Nave Amerigo Vespucci, il veliero più bello del mondo-

Bankoboev_Ru_parusnik_na_zakate                    Amerigo Vespucci, nave scuola della Marina Militare Italiana

Pubblicai questa foto in   ” Notte di primavera all’Elba” suscitando moltissimo interesse, così ho pensato di dedicare  un  intero post a questo straordinario vascello

                          Il ritorno del marinaio

La prima cosa che vidi, furono i fiori

oltre i boschi che bruciavano il mondo,

poi, scarabei dorati, nelle dolci nottate di calde lune.

Di fronte alla mia nave, acqua australe

in solchi profondi, azzurri.

Frugava , il sole del Sud nei miei occhi il vento

riverberando il miele del ritorno.

Stelle in tasca, un brulicare festoso

( solo una manciata…)

di tutto il mio viaggiare furioso

a casa ho riportato.

( Ma non mi sono mai pentito

di essere partito e ritornato)

Ventisqueras

amerigo vespucci varo castellammare napoli                                Il veliero alla fonda in un giorno di tempesta con la bandiera al vento

marina il  vessillo della Marina Militare Italiana con al centro gli stemmi delle  quattro gloriose Repubbliche Marinare, partendo dall’alto il leone di San Marco per la Repubblica di Venezia,la Croce di San Giorgio per la Repubblica di Genova, una croce di Malta di origine bizantina è lo stemma della Repubblica di Amalfi,il quarto stemma è quello della    Repubblica Di Pisa,  che fu concesso alla città ghibellina ( cioè vicina all’Impero) dal Sacro Romano Imperatore Federico Barbarossa.   Successivamente  al centro fu inserita la croce, che stava a simboleggiare il popolo pisano,  fu concessa dal Papa Benedetto VII per aver liberato la Sardegna dal dominio Saraceno, nella conformazione finale sono state aggiunte per ogni braccio della croce tre sfere per un totale di 12 che rappresentano i dodici apostoli di Cristo

scusate se mi sono dilungata nella spiegazione sullo stemma pisano…ma come è noto io sono dichiaratamente di parte!!! 🙂

Le quattro città- stato sopra citate furono le principali Repubbliche Marinare italiane. Divennero potenze marittime e per secoli spadroneggiarono nel Mediterraneo, per questo in loro memoria e in memoria della loro potenza sono stati utilizzati i loro stemmi uniti insieme per creare il simbolo della Marina Italiana, ad indicare il fatto che l’Italia è da secoli un popolo di (grandi) navigatori, e che la nostra Marina è il risultato finale di una lunga storia e tradizione. La musica che accompagna il video è l’inno ufficiale della M.M. Italiana

215810057_002dd24084

la sede, in Livorno, dell’Accademia della Marina Militare Italiana, è l’istituto di formazione degli Ufficiali, sorta il 6 Novembre 1881 dalla fusione delle Scuole della Marina di Genova e di Napoli, ereditate con l’unità  d’Italia

Superata-soglia-4000-per-il-concorso-in-Accademia-Navale

una suggestiva immagine dell’interno dell’Accademia Militare Navale durante una cerimonia, sullo sfondo la grande alberatura dove i cadetti si addestrano al montaggio e allo smontaggio delle vele. Uno dei primi allievi, fu Manlio Garibaldi figlio minore dell’eroe dei due mondi.

vele_dettaglio3

dalla teoria alla pratica…

180356d1382910964-amerigo-vespucci-10447

i cadetti del pieno del loro addestramento sugli alberi della Vespucci

amerigovespuccijpg

ed ecco finalmente il nostro magnifico veliero a vele spiegate, quando la nave è completamente invelata la velocità raggiungibile è notevole, considerando anche il suo peso! Il record di velocità è di 14,6 nodi. E’ stato stabilito dall’ammiraglio Agostino Straulino, al comando di questa nave nella Campagna d’Istruzione del 1965 … “spremendo” gli Allievi del corso Kon-Tiki.

 

Amerigo_vespucci

La superficie totale delle vele è di circa 2.635 metri quadri. Sono di tela olona (tessuto di canapa) ed hanno lo spessore tra i 2 e 4 millimetri. Sono composte dall’unione, mediante cucitura, di più strisce chiamate ferzi.

palinuro

uno straodinario incontro ” al vertice” in alto mare la goletta Palinuro, altro gioiello e nave di addestramento della M M italiana incrocia la Vespucci, in gara di eleganza e di bellezza, un incontro che non potrò mai dimenticare! mi sembrava di essere tornata indietro nel tempo e trasportata in un istante in quel mondo romantico e magico della marineria a vela

plachetnica,%20more,%20zapad%20slnka%20166758

                                                                                     una visione fantastica di nave Palinuro

nave-scuola-amerigo-vespucci

            anche il cielo sembra mettercela tutta per onorare nave Vespucci  Regina del mare, ed ha inscenato una serie roboante di fuochi d’artificio!

DSC_0202 - Copia viaggi

        splendido particolare della prua,   i fregi sulla carena sono rivestiti in oro zecchino

P1210942

La polena raffigura il condottiero Amerigo Vespucci che ha dato nome  al continente Americano   ed è realizzata in bronzo dorato.

 L’uso di porre a prua una  polena affonda le sue radici nell’antichità, quando la navigazione era  esercitata per necessità e queste figure a volte misteriose o terrificanti, all’origine servivano per spaventare i nemici o per essere protetti dalle divinità
1091306689_f8e05fe666_z

fu varata nei cantieri di castellammare di Stabia nel 1928, ma entò in funzione effettiva nel 1931

4

non è a conoscenza di molti che la Vespucci avesse una nave gemella nella Cristoforo ColomboC ( qui  vediamo le due navi in una  rara foto dell’epoca) e che la stessa fu data come pagamento dei danni di guerra alla Russia, cosa inaudita per una grande nazione ha lasciato per incuria che lentamente si deteriorasse ( sembra che non avessero le maestranze adatte per il costoso restauro ) e poi distrutta in un incendio… veramente assurdo e inconcepibile!

DSC_0212 - Copia viaggi

a bordo vige una disciplina ferrea,  ogni più piccolo particolare viene tenuto del più perfetto ordine

amerigovespucci_cime

notare le dimensioni del cordame

8110

nella crociera annuale di addestramento il veliero tocca tutti i più grandi porti del mondo, accolta sempre  con grande entusiasmo  dalle varie popolazioni che si mettono in  paziente  fila per visitarla

MINOLTA DIGITAL CAMERA MINOLTA DIGITAL CAMERA

…..ancora qualche straordinario particolare di nave Vespucci, preso dal web

 

800px-Faro_del_Monte_Serra

Il 3 marzo 1977, si verificò una terribile sciagura,  un aereo partito dall’aeroporto militare di Pisa con  38 allievi della prima classe dei corsi normali dell’Accademia Navale di Livorno, a bordo per una attività di ambientamento al volo, con  un ufficiale accompagnatore e 5 membri d’equipaggio,

aereo-precipitato-monte-serra-1977-2

dopo circa 5 minuti dal decollo, si schiantò sul  Monte Serra, nel territorio di Calci, non ci furono superstiti, ogni anno vi si svolge una cerimonia commemorativa

colantA1

le cause della sciagura non furono mai chiarite, si parla di manovre azzardate da parte dei piloti per spaventare gli allievi al battesimo dell’aria(  pare fossero di routine)  stavolta finite in tragedia. Sul posto che domina la piana dell’Arno  e Pisa fino al mare ora sorge un sacrario, con un faro che nella notte brilla a ricordare quelle giovani vite così colme di speranze per l’avvenire che furono spezzate, ironia della sorte, loro votate al mare, sulle pendici di un monte che guarda il mare.

0020_197478_3444146_MGzoom

per loro ho immaginato questo viaggio con manovre notturne di quella che doveva essere il loro sogno, la loro bellissima nave

Tramonto-Nisportino

per andare incontro all’infinito

 

                Ventisqueras

                                                                       Per l’amica Giovanna -blogger ” Restlessjo”-

ecco il tuo Angelo Jo, l’ho scelto fra quelli più belli, è del Botticelli :

0c083b664d033c51d3a3064539f242aa

 

 

angelo numero 45. SEHALIAH
Motore di tutte le cose

Coro degli Angeli Virtù
Da 10° a 15° dello Scorpione

Angelo Custode dei nati
dal 3 novembre al 7 novembre

grado di virtù :Promozione

un grandissimo ringraziamento all’amica blogger” Lemieemozioniimmaginarie”

che ha voluto dedicarmi il suo gradito award ” the very inspiring blogger”

http://lemieemozioniinimmaginieparole.wordpress.com/2014/06/23/the-very-inspiring-blogger-award/

questa appendice è dovuta al fatto che come ben avrete potuto constatare il mio attuale tempo ( o meglio, la sua mancanza) non mi concede di essere presente sul blog e quindi di partecipare come tanto amerei fare ai vostri pensieri nelle vostre case, fra poco partirò per il mio viaggio dell’agosto, e non so se riuscirò ancora a postare, quindi intanto vi saluto da qui, sperando di riprendere la mia attività in pieno nel mese di settembre

GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE A TUTTI VOI AMICI E LETTORI

UN GROSSO BACIO

Ventisqueras

 

 

 

Il Golfo dei Poeti – 1 Portovenere e le isole -La Spezia, Liguria-Poets gulf

italia_rufc6_T0Potrebbe essere una leggenda, una favola di altre epoche portata nel mondo dalle voci del viaggiatori innamorati di questa terra

09_tellaro_tramonto2

verrebbe da pensare a qualche magia, stupirsi di trovare  il luogo che ha cullato un mito così lontano e singolare.

cliccare sulle foto per ammirare meglio la bellezza dei luoghi/click on tue photos to enlarger them 

 

notte-di-luna-piena

Notte insonne persa nel nulla del silenzio

Quando ascoltavo era soltanto vento

fruscio silenzioso s’appoggiò sul cuore,

quando guardavo era d’argento

di luna stupore

disegnava fuggitiva sull’orizzonte

a sfumarsi le parole-

Quando riguardai stava sorgendo il sole.

sunset-over-canico

Eppure, dove il mare Mediterraneo, il mare della nostra vita, si è fatto ancora più dolce e benefico così domestico da raccogliersi come in un lago, una piccola terra di riviera conserva vivo un segreto di molti secoli: è qui che la Poesia ha trovato il suo orizzonte e la sua casa.

golfo-dei-poeti-1

Youtube ha deciso che vuol farci sorbire un po’ di pubblicità, pertanto per aprire il video cliccate” guarda su Youtube”

87838667

Tra le ombre rosate dei suoi borghi, nel morbido movimento dei suoi colli, oltre l’azzurro profondissimo del suo mare, questa terra apre discreta  al sogno miracolosamente intatto di Shelley, Petrarca e Montale , il mistero della perfetta armonia di un canto all’unisono tra l’uomo  la sua terra, il suo mare.

lerici-panoramica-da-la-serra

Un microcosmo unico, così vicino alle rotte consuete del turismo, eppure così lontano dai luoghi comuni. Chi valica i suoi confini di ripide falesie e profumate pinete, sa che ha inizio un viaggio di stupore e meraviglia, ancora dopo tanti secoli un paesaggio che si insinua nello sguardo sino a confondersi con l’anima di chi lo cammina.

                                                                   I borghi: 

Porto Venere ( o Portovenere )

Liguria%20Portovenere

Il nome del borgo Portus Veneris deriva da un tempio dedicato alla dea Venere Ericina posto esattamente nel luogo in cui ora sorge la chiesa di San Pietro.

hchkYl

probabilmente legato al fatto che, secondo la tradizione, la Dea era nata dalla spuma del mare, abbondante proprio sotto quel faraglione.

questo impressionante video può davvero far pensare come una Dea possa aver scelto di nascere fra queste schiume! sembra che il mare voglia portarsi  via l’intera Punta San Pietro!

LA_NASCITA_DI_VENERE

un breve cenno la presenza nel Golfo, più precisamente a Fezzano di Alessandro  Pepoli detto il Botticelli autore del celeberrimo quadro ” La nascita di Venere”. Il Golfo dei Poeti  era un tempo chiamato Golfo di Venere

golfo_dei_poeti_02

..

mare_tbxqv_T0

da qualsiasi prospettiva o in qualsiasi ora tu la guardi questa rocca e la chiesa ripidi sulla falesia hanno un incredibile fascino

60c2221a55fc2b5e7295722109d73077

a battezzarlo  Golfo dei Poeti fu il 30 agosto del 1910 il commediografo Sem Benelli, che proprio in una villa affacciata sul mare di San Terenzo lavorò al suo capolavoro “La cena delle beffe“:   durante l’orazione funebre di Paolo Mantegazza: “Beato te, o Poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori.

5fa389b30dc0c710b914e5d477998a26

alla prima metà del XII secolo la Repubblica di Genova costruì un Castrum vetus sulla punta San Pietro, all’estremità occidentale della baia.

Liguria5

Quel primo insediamento fu racchiuso da una muraglia che dalla chiesa di San Pietro arrivava a proteggere l’intera area del borgo antico.

lig35

fu eretta tra il 1256 e il 1277, in segno di ringraziamento per la vittoria sui Pisani, in suggestiva posizione prominente sul promontorio.

513168774_0cce992eee_z

l’interno della chiesa, dai classici colonnati in marmo bianchi e neri

046

..marinai e navigatori,  popolo libero con radici fortemente legate al territorio

353b00ea-82c7-420f-89c6-0028f95e37fe4

borghi dalle verdissime colline degradanti al mare

1888768

grandi nomi della letteratura europea fissarono qui la loro casa per trarne ispirazione e beneficio intellettivo

3255400436_34d5e50f95_z

nell’incanto delle case colorate vicino agli approdi

c90e6d692d2e6fa128b67724cbdfacd6

scorci poetici occhieggianti dai vicoli

DSCN2007

e sempre infondo ad ognuno di essi la limpidità azzurra del mare

Portovenerehdr

….

portovenere-agave-con-vista-mare

..

portovenere_italia

salutiamo quello che viene anche definito anfiteatro d’acquacon un ultimo sguardo d’amore rivolto verso Punta San Pietro

                                              Le isole :

Palmaria, Tino, Tinetto

golfo

una veduta generale del Golfo dei Poeti , in evidenza Punta San Pietro e l’sola di  Palmaria

019%20-%20Palmaria%20Tino%20e%20Tinetto%20da%20buco%20nella%20scogliera

uno scorcio particolare dell’isola di  Tino  che, come quella di Tinetto sono sotto la giurisdizione militare e pertanto ( nel Golfo de La Spezia si trova uno dei più grandi arsenali della Marina Militare Italiana) non sono sempre accessibili, mentre l’isola della Palmaria lo è in qualsiasi momento

paola-8

suggestiva immagine dell’isola con il faro  in funzione

SasanquaKissii

grandi cespi di rosa canina o cistus illeggiadriscono il sottobosco

77505119

sull’isola del Tino ritroviamo le alte pareti di roccia bianca che scendono a strapiombo sul mare e la rigogliosa vegetazione sviluppatasi in una numerosa varietà di specie

IsoladelTino_01
ci sono anche i ruderi dell’abbazia di San Venerio, risalente al XI secolo, che fu un insediamento monastico spesso minacciato dalle incursioni dei Saraceni. Per questo agli inizi del XV secolo i monaci abbandonarono l’isola per trasferirsi a Le Grazie.

17092011500

Il Patrono del Golfo della Spezia è San Venerio, la cui festa è celebrata il 13 settembre di ogni anno. In tale occasione si svolge un suggestivo pellegrinaggio via mare al santuario posto sull’isola del Tino

14456055

L’isola di Palmaria è caratterizzata dalle alte falesie che in certi punti si aprono all’improvviso. Molto suggestive sono la Grotta Azzurra, da visitare con una piccola imbarcazione, e la Grotta Colombi,

Good Photos 067

frequentata in epoca preistorica, che si trova su una parete a strapiombo a circa 30 metri sul livello dell’acqua.
La vegetazione dell’isola è molto rigogliosa ed è possibile godere di tutta la sua bellezza effettuando il periplo dell’isola passeggiando lungo il sentiero di circa 6 chilometri.

isola%20palmaria[1]

probabilmente deve l’origine del suo nome al termine “Balma”=Grotta, (piuttosto che alla presenza di palme nane) presenta interessanti valori paesistici, determinati anche dalle differenti caratteristiche        orografiche dei suoi versanti: l’orientale, che scende gradatamente a mare coperto da una ricca vegetazione di tipo mediterraneo; l’occidentale, definito da ripide scogliere  che raggiungono i 188 m di altitudine. 33019001

…con una idilliaca visione del piccolo arcipelago vi saluto dal Golfo dei Poeti con questo mio primo post-

Ventis

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: