento dei danni di guerra alla Russia, cosa inaudita per una grande nazione ha lasciato per incuria che lentamente si deteriorasse ( sembra che non avessero le maestranze adatte per il costoso restauro ) e poi distrutta in un incendio… veramente assurdo e inconcepibile!

DSC_0212 - Copia viaggi

a bordo vige una disciplina ferrea,  ogni più piccolo particolare viene tenuto del più perfetto ordine

amerigovespucci_cime

notare le dimensioni del cordame

8110

nella crociera annuale di addestramento il veliero tocca tutti i più grandi porti del mondo, accolta sempre  con grande entusiasmo  dalle varie popolazioni che si mettono in  paziente  fila per visitarla

MINOLTA DIGITAL CAMERA MINOLTA DIGITAL CAMERA

…..ancora qualche straordinario particolare di nave Vespucci, preso dal web

 

800px-Faro_del_Monte_Serra

Il 3 marzo 1977, si verificò una terribile sciagura,  un aereo partito dall’aeroporto militare di Pisa con  38 allievi della prima classe dei corsi normali dell’Accademia Navale di Livorno, a bordo per una attività di ambientamento al volo, con  un ufficiale accompagnatore e 5 membri d’equipaggio,

aereo-precipitato-monte-serra-1977-2

dopo circa 5 minuti dal decollo, si schiantò sul  Monte Serra, nel territorio di Calci, non ci furono superstiti, ogni anno vi si svolge una cerimonia commemorativa

colantA1

le cause della sciagura non furono mai chiarite, si parla di manovre azzardate da parte dei piloti per spaventare gli allievi al battesimo dell’aria(  pare fossero di routine)  stavolta finite in tragedia. Sul posto che domina la piana dell’Arno  e Pisa fino al mare ora sorge un sacrario, con un faro che nella notte brilla a ricordare quelle giovani vite così colme di speranze per l’avvenire che furono spezzate, ironia della sorte, loro votate al mare, sulle pendici di un monte che guarda il mare.

0020_197478_3444146_MGzoom

per loro ho immaginato questo viaggio con manovre notturne di quella che doveva essere il loro sogno, la loro bellissima nave

Tramonto-Nisportino

per andare incontro all’infinito

 

                Ventisqueras

                                                                       Per l’amica Giovanna -blogger ” Restlessjo”-

ecco il tuo Angelo Jo, l’ho scelto fra quelli più belli, è del Botticelli :

0c083b664d033c51d3a3064539f242aa

 

 

angelo numero 45. SEHALIAH
Motore di tutte le cose

Coro degli Angeli Virtù
Da 10° a 15° dello Scorpione

Angelo Custode dei nati
dal 3 novembre al 7 novembre

grado di virtù :Promozione

un grandissimo ringraziamento all’amica blogger” Lemieemozioniimmaginarie”

che ha voluto dedicarmi il suo gradito award ” the very inspiring blogger”

http://lemieemozioniinimmaginieparole.wordpress.com/2014/06/23/the-very-inspiring-blogger-award/

questa appendice è dovuta al fatto che come ben avrete potuto constatare il mio attuale tempo ( o meglio, la sua mancanza) non mi concede di essere presente sul blog e quindi di partecipare come tanto amerei fare ai vostri pensieri nelle vostre case, fra poco partirò per il mio viaggio dell’agosto, e non so se riuscirò ancora a postare, quindi intanto vi saluto da qui, sperando di riprendere la mia attività in pieno nel mese di settembre

GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE A TUTTI VOI AMICI E LETTORI

UN GROSSO BACIO

Ventisqueras

 

 

 

Montecristo -1- le sette perle dell’arcipelago toscano (Livorno)

montecristo2-300Può capitare a volte guardando dal litorale costiero livornese verso sud, nelle giornate limpidissime di  vedere emergere  dal mare come perle rilucenti  incastonate nell’azzurro le sette isole dell’arcipelago toscano, credete è una visione che toglie il respiro:

Elba, Gorgona, Capraia, Pianosa, Giannutri, Isola del Giglio e Montecristo

in questo post vi parlerò proprio di quest’ultima, misteriosa, splendida e colma di leggende, ispiratrice ad Alessandro Dumas  del celebre romanzo ” Il conte di Montecristo”

3336707202_971c300b38_z

Forse Dumas vi giunse come me un mattino

cui all’orizzonte un rosa corallino si mescolava distratto

a un  turchino rutilare

laggiù

dove la nebbia fumigosa di Morgana

usciva dalla tana quasi a ululare,

ti vide allora, come Venere spuntare

tra ‘l verde cristallino trasparente

nell’asprità delle  scogliere chiare:

scintillare.

Vide, forse, i suoi personaggi schierati

nella danza di fioccaggini schiumose

lenti avanzare

sfiorando nidi d’alghe e seni candidi di sirene,

certo s’innamorò dei  piccoli fiori malvati

stretti ai tuoi fianchi sinuosi   che non si vorrebbero

come amanti voluttuosi, mai da te staccare.

foto 13

L’isola di Montecristo, un paradiso di profumi, gabbiani, poseidonie  fondali da fare invidia alla barriera corallina, ma paradiso per pochi privilegiati ( io lo  sono stata )

costa-etruschi

quasi inaccessibile, sono ammessi solo 1.000 visitatori all’anno, di cui 600 sono studenti, vi attracca una sola barca al giorno ( senza il permesso di accesso si può solo circumnavigare  ed anche a debita distanza) una lista di attesa di 4 anni e 10.000 richieste ogni volta che la lista si riapre

16716106

Ostile come solo può esserlo una roccia in mezzo al mare. Eppure  richiamo languido come canto di sirena, simile a tutti  i luoghi che s´inseguono e per raggiungerli ci fanno penare.  l’odore dell´eucalipto e del rosmarino, lo scirocco in faccia, i graffi sulle mani aggrappate alla ferrata per non perdere un solo istante ad osservare.

2132882-montecristo

Cala del Diavolo è il primo scoglio su cui appoggi gli occhi quando ti trovi Montecristo davanti, si chiama così perché sotto c´è una voragine sottomarina3295612

era già nota ai Greci (con il nome di “Oglasa”od “Ocrasia”), ai Cartaginesi, ai Fenici, agli Etruschi e ai Romani, come testimoniano alcuni relitti, ritrovati nei pressi dell’isola di imbarcazioni mercantili; con queste gli antichi trasportavano prezioso granito destinato alla costruzione di ville e santuari, fra cui quelli in onore del padre degli dei. Per questo i latini denominarono l’isola Mons Jovis, cioè Montegiove.

Isola-Montecristo-07

Si narra che un terribile drago alato abitasse l’isola e che nel V secolo sia stato San Mamiliano ad ucciderlo sulla vetta più alta, il Monte della Fortezza (645 m. s.l.m.). Forse la creatura mitologica non è mai esistita, ma è certo che l’arcivescovo di Palermo, in fuga dal re dei Vandali, Genserico, abbia trovato salvezza sull’isola, rinominandola Montecristo

27087991

In onore dell’eremita Mamiliano tra il V e VII secolo i monaci benedettini eressero un convento, ancora oggi meta di visite insieme alla Grotta del Santo (240 m. s.l.m.) luogo di meditazione e di culto in cui sgorga una sorgente d’acqua fresca.

aaaa piante succulente isola di montecr

Ex-Voto-Grotta-di-Mamiliano

Si racconta che proprio nella cavità, dedicata al santo patrono dell’isola, fu nascosto il leggendario tesoro conservato dai monaci nel corso dei secoli. Alcuni storici ritengono che se ne siano impadroniti i pirati sbarcati sull’isola, gli stessi corsari che depredarono il convento dei benedettini, facendoli fuggire da Montecristo con le spoglie di San Mamiliano.

ms_fiori-dsc_0418

MONTECRISTO_6

si presume che sia stato il saraceno Dragut nel 1553 a guidare i turchi nel terribile saccheggio del monastero benedettino, mettendolo a fuoco e fiamme per impadronirsi delle ricchezze conservate dai religiosi.

gabbianomaestoso

Si tratta dello stesso tesoro di cui racconta Dumas nel celebre romanzo “Il conte di Montecristo” (1844). Il protagonista dell’opera Edmond Dantès, infatti, riesce a vendicarsi delle ingiustizie inflittegli da alcuni nemici, grazie alle ricchezze ritrovate sull’isola. Durante la prigionia sull’isolotto d’If, egli viene a conoscenza del tesoro dall’amico e compagno di sventure abate Faria. Per non farsi riconoscere dai suoi rivali, Edmond si farà chiamare “il conte di Montecristo”, celando la propria identità sotto quella di un uomo misterioso, potente e ricchissimo.

ambientinsieme_img_149

Non si è mai saputo con certezza se  Alessandro Dumas sia mai veramente approdato all’isola, certo che le sue descrizioni sono altamente fedeli

Isola%20di%20Montecristo

Leggenda e realtà non si confondono soltanto nel romanzo, perché la stessa Montecristo diverrà colonia penale nel 1878, ospitando i detenuti politici ed i loro familiari per circa un decennio. Presso Cala S.Maria sono presenti i resti del loro insediamento.

montecristo_7

Nel 1889 il Marchese Carlo Ginori divenne proprietario dell’isola per farne una riserva di caccia. Durante la sua permanenza, il nobile restaurò la villa appartenuta all’inglese George Watson Taylor, costruita a Cala Maestra circa 37 anni prima (oggi unico approdo dell’isola)
Nello stesso anno re Vittorio Emanuele III, invitato da Ginori ad una battuta di caccia, rimase folgorato dalla bellezza dell’isola toscana, decidendo di trasformarla in una riserva reale in cui introdurre nuova selvaggina. Ecco perché ancora oggi si possono scorgere mufloni sardi e capre selvatiche di origine montenegrina sulle rocce di Montecristo.

Arcipelago1

queste suggestive immagini testimoniano la bellezza dei fondali dell’isola e la trasparenza delle acque

GiglioFenaio

SenzaTitolo

42996474

ed ecco che mentre il sole comincia a salutare l’orizzonte , anche l’isola di Montecristo con tutti i suoi misteri e le leggende, come sinuosa sirena nel rosso scompareMONTECRISTO_5

Verbascum_conocarpum-2

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: