Il Golfo dei Poeti – 1 Portovenere e le isole -La Spezia, Liguria-Poets gulf

italia_rufc6_T0Potrebbe essere una leggenda, una favola di altre epoche portata nel mondo dalle voci del viaggiatori innamorati di questa terra

09_tellaro_tramonto2

verrebbe da pensare a qualche magia, stupirsi di trovare  il luogo che ha cullato un mito così lontano e singolare.

cliccare sulle foto per ammirare meglio la bellezza dei luoghi/click on tue photos to enlarger them 

 

notte-di-luna-piena

Notte insonne persa nel nulla del silenzio

Quando ascoltavo era soltanto vento

fruscio silenzioso s’appoggiò sul cuore,

quando guardavo era d’argento

di luna stupore

disegnava fuggitiva sull’orizzonte

a sfumarsi le parole-

Quando riguardai stava sorgendo il sole.

sunset-over-canico

Eppure, dove il mare Mediterraneo, il mare della nostra vita, si è fatto ancora più dolce e benefico così domestico da raccogliersi come in un lago, una piccola terra di riviera conserva vivo un segreto di molti secoli: è qui che la Poesia ha trovato il suo orizzonte e la sua casa.

golfo-dei-poeti-1

Youtube ha deciso che vuol farci sorbire un po’ di pubblicità, pertanto per aprire il video cliccate” guarda su Youtube”

87838667

Tra le ombre rosate dei suoi borghi, nel morbido movimento dei suoi colli, oltre l’azzurro profondissimo del suo mare, questa terra apre discreta  al sogno miracolosamente intatto di Shelley, Petrarca e Montale , il mistero della perfetta armonia di un canto all’unisono tra l’uomo  la sua terra, il suo mare.

lerici-panoramica-da-la-serra

Un microcosmo unico, così vicino alle rotte consuete del turismo, eppure così lontano dai luoghi comuni. Chi valica i suoi confini di ripide falesie e profumate pinete, sa che ha inizio un viaggio di stupore e meraviglia, ancora dopo tanti secoli un paesaggio che si insinua nello sguardo sino a confondersi con l’anima di chi lo cammina.

                                                                   I borghi: 

Porto Venere ( o Portovenere )

Liguria%20Portovenere

Il nome del borgo Portus Veneris deriva da un tempio dedicato alla dea Venere Ericina posto esattamente nel luogo in cui ora sorge la chiesa di San Pietro.

hchkYl

probabilmente legato al fatto che, secondo la tradizione, la Dea era nata dalla spuma del mare, abbondante proprio sotto quel faraglione.

questo impressionante video può davvero far pensare come una Dea possa aver scelto di nascere fra queste schiume! sembra che il mare voglia portarsi  via l’intera Punta San Pietro!

LA_NASCITA_DI_VENERE

un breve cenno la presenza nel Golfo, più precisamente a Fezzano di Alessandro  Pepoli detto il Botticelli autore del celeberrimo quadro ” La nascita di Venere”. Il Golfo dei Poeti  era un tempo chiamato Golfo di Venere

golfo_dei_poeti_02

..

mare_tbxqv_T0

da qualsiasi prospettiva o in qualsiasi ora tu la guardi questa rocca e la chiesa ripidi sulla falesia hanno un incredibile fascino

60c2221a55fc2b5e7295722109d73077

a battezzarlo  Golfo dei Poeti fu il 30 agosto del 1910 il commediografo Sem Benelli, che proprio in una villa affacciata sul mare di San Terenzo lavorò al suo capolavoro “La cena delle beffe“:   durante l’orazione funebre di Paolo Mantegazza: “Beato te, o Poeta della scienza che riposi in pace nel Golfo dei Poeti. Beati voi, abitatori di questo Golfo, che avete trovato un uomo che accoglierà degnamente le ombre dei grandi visitatori.

5fa389b30dc0c710b914e5d477998a26

alla prima metà del XII secolo la Repubblica di Genova costruì un Castrum vetus sulla punta San Pietro, all’estremità occidentale della baia.

Liguria5

Quel primo insediamento fu racchiuso da una muraglia che dalla chiesa di San Pietro arrivava a proteggere l’intera area del borgo antico.

lig35

fu eretta tra il 1256 e il 1277, in segno di ringraziamento per la vittoria sui Pisani, in suggestiva posizione prominente sul promontorio.

513168774_0cce992eee_z

l’interno della chiesa, dai classici colonnati in marmo bianchi e neri

046

..marinai e navigatori,  popolo libero con radici fortemente legate al territorio

353b00ea-82c7-420f-89c6-0028f95e37fe4

borghi dalle verdissime colline degradanti al mare

1888768

grandi nomi della letteratura europea fissarono qui la loro casa per trarne ispirazione e beneficio intellettivo

3255400436_34d5e50f95_z

nell’incanto delle case colorate vicino agli approdi

c90e6d692d2e6fa128b67724cbdfacd6

scorci poetici occhieggianti dai vicoli

DSCN2007

e sempre infondo ad ognuno di essi la limpidità azzurra del mare

Portovenerehdr

….

portovenere-agave-con-vista-mare

..

portovenere_italia

salutiamo quello che viene anche definito anfiteatro d’acquacon un ultimo sguardo d’amore rivolto verso Punta San Pietro

                                              Le isole :

Palmaria, Tino, Tinetto

golfo

una veduta generale del Golfo dei Poeti , in evidenza Punta San Pietro e l’sola di  Palmaria

019%20-%20Palmaria%20Tino%20e%20Tinetto%20da%20buco%20nella%20scogliera

uno scorcio particolare dell’isola di  Tino  che, come quella di Tinetto sono sotto la giurisdizione militare e pertanto ( nel Golfo de La Spezia si trova uno dei più grandi arsenali della Marina Militare Italiana) non sono sempre accessibili, mentre l’isola della Palmaria lo è in qualsiasi momento

paola-8

suggestiva immagine dell’isola con il faro  in funzione

SasanquaKissii

grandi cespi di rosa canina o cistus illeggiadriscono il sottobosco

77505119

sull’isola del Tino ritroviamo le alte pareti di roccia bianca che scendono a strapiombo sul mare e la rigogliosa vegetazione sviluppatasi in una numerosa varietà di specie

IsoladelTino_01
ci sono anche i ruderi dell’abbazia di San Venerio, risalente al XI secolo, che fu un insediamento monastico spesso minacciato dalle incursioni dei Saraceni. Per questo agli inizi del XV secolo i monaci abbandonarono l’isola per trasferirsi a Le Grazie.

17092011500

Il Patrono del Golfo della Spezia è San Venerio, la cui festa è celebrata il 13 settembre di ogni anno. In tale occasione si svolge un suggestivo pellegrinaggio via mare al santuario posto sull’isola del Tino

14456055

L’isola di Palmaria è caratterizzata dalle alte falesie che in certi punti si aprono all’improvviso. Molto suggestive sono la Grotta Azzurra, da visitare con una piccola imbarcazione, e la Grotta Colombi,

Good Photos 067

frequentata in epoca preistorica, che si trova su una parete a strapiombo a circa 30 metri sul livello dell’acqua.
La vegetazione dell’isola è molto rigogliosa ed è possibile godere di tutta la sua bellezza effettuando il periplo dell’isola passeggiando lungo il sentiero di circa 6 chilometri.

isola%20palmaria[1]

probabilmente deve l’origine del suo nome al termine “Balma”=Grotta, (piuttosto che alla presenza di palme nane) presenta interessanti valori paesistici, determinati anche dalle differenti caratteristiche        orografiche dei suoi versanti: l’orientale, che scende gradatamente a mare coperto da una ricca vegetazione di tipo mediterraneo; l’occidentale, definito da ripide scogliere  che raggiungono i 188 m di altitudine. 33019001

…con una idilliaca visione del piccolo arcipelago vi saluto dal Golfo dei Poeti con questo mio primo post-

Ventis

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: