La valle dei ciliegi, Castello di Lari, Pisa

 

i-ciliegi-in-fiore

….c’era una volta una valle dove fiorivano i ciliegi

e fortunatamente c’è ancora

 

f4ed79_0a4b2b42dce244748f0bc7076c89d819_jpg_srz_675_506_85_22_0_50_1_20_0

e c’era una volta un castello abitato dai fantasmi… che, si dice, ci siano ancora

 

 

lari

il Castello è quello medioevale dei  Vicari, qui vicino, a Lari, in provincia di Pisa…venite che vi accompagno

 

              La valle dei ciliegi

D’antico ocra vestito gigante altero
immoto riposi
abbandonato, come vecchio al sole,
riposano i tuoi piedi tra cipressi, filari di viti
e olivi, -castello di Lari-

Emergendo  dai tuoi colli ventosi
da secoli t’incurvi ad osservare
-in semicerchio di luci chiare-
a maggio l’alba a festa dei ciliegi.

Il candore ne ascolti, in sottofondo
sciami d’api a ronzare, marea
danzante che s’espande, e disperde
polline al crocevia del tempo.

Nell’arcate di  pietre consunte
del borgo, tra un rosseggiare di gerani
troni di aranci e di limoni esplodono
dall’angolo dove il rugoso vento
va a girare richiamando
di canti, voci antiche di vittoria.

Ventisqueras

1292_image@image

nella corte del castello sui muri bianchi di calce gli stemmi della potente casata dei Vicari

 

 

fiore-di-ciliegio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

lari01

 

sull’intersezione di tre crinali superiori, arroccato su una dolcissima valle  di ciliegi, ulivi secolari e cipressi sorge il piccolo borgo di Lari  sovrastato  al centro dal suo imponente Castello dei Vicari.

lari18

La struttura attuale risale alla prima metà del Seicento, ma la sua esistenza è accertata già da alcuni documenti risalenti all’alto medioevo.

castello-di-lari-pi-italia

fu conteso tra Pisa, che se ne impossessò e lo trasformò in Capitanato del Comune,  e Firenze che conquistò definitivamente Lari intorno al 1400, potenziandone tra le altre cose il sistema difensivo, dopo numerosi scontri e sanguinose battaglie.

 

vista_castello

Il castello divenne la dimora stabile dei Vicari nonché sede del tribunale, che includeva la  sala delle torture, luogo dove gli interrogati venivano giustiziati qualora fossero risultati colpevoli, tra le più atroci sofferenze

sala_torture

La sala dei tormenti. (ovvero la sala delle torture) E’ molto sconvolgente questa visita, si possono osservare e toccare ( brrrr) gli autentici strumenti dell’epoca, quali solo menti perverse potevano immaginare e costruire per terrorizzare e procurare sofferenza a poveri esseri umani, magari anche innocenti

torturesala


immagini  raccapriccianti, e come ogni luogo degli orrori che si rispetti anche il castello di Lari ha i suoi fantasmi.Giovanni Princi (detto il Rosso della Paola) venne incarcerato a Lari per le sue idee politiche e all’interno del castello trovò anche la morte dal momento che fu trovato impiccato alle inferriate della sua cella la mattina del 16 dicembre 1922.

 

Lari%20sotterraneaLe ragioni della sua morte (apparentemente un suicidio) non furono mai chiarite, anche se sul corpo furono trovati segni inequivocabili di percosse e torture e fu quindi ipotizzato che fosse stato ucciso e poi solo successivamente impiccato.
Quando il carcere venne chiuso l’ex guardiano continuò ad abitare il castello insieme alla sua famiglia e questi furono i primi ad affermare che ogni tanto, la notte del 15 di dicembre, il Rosso della Paola tornava a manifestarsi. Molte altre persone affermano di aver assistito a fatti inspiegabili avvenuti all’interno del castello e soprattutto di aver visto un uomo, avvolto da una strana nebbia, dileguarsi velocemente nell’oscurità.

809ED14D9BEE99B376480CD99DFA158C_zoom800x600

Gostanza da Libbiano fu anche lei ospite di queste tetre prigioni  inquisita per stregoneria, in realtà praticava solo cure diremmo oggi omeopatiche, era una strega buona, ma fu accusata di avere ucciso un giovane con le sue erbe,  trattenuta per lungo tempo nella cella al castello dove  finì per impazzire, ed anche se  non fu riconosciuta colpevole e in seguito liberata, morì senza riacquistare le sue facoltà intellettive e pare che ogni tanto torni nella  cella  dove fu tenuta prigioniera e  gridi tutta la sua disperazione, le sue urla strazianti nelle notti di luna echeggiano in tutta la valle.

1286_image@image

ma lasciamo queste atrocità e torniamo a camminare per le belle viuzze del borgo

lari04

La bella chiesa del secolo X di Santa maria Assunta dedicata anche al culto di San Leonardo di Noblac,  abate, eremita, di Limoges o del Limosino (castello di Vandôme, Corroi, 496 circa – Noblac, 6 novembre 545 ) il suo culto risale all’epoca delle Repubbliche Marinare, gli equipaggi, viaggiando molto riportavano nei piccoli centri della provincia di Pisa echi di eventi lontani

 

10066133

case caratteristiche con accesi colori rallegrano le vie

esterne211045232103104530_big

panni stesi ad asciugare alle finestre sventolano come festose bandiere

f4ed79_60dd945eff4640d7b038547149096c1f_jpg_srz_675_506_85_22_0_50_1_20_0

mentre ad ogni passo nuove  prospettive  ci accarezzano dalle stradine vuote,  ripercorrendo antichi passi che hanno consunto questo acciottolato

43186691 lari  scorci panoramici incorniciati dal candore dei ciliegi e dagli austeri cipressi incantano eciliegi-in-fioreqq ancora ci abbagliano

ciliegie-die-lari

a  tutta questa abbondanza di fiori seguono poi i frutti succosi,  inevitabile vi fosse una sagra paesana dedicata appunto alle ciliegie

gallery_lari-cherry-festival

le strade si riempiono di colorate e festose bancarelle ed è impossibile resistere all’acquisto di questo dolcissimo

550_image

ed invitante frutto

Castello%20di%20Lari

sui rami del ciliegio due colombelle, una chiara, una scura

una era il sole, l’altra la bella luna, io non ero nessuno

ma volavo con loro quando accese fuochi la notte nel cielo

Ventisqueras

 

Panorama_Lari_Sera_Febbario_2012_Ritagliata

la neve qui è un evento raro e questa nevicata nel 2012 ha accresciuto fascino all’indiscussa bellezza della valle dei ciliegi

Sala_Consiglio_Lari_Febbraio_2012_Ritagliata1

 

yHERwUIjMLwpJtvGrhi2

Fiore di ciliegio

Soffia un vento d’occhi chiari sulle cime delle colline,

spazia un gracidare di tenero sole
Esplodono i ciliegi in chiarore mentre il corvo

gracchia sui merli della torre e la ragazza dorata

nel fiume si bagna i capelli e l’acqua s’inchiara.

Cerco silenzi di guanciali, poggio il capo
sopra quel manto di profumato fiore
candida stella. tenero dolore.

   Ventisqueras

11_13_27_36_1

ancora una volta il mio saluto ve lo lascio da qui, i miei impegni ancora non mi permettono di essere presente sul blog. Sto bene, ringrazio chi ha chiesto notizie della mia salute. Vi ringrazio tantissimo dell’attenzione e affetto che continuate a dimostrarmi nonostante la mia , ormai lunga assenza. Vi ricordo e vi abbraccio tutti con affetto. MI MANCATE TANTO!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: