4) Istambul, Costantinopoli o Bisanzio? Il corno d’oro-The golden horn

1Tremila anni di storia ci  scorrono davanti, il Corno d’oro è il lungo fiordo che divide in due la città d’ Istambul

acde611763b87365f14dadf50602202d

Nei tempi antichi l’entrata in questa lingua di mare era impedita da una grossa catena che veniva tirata da Costantinopoli fino alla torre di Galata.

DSC_0195

Solo 3 volte nella sua storia navi nemiche riuscirono a eludere l’ostacolo: ad esempio durante l’assedio di Galata che portò alla caduta di Costantinopoli nel 1453.

Fuori-dalla-MOschea-Nuova

ma la modernità avanza tra le onde di un canale dove il traffico si adegua a quello delle strade.

03-moschea-di-solimano

Risalendo il Corno d’Oro – Verso Nord scorrono vecchi cantieri ottomanni, il quartiere ebraico. A Eminonu, scalo marittimo nei pressi del Bazar Egiziano si comincia ad annusare il Bosforo

651-istanbul

le rutilanti visioni notturne così intense e colorate mettono addosso uno strano smarrimento come se la testa pressata fra passato e presente restasse indecisa quale via scegliere

Istanbul-di-notte

ma poi si capisce che non c’è niente da scegliere ma solo da attingere a piene mani da ogni scorcio, da ogni visione che stupefacente si sussegue e ti fa sentire ogni volta diversamente felice

stretto-del-bosforo_388040 1762_900x600_2_img_1302022300_bazar_istanbul1

Piercing e tatuaggi, turban o veli neri. Negozi griffati o griglie di pannocchie tutto in un piacevole caos che mi distrae dal preciso percorso che mi ero prefissa

4_2

Il gran Bazar

et voilà! si passeggia in mezzo a mucchi e a torri di broccati di Bagdad, tappeti di Caramania,

173093897_d418b04245_z

sete di Brussa, mussoline del Bengala, scialli di Madras, in questo gigantesco labirinto di strade si allineano da cinque a seimila negozi!  oltre che ristoranti, Moschee, stazioni di polizia,  banche…

5890641818_f504c81508_o

cuscini arabescati d’oro, vaporosi veli di seta in cui il chermisino, il blu, il verde il giallo si avvicinano e s’intrecciano con armonia e ardimento, tappeti con intessuti versetti del corano, caffettani di velluto rosso contornati d’ermellino e coperti di stelle, ampi calzoni rosa e viola che richiamano  gli harem e le odalische profumate

viaggio-istanbul-consigli-gran-bazar_3051-890x593devo confessare che passando di fronte a vetrine come questa ( il turchese è una delle mie pietre preferite), ho dovuto tenere a bada il feroce istinto di assaltare il negozio ha ha ha!

istanbul_uu6mb_T0

e ancora intenta a scrutare le lampade multicolori certa che ne sarebbe uscito il Genio di Aladino anche senza strofinarla e che magari mi avrebbe permesso di avere tutti quei gioielli di turchese senza assaltare il negozio 🙂 hi hi hi

 P1040608

il profumo delle spezie esposte in bella mostra stordisce e insieme allieta il girovagare piacevolmete senza una meta precisa

09Istanbul 047

lasciandosi trasportare dalla marea della folla che vociando in diverse lingue  contribuisce a fare una piacevole confusione nei pensieri

 

thA1CCTCXM

L’aria sa di narghilè come dello strato bruciato dell’ultimo kebab al baracchino del porto. Istanbul dal mare è l’eco della preghiera del muezzin che sale alta e si fonde con la radio dei vaporetti.

grandbazaar29

 

img_3189_T0

 

Piccole perle di luce ( Ricordi)

prendo appunti sulla punta delle dita
per stendere tra le finestre dei sottotetti
il bisbiglio delle stelle che gocciano di luce
la melodia dei ricordi che batte  tasti silenziosi
 il vento  passa sulle soglie addormentate
a elemosinare piccole perle innaffiate
dalla malinconia dei giorni asciutti
dietro le trasparenze dei vetri.
    Ventisqueras

Detesto non solo le celle della prigione, ma anche quelle dell’arte, dove si sta in pochi o da soli, sono per la chiarezza senza ombre del sole allo zenit, che non nasconde nulla del bene e del male. Se la poesia regge a questa gran luce, allora è vera poesia.

NAZIM HIKMET
D4D_3468B

 

Istanbul città liquida se ce n’è una, 35 chilometri che un tempo erano la trafficata quotidianità di mercanti e conquistatori: oggi una passerella lungo villaggi di pescatori, moschee, porticcioli invasi da stuoli di turisti  curiosi.

come non cedere all’invito di lasciarsi ammaliare dalla sensualissima danza del ventre?

istambul1-1024x1024

per salutarvi in questo post che vorrei definire di tematiche “leggere” qualche immagine che definirei “curiosa”

viaggi_istanbul_cosa_visitare_turchia_3437-890x593

🙂

turchia_adhk9_T560 he he he buon riposo!

IMG_4083

questo micetto è da bacio! grazie dell’attenzione, un grande abbraccio

Ventisqueras

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: